聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 03 02 2015 alle 08,25

Omelia, 2 febbraio 2015

Ml 3,1-4; Lc 2,22-40;

chiudi

Ml 3,1-4; Lc 2,22-40;

Ml 3,1-4

[1] Ecco, io manderò un mio messaggero a preparare la via davanti a me e subito entrerà nel suo tempio il Signore, che voi cercate; l'angelo dell'alleanza, che voi sospirate, ecco viene, dice il Signore degli eserciti. 

[2] Chi sopporterà il giorno della sua venuta? Chi resisterà al suo apparire? Egli è come il fuoco del fonditore e come la lisciva dei lavandai. 

[3] Siederà per fondere e purificare; purificherà i figli di Levi, li affinerà come oro e argento, perché possano offrire al Signore un'oblazione secondo giustizia. 

[4] Allora l'offerta di Giuda e di Gerusalemme sarà gradita al Signore come nei giorni antichi, come negli anni lontani. 

Lc 2,22-40

[22] Quando venne il tempo della loro purificazione secondo la Legge di Mosè, portarono il bambino a Gerusalemme per offrirlo al Signore, 

[23] come è scritto nella Legge del Signore: ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore; 

[24] e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o di giovani colombi, come prescrive la Legge del Signore. 

[25] Ora a Gerusalemme c'era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d'Israele; 

[26] lo Spirito Santo che era sopra di lui, gli aveva preannunziato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Messia del Signore. 

[27] Mosso dunque dallo Spirito, si recò al tempio; e mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per adempiere la Legge, 

[28] lo prese tra le braccia e benedisse Dio: 

[29] "Ora lascia, o Signore, che il tuo servo 
vada in pace secondo la tua parola; 

[30] perché i miei occhi han visto la tua salvezza, 

[31] preparata da te davanti a tutti i popoli, 

[32] luce per illuminare le genti 
e gloria del tuo popolo Israele". 

[33] Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. 

[34] Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: "Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione 

[35] perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima". 

[36] C'era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto col marito sette anni dal tempo in cui era ragazza, 

[37] era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. 

[38] Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme. 

[39] Quando ebbero tutto compiuto secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nazaret. 

[40] Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era sopra di lui. 

 

chiudi

I religiosi sono  guide guidate, che guidano a Gesù, facendosi guidare da Gesù, con docilità e obbedienza.
Per un religioso, progredire è abbassarsi nel servizio. Abbassarsi facendosi servo per servire. 

E questa via prende la forma della regola, improntata al carisma del fondatore. 
E il Signore trasforma l'obbedienza in sapienza, con l'azione del suo Santo Spirito. 


 Papa Francesco- Essere "guide guidate", che guidano "a Gesù", facendosi guidare "da Gesù", con docilità e obbedienza, così da evitare che la vita religiosa divenga una "caricatura", "nella quale si attua una sequela senza rinuncia, una preghiera senza incontro, una vita fraterna senza comunione, un'obbedienza senza fiducia, una carità senza trascendenza". E' l'invito che papa Francesco ha rivolto oggi a quanti appartengono a ordini, congregazioni e istituti religiosi nel corso della messa celebrata nella basilica di san Pietro nella festa della Presentazione di Gesù al Tempio.

Nella "candelora" di questo anno dedicato alla vita consacrata, migliaia di religiosi e religiose hanno partecipato al rito, aperto con la benedizione delle candele e la processione con le candele accese.

"Teniamo davanti agli occhi della mente - ha detto il Papa all'omelia - l'icona della Madre Maria che cammina col Bambino Gesù in braccio. Lo introduce nel tempio, lo introduce nel popolo, lo porta ad incontrare il suo popolo. Le braccia della Madre sono come la 'scala' sulla quale il Figlio di Dio scende verso di noi, la scala della accondiscendenza di Dio. Lo abbiamo ascoltato nella prima Lettura, dalla Lettera agli Ebrei: Cristo si è reso «in tutto simile ai fratelli, per diventare un sommo sacerdote misericordioso e degno di fede» (2,17). E' la duplice via di Gesù: Egli è sceso, si è fatto come noi, per ascendere al Padre insieme con noi, facendoci come Lui".

"Questo movimento possiamo contemplare nel cuore immaginando la scena evangelica di Maria che entra nel tempio con il Bambino in braccio. La Madonna cammina, ma è il Figlio che cammina prima di Lei. Lei lo porta, ma è Lui che porta leiin questo cammino di Dio che viene a noi affinché noi possiamo andare a Lui. Gesù ha fatto la nostra stessa strada, per indicare a noi il cammino nuovo, una 'via nuova e vivente' (cfr Eb 10,20) che è Lui stesso. Anche per noi, consacrati, Egli ha aperto una strada. Per noi consacrati questa è l'unica strada che dobbiamo percorrere".

