聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 02 01 2016 alle 13,54

OMELIA,01/01/2016

Papa alla Porta Santa di S. Maria Maggiore: Maria, Madre di Cristo e del perdono che rinnova la vita
All’apertura della Porta Santa della basilica di S. Maria Maggiore, papa Francesco sottolinea che Maria 
è la Madre del Dio che perdona, che insegna la Chiesa a perdonare oltre la legge con i suoi cavilli e 
la sapienza di questo mondo con le sue distinzioni”. Il perdono apre alla gioia e alla serenità perché
libera l’anima dai pensieri di morte, mentre il rancore e la vendetta sobillano la mente e lacerano
 il cuore togliendogli il riposo e la pace.


 Papa Francesco Maria “Madre di Dio” è anche “Madre del perdono” che “non conosce limiti” e che “rinnova la vita”, riempiendola “di vera felicità”. “La Madre del perdono insegna alla Chiesa” il perdono che non si ferma davanti alla “legge con i suoi cavilli” o alla “sapienza di questo mondo con le sue distinzioni”. Sono alcune delle parole nell’omelia che papa Francesco ha pronunciato oggi pomeriggio alla messa seguita all’apertura della Porta Santa della basilica di santa Maria Maggiore, primo tempio mariano nella storia della Chiesa, costruita dopo il concilio di Efeso, che ha proclamato Maria “Madre di Dio” (nell’anno 431). La cappella dedicata all’icona di Maria Salus Populi Romani è molto cara al pontefice: egli vi si è recato almeno 30 volte dal giorno dopo la sua elezione e prima e dopo ogni viaggio apostolico (v. foto). In qualche modo, con l'apertura di questa Porta Santa, egli consacra tutto il Giubileo della Misericordia a Maria, dalla quale abbiamo ricevuto il "Dio che perdona".

Il pontefice è arrivato poco prima delle 17 (ora locale) e con un rito molto semplice ha aperto la Porta Santa della basilica. Quindi, recandosi in processione fino all’altare centrale, ha continuato la messa nella solennità di Maria Madre di Dio.

Nell’omelia egli ha preso come traccia un antico inno in latino, il Salve mater Misericordia, che canta Maria come “Madre di misericordia, Madre di Dio e Madre del perdono, Madre della speranza e Madre della grazia, Madre piena di santa letizia”.

“Madre di Misericordia”: “La Porta Santa che abbiamo aperto – ha detto -  è di fatto una Porta della Misericordia. Chiunque varca quella soglia è chiamato a immergersi nell’amore misericordioso del Padre, con piena fiducia e senza alcun timore; e può ripartire da questa Basilica con la certezza che avrà accanto a sé la compagnia di Maria. Lei è Madre della misericordia, perché ha generato nel suo grembo il Volto stesso della divina misericordia, Gesù, l’Emmanuele, l’Atteso da tutti i popoli, il «Principe della pace» (Is 9,5). Il Figlio di Dio, fattosi carne per la nostra salvezza, ci ha donato la sua Madre che, insieme a noi, si fa pellegrina per non lasciarci mai soli nel cammino della nostra vita, soprattutto nei momenti di incertezza e di dolore”.

“Maria  - ha proseguito - è Madre di Dio che perdona, che dà il perdono, e per questo possiamo dire che è Madre del perdono. Questa parola – ‘perdono’ – tanto incompresa dalla mentalità mondana, indica invece il frutto proprio, originale della fede cristiana. Chi non sa perdonare non ha ancora conosciuto la pienezza dell’amore. E solo chi ama veramente è in grado di giungere fino al perdono, dimenticando l’offesa ricevuta. Ai piedi della Croce, Maria vede il suo Figlio che offre tutto Sé stesso e così testimonia che cosa significa amare come ama Dio. In quel momento sente pronunciare da Gesù parole che probabilmente nascono da quello che lei stessa gli aveva insegnato fin da bambino: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno» (Lc 23,34). In quel momento, Maria è diventata per tutti noi Madre del perdono. Lei stessa, sull’esempio di Gesù e con la sua grazia, è stata capace di perdonare quanti stavano uccidendo il suo Figlio innocente.
Per noi, Maria diventa icona di come la Chiesa deve estendere il perdono a quanti lo invocano. La Madre del perdono insegna alla Chiesa che il perdono offerto sul Golgota non conosce limiti. Non può fermarlo la legge con i suoi cavilli, né la sapienza di questo mondo con le sue distinzioni. Il perdono della Chiesa deve avere la stessa estensione di quello di Gesù sulla Croce, e di Maria ai suoi piedi. Non c’è alternativa. È per questo che lo Spirito Santo ha reso gli Apostoli strumenti efficaci di perdono, perché quanto è stato ottenuto dalla morte di Gesù possa raggiungere ogni uomo in ogni luogo e in ogni tempo (cfr Gv 20,19-23)”.

Infine, «Madre della speranza e Madre della grazia, Madre piena di santa letizia»: “La speranza – ha commentato il papa -  la grazia e la santa letizia sono sorelle: tutte sono dono di Cristo, anzi, sono altrettanti nomi di Lui, scritti, per così dire, nella sua carne. Il regalo che Maria ci dona dandoci Gesù Cristo è quello del perdono che rinnova la vita, che le consente di compiere di nuovo la volontà di Dio, e che la riempie di vera felicità. Questa grazia apre il cuore per guardare al futuro con la gioia di chi spera. È l’insegnamento che proviene anche dal Salmo: «Crea in me, o Dio, un cuore puro, rinnova in me uno spirito saldo. [...] Rendimi la gioia della tua salvezza» (51,12.14). La forza del perdono è il vero antidoto alla tristezza provocata dal rancore e dalla vendetta. Il perdono apre alla gioia e alla serenità perché libera l’anima dai pensieri di morte, mentre il rancore e la vendetta sobillano la mente e lacerano il cuore togliendogli il riposo e la pace”.

E ha concluso: “Attraversiamo, dunque, la Porta Santa della Misericordia con la certezza della compagnia della Vergine Madre, la Santa Madre di Dio, che intercede per noi. Lasciamoci accompagnare da lei per riscoprire la bellezza dell’incontro con il suo Figlio Gesù. Spalanchiamo il nostro cuore alla gioia del perdono, consapevoli della fiduciosa speranza che ci viene restituita, per fare della nostra esistenza quotidiana un’umile strumento dell’amore di Dio. E con amore di figli acclamiamola con le stesse parole del popolo di Efeso, al tempo dello storico Concilio: ‘Santa Madre di Dio!’”.

Francesco ha poi invitato i presenti a ripetere "tutti insieme e forte" il titolo "Santa Madre di Dio!".

Alla fine della messa il papa si è recato nella cappella paolina, dove è esposta l'icona di Maria Salus Populi Romani e ha offerto una composizione di fiori.

Subito dopo il pontefice si è recato davanti alla basilica per salutare la folla radunata all'esterno. Dopo avere invitato tutti a gridare per tre volte  "Santa Madre di Dio!", Francesco li ha esortati a confidare nel perdono di Dio e ha augurato a tutti "buon Anno”.