聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 10 12 2014 alle 17,24

UDIENZA GENERALE, 10 dicembre 2014

Al Sinodo non "scontro tra fazioni", ma confronto "per il bene delle famiglie, della Chiesa e della società"
"Non c'è stata censura previa", "nessun intervento ha messo in discussione le verità fondamentali del sacramento del matrimonio”. 
La presenza del Papa, "garanzia per tutti di libertà e di fiducia, e garanzia dell'ortodossia". 
I documenti ufficiali usciti dal Sinodo sono tre: il Messaggio finale, la Relazione finale e il discorso finale del Papa. Non ce ne sono altri.
 Ora questa Relatio torna nelle Chiese particolari e continua in quelle Chiese il lavoro di 
preghiera, riflessione e discussione fraterna al fine di preparare la prossima Assemblea. 
Questo è il Sinodo dei vescovi". 


Papa Francesco - Nel recente Sinodo straordinario sulla famiglia "non c'è stata censura previa", né "scontro tra fazioni", "nessun intervento ha messo in discussione le verità fondamentali del Sacramento del matrimonio: l'indissolubilità, l'unità, la fedeltà e l'apertura alla vita" e tutto è avvenuto "con la presenza del Papa, che è garanzia per tutti di libertà e di fiducia, e garanzia dell'ortodossia". 

Il "percorso sinodale" dalla "tappa" del Sinodo straordinario alla attuale preparazione dell'assemblea ordinario dell'anno prossimo è stato l'argomento del quale papa Francesco ha parlato alle 25mila persone presenti in piazza san Pietro per l'udienza generale, la prima, ha detto il Papa, di una serie dedicata alla famiglia.

In questo primo appuntamento su tale tema il Papa ha voluto spiegare il senso del cammino sinodale, anche rispondendo indirettamente ad alcune polemiche che hanno accompagnato e seguito il Sinodo dell'ottobre scorso. A partire dal principio che "il Sinodo non è un parlamento, la struttura non è parlamentare E' totalmente diversa. E' uno spazio protetto affinché lo Spirito Santo possa operare; non c'è stato scontro tra fazioni, ma un confronto tra i Vescovi, che è venuto dopo un lungo lavoro di preparazione e che ora proseguirà in un altro lavoro, per il bene delle famiglie, della Chiesa e della società". E anche dalla considerazione che "durante il Sinodo i media hanno fatto il loro lavoro - c'era molta attesa, molta attenzione - e li ringraziamo perché lo hanno fatto anche con abbondanza", "ma spesso la visione dei media era un po' nello stile delle cronache sportive, o politiche: si parlava spesso di due squadre, pro e contro, conservatori e progressisti, eccetera".

Nel "raccontare quello che è stato il Sinodo", Francesco ha detto che "anzitutto io ho chiesto ai Padri sinodali di parlare con franchezza e coraggio e di ascoltare con umiltà, dire tutto quello che avevano nel cuore, con coraggio. Nel Sinodo non c'è stata censura previa, non c'è stata. Ognuno poteva, di più: doveva, dire quello che aveva nel cuore, quello che pensava sinceramente. 'Ma, padre, questo farà discussione'. E' vero, abbiamo sentito come hanno discusso gli apostoli. Dice il testo: è uscita una forte discussione. Ma, si sgridavano fra loro, gli apostoli, sì! Perché cercavano la volontà di Dio sui pagani, se potevano entrare in chiesa o no. Era una cosa nuova. Sempre, quando si cerca la volontà di Dio, in un'assemblea sinodale, ci sono diversi punti di vista e c'è la discussione e quello non è una cosa brutta! Sempre che si faccia con umiltà e con animo di servizio all'assemblea dei fratelli. Ma, sarebbe stata una cosa cattiva, eh!, la censura previa. No, no, ognuno doveva dire quello che pensava".

"Dopo la Relazione iniziale del Card. Erdö, c'è stato un primo momento, fondamentale, nel quale tutti i Padri hanno potuto parlare, e tutti hanno ascoltato. Ed era edificante quell'atteggiamento di ascolto che avevano i Padri. Un momento di grande libertà, in cui ciascuno ha esposto il suo pensiero con parresia e con fiducia. Alla base degli interventi c'era lo "Strumento di lavoro", frutto della precedente consultazione di tutta la Chiesa. E qui dobbiamo ringraziare la Segreteria del Sinodo per il grande lavoro che ha fatto sia prima che durante l'Assemblea. Davvero sono stati bravissimi".

