聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 03 05 2014 alle 12,57

UDIENZA GENERALE, mercoledì 30 aprile 2014

Dio ci doni la grazia dell’intelletto per capire le cose come Lui
Il dono dell’intelletto è una "grazia" divina
Questo dono ci fa capire le cose come le capì Dio
con questo dono dello Spirito Santo possiamo capire la profondità delle parole di Dio.


Papa FrancescoÈ la grazia dell'intelletto che permette alle persone di fede di leggere e comprendere ogni cosa con gli occhi e il cuore di Dio. È questo il pensiero di fondo della catechesi che Papa Francesco ha svolto all'udienza generale di questa mattina in Piazza San Pietro, davanti a circa 60 mila persone. 
 
Per capire le cose della vita usiamo l'intelligenza, per comprendere quelle di Dio abbiamo bisogno dell'"intelletto". La prima è una dote umana, il secondo è un dono dello Spirito Santo. Papa Francesco distingue tra due parole che i vocabolari considerano sinonimi. Non così nella dimensione della fede, dove fra intelligenza e intelletto corre invece un abisso perché – spiega il Papa – rispetto all'intelligenza l'intelletto è una "grazia" divina che suscita nel cristiano "la capacità di andare al di là dell'aspetto esterno della realtà e scrutare le profondità del pensiero di Dio e del suo disegno di salvezza":
 
"Questo dono ci fa capire le cose come le capì Dio, come le capisce Dio, con l'intelligenza di Dio. Perché uno può capire una situazione con l'intelligenza umana, con prudenza, e va bene. Ma, capire una situazione in profondità, come le capisce Dio, è l'effetto di questo dono. E Gesù ha voluto inviarci lo Spirito Santo perché noi abbiamo questo dono, perché tutti noi possiamo capire le cose come Dio le capisce, con l'intelligenza di Dio. E' un bel regalo che il Signore ci ha fatto a tutti noi".
 
Regalo che non vuol dire automatismo, perché per "intus legere", cioè per "leggere dentro" – come dicevano i latini, da cui la parola "intelletto" – è necessaria una vita di fede, alla quale questo dono è "strettamente connesso", afferma il Papa. Che soggiunge: "Quando lo Spirito Santo abita nel nostro cuore e illumina la nostra mente ci fa crescere giorno dopo giorno nella comprensione di quello che il Signore ha detto e ha compiuto":
 
"Capire gli insegnamenti di Gesù, capire la sua Parola, capire il Vangelo, capire la Parola di Dio. Uno può leggere il Vangelo e capire qualcosa, ma se noi leggiamo il Vangelo con questo dono dello Spirito Santo possiamo capire la profondità delle parole di Dio. E questo è un gran dono, un gran dono che tutti noi dobbiamo chiedere e chiedere insieme: Dacci, Signore, il dono dell'intelletto".
 
Un dono che permette di capire anche le cose della vita, ma dal punto di vista di Dio e come esempio emblematico Papa Francesco termina la catechesi citando la vicenda dei discepoli di Emmaus, che tristi e disperati tornano a casa senza riconoscere che Gesù cammina accanto a loro se non quando comincia a spiegare le Scritture che Lo riguardano. Solo in quel momento, ricorda il Papa, "le loro menti si aprono e nei loro cuori si riaccende la speranza":
 
"E questo è quello che fa lo Spirito Santo con noi: ci apre la mente, ci apre per capire meglio, per capire meglio le cose di Dio, le cose umane, le situazioni, tutte le cose. E' importante il dono dell'intelletto per la nostra vita cristiana. Chiediamolo al Signore, che ci dia, che ci dia a tutti noi questo dono per capire, come capisce Lui, le cose che accadono e per capire, soprattutto, la Parola di Dio nel Vangelo".
 
Nelle sue parole in varie lingue post-catechesi, Papa Francesco ha ricordato a più riprese la Canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, salutando i vari gruppi di pellegrini che affollano a migliaia la Basilica per venerare i due Papi Santi. La vostra visita, ha concluso, "sia occasione per approfondire la propria appartenenza al Popolo santo di Dio".