聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 08 05 2014 alle 12,45

UDIENZA GENERALE, mercoledì 7 Maggio 2014

1

Salmo 16,7-8

chiudi

Salmo 16,7-8

[7] Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;  anche di notte il mio cuore mi istruisce. 
[8] Io pongo sempre innanzi a me il Signore,  sta alla mia destra, non posso vacillare. 

chiudi

Attraverso il dono del consiglio, Dio ci fa comprendere le vie da seguire

Signore, aiutami, consigliami, cosa devo fare adesso?'
Il dono di consigliare i figli. E' un dono di Dio.
Benedico il Signore che mi ha dato consiglio
 

Papa FrancescoAll'udienza generale di stamani il Papa ha proseguito la sua catechesi sui doni dello Spirito Santo. Oggi ha parlato del dono del consiglio. Sappiamo – ha detto - quanto è importante, soprattutto nei momenti più delicati, poter contare sui suggerimenti di persone sagge e che ci vogliono bene. Ora, attraverso il dono del consiglio, è Dio stesso, con il suo Spirito, a illuminare il nostro cuore, così da farci comprendere il modo giusto di parlare e di comportarsi e la via da seguire. Ma come agisce in noi? Nel momento in cui lo accogliamo e lo ospitiamo nel nostro cuore – ha affermato - lo Spirito Santo comincia subito a renderci sensibili alla sua voce e a orientare i nostri pensieri, i nostri sentimenti e le nostre intenzioni secondo il cuore di Dio. Nello stesso tempo, ci porta sempre più a rivolgere lo sguardo interiore su Gesù, come modello del nostro modo di agire e di relazionarci con Dio Padre e con i fratelli. Il consiglio, allora, è il dono con cui lo Spirito Santo rende capace la nostra coscienza di fare una scelta concreta in comunione con Dio, secondo la logica di Gesù e del suo Vangelo. In questo modo, lo Spirito ci fa crescere interiormente, ci fa crescere positivamente, ci fa crescere nella comunità e ci aiuta a non cadere in balia dell'egoismo e del proprio modo di vedere le cose, così, lo Spirito ci aiuta a crescere e anche a vivere in comunità".
"La condizione essenziale per conservare questo dono - ha proseguito - è la preghiera". E sempre – ha aggiunto - torniamo sullo stesso punto: la preghiera. "Ma, è tanto importante la preghiera, pregare. Pregare le preghiere che tutti noi sappiamo da bambini ma anche pregare con le nostre parole, pregare il Signore: 'Signore, aiutami, consigliami, cosa devo fare adesso?'. E con la preghiera facciamo spazio perché lo Spirito venga e ci aiuti in quel momento, ci consigli su quello che tutti noi dobbiamo fare. La preghiera, mai dimenticare la preghiera, mai. Nessuno se ne accorge quando noi preghiamo nel bus, sulla strada, preghiamo in silenzio, col cuore, approfittiamo di questi momenti per pregare. Pregare perché lo Spirito ci dia questo dono del consiglio".
"Nell'intimità con Dio e nell'ascolto della sua Parola – ha osservato - pian piano mettiamo da parte la nostra logica personale, dettata il più delle volte dalle nostre chiusure, dai nostri pregiudizi e dalle nostre ambizioni, e impariamo invece a chiedere al Signore: qual è il tuo desiderio?, chiedere consiglio al Signore. E questo lo facciamo con la preghiera". "In questo modo – ha spiegato - matura in noi una sintonia profonda, quasi connaturale nello Spirito e si sperimenta quanto siano vere le parole di Gesù riportate nel Vangelo di Matteo: «Non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell'ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi» (Mt 10,19-20). E' lo Spirito che ci consiglia ma noi dobbiamo dare spazio allo Spirito perché ci consigli e dare spazio è pregare, pregare perché Lui venga e ci aiuti sempre".
"Come tutti gli altri doni dello Spirito, poi – ha detto - anche il consiglio costituisce un tesoro per tutta la comunità cristiana. Il Signore non ci parla soltanto nell'intimità del cuore, - ci parla, sì, ma non soltanto lì - ma anche attraverso la voce e la testimonianza dei fratelli. È davvero un dono grande poter incontrare degli uomini e delle donne di fede che, soprattutto nei passaggi più complicati e importanti della nostra vita, ci aiutano a fare luce nel nostro cuore e a riconoscere la volontà del Signore!".
Quindi ha aggiunto a braccio: "Io ricordo una volta, ero nel confessionale, e una coda lunga davanti, nel Santuario di Lujan, la diocesi di quel vescovo che è lì, e c'era nella coda un ragazzotto, tutto moderno con i tatuaggi … Ed è venuto per dirmi cosa gli succedeva. Era un problema grosso, difficile. 'E tu che faresti? Io ho raccontato tutto questo alla mia mamma e mia mamma mi ha detto: Vai dalla Madonna e lei ti dirà cosa devi fare'. Ecco, una donna che aveva il dono del consiglio. Non sapeva come uscire dal problema del figlio ma ha indicato la strada giusta: 'Vai dalla Madonna e lei ti dirà'. Questo è il dono del consiglio. Non dire: 'Ma, questo…'. Lasciare che lo Spirito parli. E quella donna, umile, semplice, ha dato al figlio il consiglio più vero, il consiglio più bello, perché questo ragazzo mi ha detto: 'Io ho guardato la Madonna e ho sentito che devo fare questo, questo, questo'. Io non ho dovuto parlare. Tutto la mamma, la Madonna e il ragazzo. Questo è il dono del consiglio. Voi mamme che avete questo dono, chiedete questo dono per i vostri figli: il dono di consigliare i figli. E' un dono di Dio". "Cari amici – ha detto concludendo la catechesi in italiano - il Salmo 16 ci invita a pregare con queste parole: «Benedico il Signore che mi ha dato consiglio; anche di notte il mio animo mi istruisce. Io pongo sempre davanti a me il Signore, sta alla mia destra, non potrò vacillare» (vv. 7-8). Che lo Spirito possa sempre infondere nel nostro cuore questa certezza e ricolmarci così della sua consolazione e della sua pace! Chiedete sempre il dono del consiglio. Grazie". Ai fedeli di lingua araba, rivolgendo in particolare il suo saluto a quelli provenienti dal Medio Oriente, ha detto che "nessuna anima che si lascia guidare da Dio ne rimane delusa o perde la strada: non seguite i consiglieri falsi, dalle sembianze attraenti, ma che ci conducono solo da una schiavitù all'altra; lasciatevi guidare dallo Spirito del Signore, attraverso i sentieri della vita, per vivere la volontà del Padre, sull'esempio del Figlio".
Salutando i Pellegrini polacchi, ha ricordato che "domenica scorsa, facendo visita alla comunità polacca presso la Chiesa di San Stanislao a Roma" ha detto che è cominciata "la strada verso l'incontro in Polonia per la Giornata Mondiale della Gioventù che – a Dio piacendo – si svolgerà nel 2016. Camminiamo insieme, uniti nell'amore e nella preghiera, seguendo l'invito di San Giovanni Paolo II a essere sempre giovani nello Spirito Santo".