 "Tutti gli interventi - ha detto ancora - sono stati raccolti e così si è giunti al secondo momento, cioè una bozza che si chiama Relazione dopo la discussione. Anche questa Relazione è stata svolta dal cardinale Erdö, articolata in tre punti: l'ascolto del contesto e delle sfide della famiglia; lo sguardo fisso su Cristo e il Vangelo della famiglia; il confronto con le prospettive pastorali".

"Su questa prima proposta di sintesi si è svolta la discussione nei gruppi, che è stato il terzo momento. I gruppi, come sempre, erano divisi per lingue, perché è meglio così, si comunica meglio: italiano, inglese, spagnolo e francese. Ogni gruppo alla fine del suo lavoro ha presentato una relazione, e tutte le relazioni dei gruppi sono state subito pubblicate. Tutto è stato dato, c'era la trasparenza perché si sapesse quello che accadeva".

"A quel punto - è il quarto momento - una commissione ha esaminato tutti i suggerimenti emersi dai gruppi linguistici ed è stata fatta la Relazione finale, che ha mantenuto lo schema precedente - ascolto della realtà, sguardo al Vangelo e impegno pastorale - ma ha cercato di recepire il frutto dalle discussioni nei gruppi. Come sempre, è stato approvato anche un Messaggio finale del Sinodo, più breve e più divulgativo rispetto alla Relazione".

"Questo è stato lo svolgimento dell'Assemblea sinodale. Alcuni di voi possono chiedermi: 'Ma, padre, hanno litigato i Padri?'. Ma, non so se litigato, ma che hanno parlato forte, sì, davvero, eh! E questa è la libertà, è proprio la libertà che c'è nella Chiesa. Tutto è avvenuto "cum Petro et sub Petro", cioè con la presenza del Papa, che è garanzia per tutti di libertà e di fiducia, e garanzia dell'ortodossia. E alla fine con un mio intervento ho dato una lettura sintetica dell'esperienza sinodale".

"Dunque, i documenti ufficiali usciti dal Sinodo sono tre: il Messaggio finale, la Relazione finale e il discorso finale del Papa. Non ce ne sono altri. La Relazione finale, che è stata il punto di arrivo di tutta la riflessione, delle diocesi fino a quel momento, adesso, ieri è stata pubblicata e viene inviata alle Conferenze Episcopali, che la discuteranno in vista della prossima Assemblea, quella Ordinaria, nell'ottobre 2015. Dico che ieri è stata pubblicata, prima era stata pubblicata, ma ieri è stata pubblicata con le domande che si fanno alle conferenze episcopali, proprio diventa lineamenta del prossimo Sinodo".

"Dobbiamo sapere - ha concluso il Papa - che il Sinodo non è un parlamento, viene il rappresentante di questa Chiesa, di questa Chiesa, di questa Chiesa... No, non è questo. Viene il rappresentante, sì, ma la struttura non è parlamentare E' totalmente diversa. Il Sinodo è uno spazio protetto affinché lo Spirito Santo possa operare; non c'è stato scontro tra fazioni, come in Parlamento, quello è lecito in un Parlamento, ma un confronto tra i Vescovi, che è venuto dopo un lungo lavoro di preparazione e che ora proseguirà in un altro lavoro, per il bene delle famiglie, della Chiesa e della società. E' un processo, è il normale cammino sinodale. Ora questa Relatio torna nelle Chiese particolari e continua in quelle Chiese il lavoro di preghiera, riflessione e discussione fraterna al fine di preparare la prossima Assemblea. Questo è il Sinodo dei Vescovi. Lo affidiamo alla protezione della Vergine nostra Madre. Che Lei ci aiuti a seguire la volontà di Dio prendendo le decisioni pastorali che aiutino di più e meglio la famiglia. Vi chiedo di accompagnare questo percorso sinodale fino al prossimo Sinodo con la preghiera. Che il Signore ci illumini, ci faccia andare verso la maturità di quello che dobbiamo dire a tutte le Chiese come Sinodo. E su questo è importante la vostra preghiera".