聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 07 12 2014 alle 20,43

ANGELUS, 7 dicembre 2014

1

Is 40,1-5.9-11;

chiudi

Is 40,1-5.9-11;

Is 40,1-5.9-11

 

[1] "Consolate, consolate il mio popolo, 
dice il vostro Dio. 

[2] Parlate al cuore di Gerusalemme 
e gridatele 
che è finita la sua schiavitù, 
è stata scontata la sua iniquità, 
perché ha ricevuto dalla mano del Signore 
doppio castigo per tutti i suoi peccati". 

[3] Una voce grida: 
"Nel deserto preparate 
la via al Signore, 
appianate nella steppa 
la strada per il nostro Dio. 

[4] Ogni valle sia colmata, 
ogni monte e colle siano abbassati; 
il terreno accidentato si trasformi in piano 
e quello scosceso in pianura. 

[5] Allora si rivelerà la gloria del Signore 
e ogni uomo la vedrà, 
poiché la bocca del Signore ha parlato". 

[9] Sali su un alto monte, 
tu che rechi liete notizie in Sion; 
alza la voce con forza, 
tu che rechi liete notizie in Gerusalemme. 
Alza la voce, non temere; 
annunzia alle città di Giuda: "Ecco il vostro Dio! 

[10] Ecco, il Signore Dio viene con potenza, 
con il braccio egli detiene il dominio. 
Ecco, egli ha con sé il premio 
e i suoi trofei lo precedono. 

[11] Come un pastore egli fa pascolare il gregge 
e con il suo braccio lo raduna; 
porta gli agnellini sul seno 
e conduce pian piano le pecore madri”. 

chiudi

Siate testimoni dell'amore di Dio, per riaccendere la speranza del mondo
La tristezza e la paura possono fare posto alla gioia, perché il Signore stesso guiderà 
il suo popolo sulla via della liberazione e della salvezza. 
La Vergine Maria "è la via che Dio stesso si è preparato per venire nel mondo. 
Affidiamo a lei l'attesa di salvezza e di pace di tutti uomini e le donne del nostro tempo.


Papa Francesco- Dopo una prova molto dura, dopo un periodo oscuro "con la nascita di Cristo arriva il tempo della consolazione. La tristezza e la paura possono fare posto alla gioia, perché il Signore stesso guiderà il suo popolo sulla via della liberazione e della salvezza". Lo ha detto papa Francesco prima della preghiera mariana dell'Angelus alle decine di migliaia di fedeli riuniti in piazza San Pietro.

Francesco parla della seconda domenica di Avvento, un "tempo stupendo" che risveglia in noi "l'attesa del ritorno di Cristo e la memoria della sua venuta storica". Il Papa si concentra sul messaggio "pieno di speranza" che la liturgia presenta oggi con le parole del profeta Isaia: "Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro Dio". Con queste parole, sottolinea il pontefice, il profeta "rivolge al popolo in esilio l'annuncio gioioso della liberazione. Il tempo della tribolazione è terminato; il popolo di Israele può guardare con fiducia verso il futuro: lo attende finalmente il ritorno in patria".

Isaia, spiega il Papa, "si rivolge a gente che ha attraversato un periodo oscuro, che ha subito una prova molto dura; ma ora è venuto il tempo della consolazione. La tristezza e la paura possono fare posto alla gioia, perché il Signore stesso guiderà il suo popolo sulla via della liberazione e della salvezza". Ma in che modo farà tutto questo? "Con la sollecitudine e la tenerezza di un pastore che si prende cura del suo gregge. Egli infatti darà unità e sicurezza al gregge, lo farà pascolare, radunerà nel suo sicuro ovile le pecore disperse, riserverà particolare attenzione a quelle più fragili e deboli (v. 11). Questo è l'atteggiamento di Dio verso di noi sue creature. Perciò il profeta invita chi lo ascolta - compresi noi, oggi - a diffondere tra il popolo questo messaggio di speranza".

Ma il Papa aggiunge che "non possiamo essere messaggeri della consolazione di Dio" se non sperimentiamo noi per primi la gioia di essere consolati e amati da Lui, attraverso la preghiera - questo con il Vangelo, portatelo sempre in tasca! - l'Eucarestia o la confessione. L'invito di Isaia deve però risuonare nel nostro cuore: "Oggi c'è bisogno di persone che siano testimoni della misericordia e della tenerezza del Signore, che scuote i rassegnati, rianima gli sfiduciati, accende il fuoco della speranza. Tante situazioni richiedono la nostra testimonianza consolatrice. Penso a quanti sono oppressi da sofferenze, ingiustizie e soprusi; a quanti sono schiavi del denaro, del potere, del successo, della mondanità. Tutti siamo chiamati a consolare i nostri fratelli, testimoniando che solo Dio può eliminare le cause dei drammi esistenziali e spirituali".

Il messaggio di Isaia è insomma "un balsamo sulle nostre ferite e uno stimolo a preparare con impegno la via del Signore". Il profeta, infatti, "parla oggi al nostro cuore per dirci che Dio dimentica i nostri peccati e ci consola. Se noi ci affidiamo a Lui con cuore umile e pentito, Egli abbatterà i muri del male, riempirà le buche delle nostre omissioni, spianerà i dossi della superbia e della vanità e aprirà la strada dell'incontro con Lui". È curioso, aggiunge a braccio Francesco, "ma a volte ci sentiamo meglio nella tristezza che nella consolazione. E questo perché? Perché ci sentiamo protagonisti, mentre nella consolazione è lo Spirito Santo il protagonista. È lui che ci consola, e questa è la conversione! Per favore, lasciatevi consolare dal Signore!". La Vergine Maria, conclude il Papa, "è la 'via' che Dio stesso si è preparato per venire nel mondo. Affidiamo a lei l'attesa di salvezza e di pace di tutti uomini e le donne del nostro tempo".