聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 20 04 2015 alle 17,27

REGINA CAELI, 19 aprile 2015

0

Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi. Il messaggio cristiano non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti. 
Il ricordo e la preghiera per la nuova tragedia” dei migranti, fratelli nostri che cercavano la felicità.
Papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. 
Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”
Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.


Papa Francesco-Il papa si è soffermato sulle letture della messa di oggi (III Domenica di Pasqua, B), in cui “risuona per due volte la parola ‘testimoni’”. “Ogni battezzato – ha spiegato - è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Si è poi soffermato a spiegare “chi è il testimone”. “Il testimone – ha detto - è uno che ha visto, che ricorda e racconta. Vedere, ricordare e raccontare sono i tre verbi che ne descrivono l’identità e la missione. Il testimone è uno che ha visto, con occhio oggettivo, ha visto una realtà, ma non con occhio indifferente; ha visto e si è lasciato coinvolgere dall’evento. Per questo ricorda, non solo perché sa ricostruire in modo preciso i fatti accaduti, ma perché quei fatti gli hanno parlato e lui ne ha colto il senso profondo. Allora il testimone racconta, non in maniera fredda e distaccata, ma come uno che si è lasciato mettere in questione, e da quel giorno ha cambiato vita”.

Il contenuto della testimonianza cristiana – ha continuato - non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti. Egli può essere testimoniato da quanti hanno fatto esperienza personale di Lui, nella preghiera, nella sua Chiesa, attraverso un cammino che ha il suo fondamento nel Battesimo, il suo nutrimento nell’Eucaristia, il suo sigillo nella Confermazione, la sua continua conversione nella Penitenza. Grazie a questo cammino, sempre guidato dalla Parola di Dio, ogni cristiano può diventare testimone di Gesù risorto. E la sua testimonianza è tanto più credibile quanto più traspare da un modo di vivere evangelico, gioioso, coraggioso, mite, pacifico, misericordioso. Se invece il cristiano si lascia prendere dalle comodità, dalla vanità, dall’egoismo, se diventa sordo e cieco alla domanda di “risurrezione” di tanti fratelli, come potrà comunicare Gesù vivo, la potenza liberatrice di Gesù vivo e la sua tenerezza infinita?.

Maria nostra Madre – ha concluso -  ci sostenga con la sua intercessione, affinché possiamo diventare, con i nostri limiti, ma con la grazia della fede, testimoni del Signore risorto, portando alle persone che incontriamo i doni pasquali della gioia e della pace”.

– Un “ricordo” e una “preghiera” per i morti e le loro famiglie e un accorato appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”, affinché non si ripetano “tragedie” simili: papa Francesco ha espresso così la sua partecipazione alla notizia dell’affondamento di un barcone al largo delle coste libiche, che avrebbe fatto morire 700 migranti su di esso imbarcati. Il barcone proveniva dall’Egitto; una nave giunta nelle vicinanze ha ricuperato finora solo 28 persone vive.

Dopo il Regina Caeli di oggi, scandendo con lentezza ogni parola, Francesco ha detto: “Cari fratelli e sorelle, stanno giungendo in queste ore notizie relative ad una nuova tragedia nelle acque del Mediterraneo. Un barcone carico di migranti si è capovolto la scorsa notte a circa 60 miglia dalla costa libica e si teme vi siano centinaia di vittime. Esprimo il mio più sentito dolore di fronte a una tale tragedia ed assicuro per gli scomparsi e le loro famiglie il mio ricordo e la mia preghiera. Rivolgo un accorato appello affinché la comunità internazionale agisca con decisione e prontezza, onde evitare che simili tragedie abbiano a ripetersi”. Rivolgendosi poi alle decine di migliaia di pellegrini nella piazza, egli ha aggiunto a braccio: “Sono uomini e donne come noi, fratelli nostri che cercano una vita migliore, affamati, perseguitati, feriti, sfruttati, vittime di guerre. Cercano una vita migliore. Cercavano la felicità. Vi invito a pregare in silenzio prima e poi tutti insieme per questi fratelli e sorelle.

E dopo un breve silenzio, il papa ha intonato un’Ave Maria, recitata da tutti i presenti.

Prima di salutare e di augurare “buon pranzo”, Francesco ha ricordato a tutti che oggi inizia a Torino la solenne ostensione della sacra Sindone. Per venerarla, il papa si recherà a Torino il prossimo 21 giugno. Auspico – ha aggiunto - che questo atto di venerazione ci aiuti tutti a trovare in Gesù Cristo il Volto misericordioso di Dio, e a riconoscerlo nei volti dei fratelli, specialmente i più sofferenti.