聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 22 09 2015 alle 12,12

Discorso, CUBA, 19/09/2015

La “normalizzazione” con gli Usa “segno del prevalere della cultura dell’incontro.
Francesco arrivato a L’Avana e ricorda l’appello di Giovanni Paolo II “affinché Cuba 
si apra con tutte le sue magnifiche possibilità al mondo e il mondo si apra a Cuba. 
La Chiesa continui a poter accompagnare e incoraggiare il popolo cubano , “con libertà e con i mezzi e gli spazi necessari. 


Papa Francesco – La Chiesa continui a poter accompagnare e incoraggiare il popolo cubano , “con libertà e con i mezzi e gli spazi necessari” e prosegua il cammino di “un avvenimento che ci riempie di speranza: il processo di normalizzazione delle relazioni tra due popoli, dopo anni di allontanamento. È un segno del prevalere della cultura dell’incontro, del dialogo”. Sono i due auspici espressi da papa Francesco al suo arrivo all’Avana, qualche minuto prima delle 16, ora locale, accolto da Raul Castro (nella foto), presidente del Consiglio di Stato e del Consiglio dei ministri.

Il Papa, nel suo saluto, ricorda gli 80 anni dello stabilimento delle relazioni diplomatiche tra la Repubblica di Cuba e la Santa Sede, esprime “speciale considerazione e rispetto” per Fidel Castro, ricorda le visite di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI e i cento anni della proclamazione della Vergine della Carità del Cobre quale Patrona di Cuba. “Da quel momento, Ella ha accompagnato la storia del popolo cubano, sostenendo la speranza che custodisce la dignità delle persone nelle situazioni più difficili e difendendo la promozione di tutto ciò che conferisce dignità all’essere umano”.

Ma soprattutto, Francesco parla della “normalizzazione” dei rapporti tra Cuba e gli Stati Uniti, un fatto del quale sia il presidente Obama che Raul Castro hanno più volte riconosciuto, anche in una telefonata di ieri, il ruolo svolto dal Papa e dalla Santa Sede. “Incoraggio – dice oggi il Papa - i responsabili politici a proseguire su questo cammino e a sviluppare tutte le sue potenzialità, come prova dell’alto servizio che sono chiamati a prestare a favore della pace e del benessere dei loro popoli, di tutta l’America, e come esempio di riconciliazione per il mondo intero”.

“Geograficamente – aggiunge - Cuba è un arcipelago che si affaccia verso tutte le direzioni, con uno straordinario valore come ‘chiave’ tra nord e sud, tra est e ovest. La sua vocazione naturale è quella di essere punto d’incontro perché tutti i popoli si trovino in amicizia, come sognò José Martí, «oltre le strettoie degli istmi e le barriere dei mari» (Conferenza Monetaria delle Repubbliche d’America, in Obras escogidas II, La Habana 1992, 505). Questo stesso desiderio fu di san Giovanni Paolo II con il suo ardente appello «affinché Cuba si apra con tutte le sue magnifiche possibilità al mondo e il mondo si apra a Cuba» (Discorso all’arrivo, 21 gennaio 1998, 5)”.

C’è un'altra evidenza, nel discorso del Papa: la richiesta di libertà per la Chiesa, ora tollerata, ma per decenni controllata e oppressa. “Oggi – dice infatti dopo aver ricordato gli 80 anni di rapporti diplomatici - rinnoviamo questi legami di cooperazione e amicizia perché la Chiesa continui ad accompagnare ed incoraggiare il popolo cubano nelle sue speranze e nelle sue preoccupazioni, con libertà e con i mezzi e gli spazi necessari per far giungere l’annuncio del Regno fino alle periferie esistenziali della società”.

Quasi una risposta popolare alla sua richiesta è il calore che. dopo la protocollare cerimonia di benvenuto, accompagna Francesco lungo i 18 chilometri che dividono l’aeroporto dalla nunziatura, dove il Papa si reca. Bandierine, grida, saluti. Una vera festa.