聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 12 01 2015 alle 07,25

ANGELUS, 11 gennaio 2015

Possiamo riconoscere Gesù nel volto dei poveri, nei malati, nei carcerati, nei profughi
Col battesimo di Gesù, che oggi si festeggia, è finito il tempo dei "cieli chiusi", della separazione tra Dio e l’uomo:

la terra è diventata la dimora di Dio fra gli uomini. 
Papa Francesco chiede di pregare per il viaggio che da domani lo vedrà in Sri Lanka e nelle Filippine.


Papa Francesco- Col battesimo di Gesù, che oggi si festeggia, è finito il tempo dei "cieli chiusi", della separazione tra Dio e l'uomo: "la terra è diventata la dimora di Dio fra gli uomini e ciascuno di noi ha la possibilità di incontrare il Figlio di Dio, sperimentandone tutto l'amore e l'infinita misericordia". Lo possiamo incontrare nei sacramenti, "lo possiamo riconoscere nel volto dei nostri fratelli, in particolare nei poveri, nei malati, nei carcerati, nei profughi: essi sono carne viva del Cristo sofferente e immagine visibile del Dio invisibile".

L'ha detto papa Francesco alle 40mila persone presenti in piazza san Pietro per la recita dell'Angelus, malgrado la giornata piovigginosa. A loro il Papa ha anche chiesto di pregare per il viaggio che da domani lo vedrà in Sri Lanka e nelle Filippine. "Domani sera - ha ricordato dopo la recita della preghiera mariana - partirò per un viaggio apostolico in Sri Lanka e nelle Filippine. Vi chiedo per favore di accompagnarmi con la preghiera. E chiedo anche agli srilankesi e ai filippini che sono a Roma di pregare per il mio viaggio".

"Con il Battesimo di Gesù - aveva detto prima dell'Angelus - non solo si squarciano i cieli, ma Dio parla nuovamente facendo risuonare la sua voce: «Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento» (Mc 1,11). La voce del Padre proclama il mistero che si nasconde nell'Uomo battezzato dal Precursore. Gesù, il Figlio di Dio incarnato, è anche la Parola definitiva che il Padre ha voluto dire al mondo. Solo ascoltando, seguendo e testimoniando questa Parola, possiamo rendere pienamente feconda la nostra esperienza di fede, il cui germe è stato posto in noi nel giorno del nostro Battesimo.

La discesa dello Spirito Santo, in forma di colomba, consente al Cristo, il Consacrato del Signore, di inaugurare la sua missione salvifica per tutti noi. Lo Spirito Santo, che ha animato interamente la vita e il ministero di Gesù, è il medesimo Spirito che guida l'esistenza cristiana. Porre sotto l'azione dello Spirito Santo la nostra vita di cristiani e la missione, che tutti abbiamo ricevuto in virtù del Battesimo, significa ritrovare coraggio apostolico necessario per superare facili accomodamenti mondani. Un cristiano e una comunità "sordi" alla voce dello Spirito Santo, che spinge a portare il Vangelo agli estremi confini della terra e della società, diventano anche un cristiano e una comunità 'muti' che non parlano e non evangelizzano".