聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 09 12 2014 alle 11,04

ANGELUS, dicembre 8 2014

Festa dell'Immacolata Concezione: tutto è grazia e dono gratuito di Dio e del suo amore per noi
Nessuno di noi può comprare la salvezza. La salvezza è un dono di Dio che viene in noi e abita in noi.

La salvezza è gratuita e noi dobbiamo ridonarla agli altri. 
Nel pomeriggio il pontefice si reca a Santa Maria Maggiore 
In piazza di Spagna per l'omaggio all’Immacolata.
 


Papa Francesco- "Tutto è grazia, tutto è dono gratuito di Dio e del suo amore per noi": per papa Francesco è questo "il messaggio dell'odierna festa dell'Immacolata Concezione della Vergine Maria", in cui Maria viene definita dall'arcangelo Gabriele la "«piena di grazia» (Lc 1,28)".

Il "tutto è grazia"  citato da Francesco prima dell'Angelus di oggi, ricorda la conclusione del libro di Georges Bernanos, "Diario di un curato di campagna", che è una delle opere preferite dal pontefice. 

Il papa spiega: "[Dio] l'ha preservata dalla colpa originale. E Maria corrisponde alla grazia e vi si abbandona dicendo all'Angelo: «Avvenga per me secondo la tua parola» (v. 38). Non dice: "Io farò secondo la tua parola", ma: «Avvenga per me...»... secondo la logica evangelica niente è più operoso e fecondo che ascoltare e accogliere la Parola del Signore che viene dal vangelo dalla Bibbia... Il Signore ci parla sempre".

"L'atteggiamento di Maria di Nazareth - continua - ci mostra che l'essere viene prima del fare, e che occorre lasciar fare a Dio per essere veramente come Lui ci vuole. E' Lui che fa meraviglie. Maria è ricettiva, ma non passiva. Come, a livello fisico, riceve la potenza dello Spirito Santo ma poi dona carne e sangue al Figlio di Dio che si forma in Lei, così, sul piano spirituale, accoglie la grazia e corrisponde ad essa con la fede".

"Maria - ha aggiunto - è stata pre-servata, mentre noi siamo stati salvati grazie al Battesimo e alla fede. Tutti però, sia lei che noi, per mezzo di Cristo, «a lode dello splendore della sua grazia» (v. 6), quella grazia di cui l'Immacolata è stata ricolmata in pienezza".

La grazia che ci è donata in abbondanza, spinge alla gratuità: "Nessuno di noi può comprare la salvezza. La salvezza è un dono di Dio che viene in noi e abita in noi. Come abbiamo ricevuto gratuitamente, così gratuitamente siamo chiamati a dare (cfr Mt 10,8); ad imitazione di Maria, che, subito dopo aver accolto l'annuncio dell'Angelo, va a condividere il dono della fecondità con la parente Elisabetta. Perché, se tutto ci è stato donato, tutto dev'essere ridonato. In che modo? Lasciando che lo Spirito Santo faccia di noi un dono per gli altri; che ci faccia diventare strumenti di accoglienza, di riconciliazione e di perdono".

E ha concluso: "Se la nostra esistenza si lascia trasformare dalla grazia del Signore, non potremo trattenere per noi la luce che viene dal suo volto, ma la lasceremo passare perché illumini gli altri. Impariamo da Maria, che ha tenuto costantemente lo sguardo fisso sul Figlio e il suo volto è diventato «la faccia che a Cristo più si somiglia» (Dante, Paradiso, XXXII, 87)".

Dopo la preghiera mariana, Francesco ha salutato i vari gruppi presenti e ha ricordato l'appuntamento tradizionale del pomeriggio: l'omaggio di preghiera davanti alla colonna e alla statua dell'Immacolata in piazza di Spagna. Ma prima il pontefice si recherà alla basilica di Santa Maria Maggiore per  salutare l'icona di Maria Salus Populi Romani. "Vi chiedo - ha aggiunto - di unirvi spiritualmente a me in questo pellegrinaggio, che esprime la devozione filiale alla nostra Madre celeste". E prima di lasciare la finestra del palazzo apostolico, ai circa 50mila fedeli radunati in piazza  san Pietro ha ribadito: "Non dimenticate: la salvezza è gratuita e noi dobbiamo ridonarla agli altri"