聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 05 10 2015 alle 09,45

ANGELUS, 04/10/2015

Genitori ed educatori, strumenti “di quell’amore con cui Gesù abbraccia i più piccoli”
All’Angelus, papa Francesco chiede preghiere per il Sinodo sulla famiglia e chiede di 
accogliere i bambini “affamati, abbandonati, sfruttati, costretti alla guerra, rifiutati”. 
Non una “società-fortezza”, ma una “società-famiglia, capaci di accogliere, con regole adeguate, 
ma accogliere, accogliere sempre, con amore”. Pregare per il Sinodo. 
La beatificazione del monaco cistercense Pio Heredia e diciassette compagni e compagne,
 martiri della guerra civile spagnola. Il ricordo delle vittime della frana in Guatemala e dell’alluvione in Francia del sud.


Papa Francesco– “Oggi chiediamo al Signore che tutti i genitori e gli educatori del mondo, come anche l’intera società, si facciano strumenti di quell’accoglienza e di quell’amore con cui Gesù abbraccia i più piccoli. Egli guarda nei loro cuori con la tenerezza e la sollecitudine di un padre e al tempo stesso di una madre”.

E’ l’invocazione e l’invito che papa Francesco ha espresso prima della preghiera dell’Angelus insieme ai pellegrini radunati in piazza san Pietro, subito dopo la messa che ha inaugurato il Sinodo sulla famiglia.

I “piccoli” di cui il papa parla sono anzitutto i bambini e i rifugiati: “Penso a tanti bambini affamati, abbandonati, sfruttati, costretti alla guerra, rifiutati. È doloroso vedere le immagini di bambini infelici, con lo sguardo smarrito, che scappano da povertà e conflitti, bussano alle nostre porte e ai nostri cuori implorando aiuto. Il Signore ci aiuti a non essere società-fortezza, ma società-famiglia, capaci di accogliere, con regole adeguate, ma accogliere, accogliere sempre, con amore”.

Anche nella messa appena terminata il pontefice aveva parlato della missione della Chiesa “nella carità”, “con le porte aperte ad accogliere chiunque bussa chiedendo aiuto e sostegno; di uscire dal proprio recinto verso gli altri con amore vero, per camminare con l’umanità ferita, per includerla e condurla alla sorgente della salvezza”.

Il papa ha chiesto a tutti i presenti  di “sostenere con la preghiera i lavori del Sinodo, affinché lo Spirito Santo renda i Padri Sinodali pienamente docili alle sue ispirazioni”.

“I Padri Sinodali – ha spiegato - provenienti da ogni parte del mondo e riuniti intorno al Successore di Pietro, rifletteranno per tre settimane sulla vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nella società, per un attento discernimento spirituale e pastorale. Terremo lo sguardo fisso su Gesù per individuare, sulla base del suo insegnamento di verità e di misericordia, le strade più opportune per un impegno adeguato della Chiesa con le famiglie e per le famiglie, perché il disegno originario del Creatore sull’uomo e la donna possa attuarsi e operare in tutta la sua bellezza e la sua forza nel mondo di oggi”.

Dopo la preghiera mariana, Francesco ha ricordato che ieri, a Santander, in Spagna, sono stati proclamati beati Pio Heredia e diciassette compagni e compagne dell’Ordine cistercense della stretta osservanza e di san Bernardo, uccisi per la loro fede durante la guerra civile spagnola e la persecuzione religiosa degli anni ’30 del secolo scorso. “Lodiamo il Signore – ha aggiunto - per questi suoi coraggiosi testimoni e, per loro intercessione, supplichiamolo di liberare il mondo dal flagello della guerra”.

Il papa ha poi espresso “solidarietà concreta” per le vittime della frana a Cambray in Guatemala (69 morti e 350 dispersi), e per quelle dell’alluvione a Cannes e Nizza, nella Francia del sud (con almeno 12 morti).