聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 19 02 2015 alle 10,04

UDIENZA GENERALE, 18 febbraio 2015

0

La comunità internazionale possa trovare soluzioni pacifiche alla difficile situazione in Libia.
Papa Francesco torna a invitare alla preghiera "per i nostri fratelli egiziani", uccisi in Libia "per il solo fatto di essere cristiani”. 

Pace anche per l'Ucraina. "Fratello" e "sorella" sono "parole che il cristianesimo ama molto" e la storia ha mostrato a sufficienza, 
del resto, che anche la libertà e l'uguaglianza, senza la fraternità, possono riempirsi di individualismo e di conformismo, anche di interesse. 


Papa Francesco - "La comunità internazionale possa trovare soluzioni pacifiche alla difficile situazione in Libia". Papa Francesco è tornato oggi a chiedere pace per il Medio Oriente, il nord Africa e l'Ucraina, rinnovando anche per il terzo giorno consecutivo l'invito a pregare "per i nostri fratelli egiziani che tre giorni fa sono stati uccisi in Libia per il solo fatto di essere cristiani. Il Signore li accolga nella sua casa, dia conforto alle loro famiglie e alle loro comunità".

L'appello del Papa è giunto al termine di una udienza generale nel corso della quale è tornato anche a esprimere l'auspicio di pace per l'Ucraina. Salutando i vescovi di quel Paese, a Roma per la quinquennale visita "ad limina", il Papa ha infatti detto: "portate alle Tombe degli Apostoli la richiesta della pace in Ucraina. Porto nel cuore lo stesso desiderio e mi unisco alla vostra preghiera perché al più  presto venga la pace duratura nella vostra Patria".

Prima delle preghiere per la pace, Francesco, proseguendo nelle sue riflessioni sulla famiglia, aveva dedicato la catechesi alla "fratellanza". Alle 15mila persone presenti in piazza san Pietro tra le quali è passato a lungo sulla jeep bianca, sulla quale, a un certo punto, ha fatto salire un ragazzo e una ragazza, il Papa ha detto che quello di "fratello" e "sorella" sono "parole che il cristianesimo ama molto" e "la storia ha mostrato a sufficienza, del resto, che anche la libertà e l'uguaglianza, senza la fraternità, possono riempirsi di individualismo e di conformismo, anche di interesse".

"Il legame fraterno ha un posto speciale nella storia del popolo di Dio, che riceve la sua rivelazione nel vivo dell'esperienza umana" e "Gesù Cristo ha portato alla sua pienezza anche questa esperienza umana dell'essere fratelli e sorelle, assumendola nell'amore trinitario e potenziandola così che vada ben oltre i legami di parentela e possa superare ogni muro di estraneità". "Ma quando si rompe il legame fra fratelli diviene una cosa brutta, anche cattiva per l'umanità. E anche in famiglia, quanti fratelli hanno litigato per piccole cose, o per un'eredità, e poi non si parlano più, non si salutano più... Ma questo è  brutto. La fratellanza è una cosa grande, pensare che tutti e due, tutti i fratelli hanno abitato il grembo della stessa mamma durante nove mesi, vengono dalla carne della mamma! E non si può rompere la fratellanza. Pensiamo un po', tutti conosciamo famiglie che hanno i fratelli divisi, che hanno litigato, pensiamo un po' e chiediamo al Signore per queste famiglie - forse nella nostra famiglia ci sono alcuni casi - perché il Signore ci aiuti a riunire i fratelli, ricostituire la famiglia. La fratellanza non si deve rompere e quando si rompe succede quello che è accaduto con Caino e Abele e quando il Signore domanda a Caino dov'era suo fratello: 'Ma, io non so, a me non importa di mio fratello'. Questo è brutto, è una cosa molto, molto dolorosa da sentire. Ma, nelle nostre preghiere sempre preghiamo per i fratelli che si sono divisi".

"Il legame di fraternità che si forma in famiglia tra i figli se avviene in un clima di educazione all'apertura agli altri, è la grande scuola di libertà e di pace. In famiglia, fra i fratelli si impara la convivenza umana, come si deve convivere in società. Forse non sempre ne siamo consapevoli, ma è proprio la famiglia che introduce la fraternità nel mondo! A partire da questa prima esperienza di fraternità, nutrita dagli affetti e dall'educazione familiare, lo stile della fraternità si irradia come una promessa sull'intera società e sui rapporti tra i popoli".

"La benedizione che Dio, in Gesù Cristo, riversa su questo legame di fraternità lo dilata in un modo inimmaginabile, rendendolo capace di oltrepassare ogni differenza di nazione, di lingua, di cultura e persino di religione. Pensate che cosa diventa il legame fra gli uomini, anche diversissimi fra loro, quando possono dire di un altro: 'Questo è proprio come un fratello, questa è proprio come una sorella per me!' E' bello questo, è bello! La storia ha mostrato a sufficienza, del resto, che anche la libertà e l'uguaglianza, senza la fraternità, possono riempirsi di individualismo e di conformismo, anche di interesse".

"La fraternità in famiglia  risplende in modo speciale quando vediamo la premura, la pazienza, l'affetto di cui vengono circondati il fratellino o la sorellina più deboli, malati, o portatori di handicap. I fratelli e le sorelle che fanno questo sono moltissimi, in tutto il mondo, e forse non apprezziamo abbastanza la loro generosità. E quando i fratelli sono tanti in famiglia - oggi, ho salutato una famiglia, che ha nove (figli) - il più grande o la più grande, aiuta il papà, la mamma, a curare i più piccoli. E questo è bello, questo lavoro di aiuto fra i fratelli. Avere un fratello, una sorella che ti vuole bene è un'esperienza forte, impagabile, insostituibile. Nello stesso modo accade per la fraternità cristiana. I più piccoli, i più deboli, i più poveri debbono intenerirci: hanno 'diritto' di prenderci l'anima e il cuore. Sì, essi sono nostri fratelli e come tali dobbiamo amarli e trattarli. Quando questo accade, quando i poveri sono come di casa, la nostra stessa fraternità cristiana riprende vita. I cristiani, infatti, vanno incontro ai poveri e deboli non per obbedire ad un programma ideologico, ma perché la parola e l'esempio del Signore ci dicono che tutti siamo fratelli. Questo è il principio dell'amore di Dio e di ogni giustizia fra gli uomini".

 "Oggi più che mai - ha concluso - è necessario riportare la fraternità al centro della nostra società tecnocratica e burocratica: allora anche la libertà e l'uguaglianza prenderanno la loro giusta intonazione. Perciò, non priviamo a cuor leggero le nostre famiglie, per soggezione o per paura, della bellezza di un'ampia esperienza fraterna di figli e figlie. E non perdiamo la nostra fiducia nell'ampiezza di orizzonte che la fede è capace di trarre da questa esperienza, illuminata dalla benedizione di Dio".