聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 28 08 2016 alle 21,55

ANGELUS, 28/08/2016

Papa FrancescoAppena possibile anch’io spero di venire a trovarvi. All’Angelus Papa Francesco esprime la sua vicinanza alle famiglie colpite dal sisma nel Lazio, Marche e Umbria. Una visita per portare di persona il conforto della fede, l’abbraccio di padre e fratello e il sostegno della speranza cristiana. L’orgoglio, l’arrivismo, la vanità, l’ostentazione sono la causa di molti mali. Scegliere la gratuità invece del calcolo opportunistico che cerca di ottenere una ricompensa. Le mense per i poveri diffondono la cultura della gratuità. Il 1° settembre Giornata mondiale di preghiera per la cura del Creato, insieme con i fratelli ortodossi e altre Comunità ecclesiali.


– “Spero di venire a trovarvi”: è il desiderio espresso da papa Francesco fin dal primo mattino del terremoto che ha colpito l’Italia centrale lo scorso 24 agosto. Il pontefice ha espresso questo desiderio anche oggi dopo la preghiera dell’Angelus recitata in piazza san Pietro con i pellegrini. Secondo voci girate in Vaticano il 24 agosto, papa Francesco avrebbe voluto andare a visitare i terremotati lo stesso giorno, ma è stato sconsigliato perché la sua presenza avrebbe intralciato il lavoro delle squadre di emergenza.

In questi giorni, mentre continua il lavoro per la ricerca di sopravvissuti e di salme sotto le macerie, diversi politici italiani si sono riversati sui luoghi del terremoto, rischiando di rendere difficile l’opera dei soccorritori.

Il papa andrà “appena possibile”.  “Desidero rinnovare – ha detto Francesco - la mia vicinanza spirituale agli abitanti del Lazio, delle Marche e dell’Umbria, duramente colpiti dal terremoto di questi giorni. Penso in particolare alla gente di Amatrice, Accumoli, Arquata e Pescara del Tronto, Norcia. Ancora una volta dico a quelle care popolazioni che la Chiesa condivide la loro sofferenza e le loro preoccupazioni, prega per i defunti e per i superstiti. La sollecitudine con cui Autorità, forze dell’ordine, protezione civile e volontari stanno operando, dimostra quanto sia importante la solidarietà per superare prove così dolorose. Cari fratelli e sorelle, appena possibile anch’io spero di venire a trovarvi, per portarvi di persona il conforto della fede, l’abbraccio di padre e fratello e il sostegno della speranza cristiana”.

Il papa ha poi rivolto l’invito ai presenti: “Preghiamo per questi fratelli e sorelle, tutti insieme: Ave Maria…”

In precedenza il pontefice aveva commentato il vangelo della domenica (XXII per anno, C, Luca 14, 1.7-14), riguarda due parabole narrate da Gesù a proposito della corsa a prendere i primi posti nei banchetti e sulla ricerca di ricompensa nel fare favori a chi ci può contraccambiare.

La prima parabola si conclude con l’invito di Gesù: “quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto” (Lc 14, 8-9).

“Con questa raccomandazione – ha spiegato il papa - Gesù non intende dare norme di comportamento, ma una lezione sul valore dell’umiltà. La storia insegna che l’orgoglio, l’arrivismo, la vanità, l’ostentazione sono la causa di molti mali. E Gesù ci fa capire la necessità di scegliere l’ultimo posto, di cercare la piccolezza e il nascondimento. Quando ci poniamo davanti a Dio in questa dimensione di umiltà, allora Dio ci esalta, si china verso di noi per elevarci a sé; «perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato» (v.11)”.

“Le parole di Gesù – ha continuato - sottolineano atteggiamenti completamente diversi e opposti: l’atteggiamento di chi si sceglie il proprio posto e l’atteggiamento di chi se lo lascia assegnare da Dio e aspetta da Lui la ricompensa. Non dimentichiamolo: Dio paga molto di più degli uomini! Lui ci dà un posto molto più bello di quello che ci danno gli uomini! Il posto che ci dà Dio è vicino al suo cuore e la sua ricompensa è la vita eterna. «Sarai beato … Riceverai la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti» (v. 14)”.

Riferendosi poi alla seconda parabola, egli ha spiegato: “Si tratta di scegliere la gratuità invece del calcolo opportunistico che cerca di ottenere una ricompensa. Infatti i poveri, i semplici, quelli che non contano, non potranno mai ricambiare un invito a mensa. Così Gesù dimostra la sua preferenza per i poveri e gli esclusi, che sono i privilegiati del Regno di Dio, e lancia il messaggio fondamentale del Vangelo che è servire il prossimo per amore di Dio. Oggi, Gesù si fa voce di chi non ha voce e rivolge a ciascuno di noi un accorato appello ad aprire il cuore e fare nostre le sofferenze e le ansie dei poveri, degli affamati, degli emarginati, dei profughi, degli sconfitti dalla vita, di quanti sono scartati dalla società e dalla prepotenza dei più forti”

“In questo momento – ha concluso - penso con gratitudine alle mense dove tanti volontari offrono il loro servizio, dando da mangiare a persone sole, disagiate, senza lavoro o senza fissa dimora. Queste mense sono palestre di carità che diffondono la cultura della gratuità, perché quanti vi operano sono mossi dall’amore di Dio e illuminati dalla sapienza del Vangelo. Così il servizio ai fratelli diventa testimonianza d’amore, che rende credibile e visibile l’amore di Cristo.

Chiediamo alla Vergine Maria di condurci ogni giorno sulla via dell’umiltà, di renderci capaci di gesti gratuiti di accoglienza e di solidarietà verso gli emarginati, per diventare degni della ricompensa divina”.

Prima di salutare tutti i pellegrini, Francesco ha ricordato che il 1° settembre verrà celebrata la Giornata mondiale di preghiera per la cura del Creato, “insieme con i fratelli ortodossi e di altre Comunità ecclesiali”. “Sarà – ha aggiunto - un’occasione per rafforzare il comune impegno a salvaguardare la vita, rispettando l’ambiente e la natura”.