聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 07 10 2015 alle 08,50

Discorso, SINODO, 06/10/2015

La dottrina sul matrimonio non è in discussione e la comunione ai divorziati risposati non è l’unico problema
Nei 72 interventi fatti “molti” hanno riguardato “la crescita della coppia e della famiglia e 

l’accoglienza necessaria per aiutare questa crescita”. Tra gli interrogativi a cui rispondere, 
come la Chiesa può essere comunità accogliente che sostiene le famiglie in difficoltà” 


–  La dottrina sul matrimonio non è in discussione e la comunione ai divorziati risposati non è l’unico problema  che il sinodo deve affrontare. L’ha detto stamattina papa Francesco in un breve intervento ai lavori dell’assemblea. Lo ha riferito padre Federico Lombardi, direttore della Sala stampa della Santa Sede, nel briefing sui lavori del mattino.

Francesco, ha detto ancora padre Lombardi, ha fatto notare che “il Sinodo è da vivere in continuità con quello straordinario dell’anno scorso, e che i documenti da ritenere ufficiali sono i due discorsi del Papa, all’inizio e alla fine, e la Relatio Synodi, studiata dal Consiglio del Sinodo e alla quale sono stati aggiunti i contributi giunti tra le due assemblee: così si è ottenuto l’Instrumentum laboris, approvato come documento dei lavori del Sinodo che si celebra ora”. Il Papa ha inoltre detto che “ora si continua con l’apporto dei Circoli Minori, che contribuiscono a far procedere i lavori verso la Relazione Finale”.

“Molti interventi” hanno riguardato “la crescita della coppia e della famiglia e l’accoglienza necessaria per aiutare questa crescita”. Tra gli interrogativi a cui rispondere, “come la Chiesa può essere comunità accogliente che sostiene le famiglie in difficoltà”. Il rapporto tra le generazioni, con l’importanza degli anziani e le “problematiche connesse alle migrazioni”, soprattutto da parte dei padri e patriarchi orientali, altri temi del dibattito. Si è parlato della “rivoluzione culturale epocale che stiamo vivendo e in cui si colloca il lavoro del Sinodo; la riflessione su quale sia il linguaggio appropriato, da parte della Chiesa, per descrivere le situazioni ed evitare l’impressione di un giudizio negativo nei confronti di situazioni e persone”, prendendo esempio dal “linguaggio usato dal Papa nelle catechesi, come modo concreto, semplice, chiaro e positivo di parlare della famiglia nel mondo di oggi”.

Non sono mancati, inoltre, interventi sulla violenza nelle famiglie e nella società, in particolare sulle donne. Diversi interventi sono stati incentrati proprio sul ruolo della donna nel matrimonio e nella famiglia. Si è parlato anche di immigrazione, rifugiati, di “come la famiglia ha agito nelle persecuzioni, del lavoro minorile, delle situazioni di difficoltà legate a grande povertà o conflitti, del “matrimonio a tappe” e della poligamia in Africa.

Nel corso delle riunioni del Sinodo che si sono tenute fino ad ora "hanno parlato 72 Padri, rappresentativi di tutti i continenti”. Tra i partecipanti che hanno preso la parola, 10 sono dell'America Latina, 7 dell'America settentrionale, 26 dell'Europa, 12 dell'Africa, 8 di Asia e Oceania e 6 del Medio Oriente. La maggior parte degli interventi è stata fatta in italiano, ma anche in inglese, francese, spagnolo, tedesco, portoghese. Nella riunione di ieri sera c'è stata un'ora dedicata agli interventi liberi. Nel corso di questa sessione alcuni interventi hanno riguardato la metodologia dei lavori del Sinodo.

Stamattina, infine, il cardinal George Alencherry, presidente del sinodo della Chiesa siro-malabarese (India), ha affrontato la questione del celibato nel corso della sua omelia della messa che ha aperto il secondo giorno di lavori del Sinodo. Portando l’esempio del profeta Geremia, “Gli fu chiesto di non prendere moglie - ha affermato - ha dovuto fare esperienza di solitudine, così come fece Gesù”. “I pastori della Chiesa oggi sono chiamati ad assumere sulle proprie vite un ruolo di sofferenza simile a quella di Geremia”.