聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 20 03 2015 alle 21,38

Lettera alla Commissione internazionale contro la pena di morte, 20 marzo 2015

La pena di morte è inammissibile, offende la dignità della vita e contraddice il disegno di Dio.
Per uno Stato di diritto essa rappresenta una sconfitta, perché lo obbliga a uccidere in nome della giustizia, 

Perde ogni legittimità di fronte alla possibilità di errori giudiziari. Sì a una una moratoria universale delle esecuzioni, 
in vista dell'abolizione della pena capitale”. L'ergastolo può essere considerato una pena di morte nascosta.
 


Papa francesco- Ai giorni nostri la pena di morte "è inammissibile, per grave che sia stato il delitto del condannato" in quanto "non rende giustizia alle vittime, ma incoraggia la vendetta" e "per uno Stato di diritto" essa "rappresenta una sconfitta, perché lo obbliga a uccidere in nome della giustizia". Papa Francesco è tornato oggi a ribadire in modo chiaro e argomentato il no della Chiesa alla pena di morte, "offesa alla inviolabilità della vita e alla dignità della persona umana, che contraddice il disegno di Dio sull'uomo e la società".

Papa Francesco, che già in passato si era espresso contro la pena capitale, questa volta ha messo per iscritto le sue considerazioni, contenute in una lettera consegnato, al presidente della Commissione internazionale contro la pena di morte, Federico Mayor, ricevuto questa mattina insieme a una delegazione della Commissione.

Nel documento il Papa esprime anche apprezzamento per l'impegno della Commissione per "una moratoria universale" delle esecuzioni, "in vista dell'abolizione della pena capitale".

Francesco torna anche a ripetere che "l'ergastolo, così come tutte la condanne che per la loro durata rendono impossibile per il condannato progettare un futuro, può essere considerato una pena di morte nascosta", perché non si priva la persona solo della sua libertà ma anche della speranza. Di ergastolo come una "pena di morte coperta" Francesco aveva parlato, ricorda la lettera di oggi, il 23 ottobre 2014, incontrando un gruppo di giuristi dell'Associazione penale internazionale. In quell'occasione ricordò che "già Giovanni Paolo II ha condannato la pena di morte", aggiungendo che, torna a scrivere, "tutti i cristiani e gli uomini di buona volontà sono dunque chiamati oggi o a lottare non solo per l'abolizione della pena di morte, legale o illegale che sia, e in tutte le sue forme, ma anche al fine di migliorare le condizioni carcerarie, nel rispetto della dignità umana delle persone private della libertà".

Gli Stati, prosegue il Papa, "possono uccidere" con la guerra, con il diritto penale o al di fuori del diritto, ma "la vita, specialmente quella umana, appartiene solo a Dio. Neppure l'omicida perde la sua dignità di persona e Dio stesso se ne fa garante". "Dio non punisce Caino con la morte, perché chiede il pentimento del peccatore e non la sua morte".

La pena di morte, inoltre, "perde ogni legittimità" di fronte alla possibilità di errori giudiziari, perché "la giustizia umana è imperfetta". E infine "con l'applicazione della pena capitale si elimina la possibilità del condannato di riparare, o cambiare il danno provocato, la possibilità di confessarsi", "la conversione, il pentimento e l'espiazione, per giungere all'incontro con l'amore misericordioso di Dio e la guarigione".