"Il Vangelo insiste ben cinque volte sull'obbedienza di Maria e Giuseppe alla 'Legge del Signore' (cfr Lc 2,22.23.24.27.39). Gesù non è venuto a fare la sua volontà, ma la volontà del Padre; e questo - ha detto - era il suo 'cibo' (cfr Gv 4,34).Così chi segue Gesù si mette nella via dell'obbedienza, come imitando la 'condiscendenza' del Signore, abbassandosi e facendo propria la volontà del Padre, anche fino all'annientamento e all'umiliazione di sé stesso (cfr Fil 2,7-8). Per un religioso, progredire è abbassarsi nel servizio. Un cammino come quello di Gesù, che «non ritenne un privilegio l'essere come Dio» (Fil 2,6). Abbassarsi facendosi servo per servire. E questa via prende la forma della regola, improntata al carisma del fondatore. Senza dimenticare che la regola insostituibile, per tutti, è sempre il Vangelo, questo abbassamento di Cristo, ma lo Spirito Santo, nella sua creatività infinita, lo esprime anche in diverse regole di vita consacrata, ma tutte nascono dalla sequela Christi, cioè da questo cammino di abbassarsi servendo. Attraverso questa 'legge' i consacrati possono raggiungere la sapienza, che non è una attitudine astratta ma opera e dono dello Spirito Santo, e segno evidente di questa sapienza è la gioia. Sì, l'allegria del religioso è conseguenza di questo cammino di abbassamento con Gesù...E, quando siamo tristi, ci farà bene domandarci come stiamo vivendo questa dimensione kenotica".

"Nel racconto della Presentazione di Gesù la saggezza è rappresentata dai due anziani, Simeone e Anna: persone docili allo Spirito Santo (lo si nomina 3 volte), guidati da Lui, animati da Lui. Il Signore ha dato loro la sapienza attraverso un lungo cammino nella via dell'obbedienza alla sua legge, obbedienza che, da una parte, umilia e annienta, però, dall'altra parte, obbedienza che custodisce e garantisce la speranza, e adesso sono creativi, perché erano pieni di Spirito Santo. Essi celebrano anche una sorta di liturgia attorno al Bambino che entra nel tempio: Simeone loda il Signore e Anna 'predica' la salvezza (cfr Lc 2,28-32.38). Come nel caso di Maria, anche l'anziano porta il bambino, ma, in realtà, è il bambino che l'afferra e lo conduce. La liturgia dei primi Vespri della Festa odierna lo esprime in modo chiaro e bello: «senex puerum portabat, puer autem senem regebat». Tanto Maria, giovane madre, quanto Simeone, anziano 'nonno', portano il bambino in braccio, ma è il bambino stesso che li conduce entrambi".

"È curioso notare in questa vicenda che i creativi non sono i giovani: i giovani, come Maria e Giuseppe, seguono la legge del Signore, la via dell'obbedienza. Sono creativi nella gioia. E il Signore trasforma l'obbedienza in saggezza, con l'azione del suo Santo Spirito. A volte Dio può dare il dono della saggezza a un giovane, basta che sia disponibile a percorrere la via dell'obbedienza e della docilità allo Spirito. Questa obbedienza e docilità non è una cosa teorica, anch'essa sottostà al regime dell'incarnazione del Verbo: docilità e obbedienza a un fondatore, docilità e obbedienza a una regola concreta, docilità e obbedienza a un superiore, docilità e obbedienza alla Chiesa. Si tratta di docilità e obbedienza concreta. Attraverso il cammino perseverante nell'obbedienza, matura la sapienza personale e comunitaria, e così diventa possibile anche adattare le regole ai tempi: il vero 'aggiornamento', infatti, è opera della sapienza, forgiata nella docilità e obbedienza".

"Il rinvigorimento e il rinnovamento della vita consacrata avvengono attraverso un amore grande alla regola, e anche attraverso la capacità di contemplare e ascoltare gli anziani della congregazione. Così il 'deposito', il carisma di ogni famiglia religiosa viene custodito insieme dall'obbedienza e dalla saggezza,. E, attraverso questo cammino, siamo preservati dal vivere la nostra consacrazione in maniera light e disincarnata, come fosse una gnosi, che si ridurrebbe ad una 'caricatura' della vita religiosa, una 'caricatura' nella quale si attua una sequela senza rinuncia, una preghiera senza incontro, una vita fraterna senza comunione, un'obbedienza senza fiducia e una carità senza trascendenza".

"Anche noi, oggi, come Maria e come Simeone, vogliamo prendere in braccio Gesù perché Egli incontri con il suo popolo, e certamente lo otterremo se ci lasciamo afferrare dal mistero per cui sia lo stesso Gesù a condurci. Guidiamo a Gesù ma ci lasciamo guidare. Questo è ciò che dobbiamo essere: guide guidate. Il Signore, per intercessione della nostra Madre, di san Giuseppe e dei santi Simeone e Anna, ci conceda quanto gli abbiamo chiesto nell'Orazione Colletta: di «essere presentati [a Lui] pienamente rinnovati nello spirito». Così sia”.