聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 09 03 2015 alle 08,41

ANGELUS, 8 marzo 2015

1

Gv 2,13-25;

chiudi

Gv 2,13-25;

Gv 2,13-25

[13] Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. 

[14] Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe, e i cambiavalute seduti al banco. 

[15] Fatta allora una sferza di cordicelle, scacciò tutti fuori del tempio con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiavalute e ne rovesciò i banchi, 

[16] e ai venditori di colombe disse: "Portate via queste cose e non fate della casa del Padre mio un luogo di mercato". 

[17] I discepoli si ricordarono che sta scritto: Lo zelo per la tua casa mi divora. 

[18] Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: "Quale segno ci mostri per fare queste cose?". 

[19] Rispose loro Gesù: "Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere". 

[20] Gli dissero allora i Giudei: "Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?". 

[21] Ma egli parlava del tempio del suo corpo. 

[22] Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù. 

[23] Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa molti, vedendo i segni che faceva, credettero nel suo nome. 

[24] Gesù però non si confidava con loro, perché conosceva tutti 

[25] e non aveva bisogno che qualcuno gli desse testimonianza su un altro, egli infatti sapeva quello che c'è in ogni uomo. 

chiudi

In Quaresima costruiamo a Dio un tempio nella nostra vita, permettendogli di "fare pulizia". Il saluto alle donne.
P apa Francesco chiede di fare della nostra esistenza "un segno del suo amore per i nostri fratelli, specialmente i più deboli e i più poveri”. 

Fare pulizia dagli "atteggiamenti di cupidigia, gelosia, mondanità, invidia, odio, quell'abitudine di chiacchierare e spellare gli altri”. 
Un ringraziamento alle donne: dove sono emarginate, "il mondo è sterile". Essere vicini alle persone che vivono momenti di difficoltà.


Papa Francesco- Il tempo di Quaresima è un periodo in cui "noi costruiamo a Dio un tempio nella nostra vita", ma occorre chiedersi "Gli permettiamo di fare 'pulizia' nel nostro cuore e di scacciare gli idoli ... che forse si sono insediati?".  E' quanto papa Francesco ha detto ai pellegrini radunati in piazza san Pietro per l'Angelus di oggi. Dopo la preghiera mariana il pontefice ha anche salutato tutte le donne, in occasione della loro Festa  oggi 8 marzo.

Il papa ha anzitutto commentato il vangelo della terza domenica di Quaresima (B, Giov. 2, 13-25), in cui si narra della cacciata dei venditori dal tempio e si dà il primo annuncio della morte e resurrezione di Gesù («Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere» (v. 19)).

"Questo gesto di Gesù - ha spiegato . e il suo messaggio profetico si capiscono pienamente alla luce della sua Pasqua. ...: il suo corpo, distrutto sulla croce dalla violenza del peccato, diventerà nella Risurrezione il luogo dell'appuntamento universale tra Dio e gli uomini. Per questo la sua umanità è il vero tempio, dove Dio si rivela, parla, si fa incontrare; e i veri adoratori di Dio non sono i custodi del tempio materiale, i detentori del potere e del sapere religioso, ma coloro che adorano Dio «in spirito e verità» (Gv 4,23).

"In questo tempo di Quaresima - ha aggiunto - ci stiamo preparando alla celebrazione della Pasqua, quando rinnoveremo le promesse del nostro Battesimo. Camminiamo nel mondo come Gesù e facciamo di tutta la nostra esistenza un segno del suo amore per i nostri fratelli, specialmente i più deboli e i più poveri, noi costruiamo a Dio un tempio nella nostra vita. E così lo rendiamo "incontrabile" per tante persone che troviamo sul nostro cammino". 

Discostandosi poi dal testo preparato, egli ha detto: "Ma - ci domandiamo e ognuno di noi si domandi - il Signore si sente veramente a casa nella mia vita? Gli permetto di fare 'pulizia' nel mio cuore e di scacciare gli idoli (cioè quelli gli atteggiamenti di cupidigia, gelosia, mondanità, invidia, odio, quell'abitudine di chiacchierare e spellare gli altri? Tutti quegli atteggiamenti contro Dio e contro il prossimo? Ognuno domandi questo nel suo cuore)".

 "Padre, ma io ho paura! Non temere: Gesù fa pulizia con la misericordia e con la tenerezza. Lasciamo che Cristo entri a fare pulizia. La frusta di Gesù è la sua misericordia. Apriamogli la porta per lasciargli fare un po' di pulizia".

"Ogni Eucaristia - ha concluso - che celebriamo con fede ci fa crescere come tempio vivo del Signore, grazie alla comunione con il suo Corpo crocifisso e risorto. Gesù conosce quello che c'è in ognuno di noi, e conosce pure il nostro più ardente desiderio: quello di essere abitati da Lui, solo da Lui. Lasciamolo entrare nella nostra vita, nella nostra famiglia e nei nostri cuori. Maria Santissima, dimora privilegiata del Figlio di Dio, ci accompagni e ci sostenga nell'itinerario quaresimale, affinché possiamo riscoprire la bellezza dell'incontro con Cristo, che ci libera e ci salva".

Dopo la preghiera dell'Angelus, Francesco ha salutato tutte le donne, in occasione della festa dell'8 marzo. "Oggi, 8 marzo - ha detto - un saluto a tutte le donne [grande applauso dalla folla] le donne che ogni giorno cercano di costruire una società più umana e accogliente. E un grazie fraterno a quelle che in mille modi testimoniano il Vangelo e lavorano nella Chiesa. E questa è per noi un'occasione per ribadire l'importanza delle donne e la necessità della loro presenza nella vita. Un mondo dove le donne sono emarginate, è un mondo che è sterile. Le donne non solo portano la vita, ma ci permettono di vedere oltre,...".

Il pontefice ha anche rivolto un altro invito quaresimale: "Durante questa Quaresima, cerchiamo di stare più vicini alle persone che stanno vivendo momenti di difficoltà: vicini con l'affetto, la preghiera e la solidarietà”.