聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 19 11 2014 alle 17,11

UDIENZA GENERALE,19 novembre 2014

Appello per la Terra Santa, costruire la pace è difficile, ma vivere senza pace è un tormento.
Episodi inaccettabili di violenza che non risparmiano neanche i luoghi di culto. 
La vocazione universale alla santità che non riguarda solo le persone consacrate,
ma è un dono offerto a tutti i cristiani, verso il quale si cammina a piccoli passi,
nella vita di ogni giorno. 
Il denaro non sia considerato idolo da servire, ma un mezzo per perseguire il bene comune. 


Papa Francesco - "Costruire la pace è difficile, ma vivere senza pace è un tormento": è l'appello a "decisioni coraggiose per  la riconciliazione e la pace" col quale papa Francesco si è rivolto "alle parti implicate" del conflitto in Terra Santa all'indomani della strage compiuta nella sinagoga Kehilat Yaakov di Gerusalemme, avvenuti in un "allarmante aumento della tensione a Gerusalemme e in altri luoghi della Terra Santa, con episodi inaccettabili di violenza che non risparmiano neanche i luoghi di culto". "Assicuro - ha detto ancora - una particolare preghiera per tutte le vittime di tale drammatica situazione eper quanti ne subiscono le conseguenze

L'appello del Papa è giunto al termine di una udienza generale dedicata, anche oggi, alla Chiesa e centrata sulla "vocazione universale alla santità" che non riguarda solo le persone consacrate, ma è un "dono" offerto a tutti i cristiani,  verso il quale si cammina "a piccoli passi", nella vita di ogni giorno "ciascuno nelle condizioni e nello stato di vita in cui si trova".

Alle 20mila persone presenti in piazza san Pietro, tra le quale come di consueto è passato a lungo con la jeep bianca, il Papa ha ricordato innanzi tutto che "la santità non è qualcosa che ci procuriamo noi, che otteniamo noi con le nostre qualità e le nostre capacità. La santità è un dono, è il dono che ci fa il Signore Gesù, quando ci prende con sé e ci riveste di se stesso, ci rende come Lui". La santità, "il volto più bello della Chiesa", quindi è "riscoprirsi in comunione con Dio, nella pienezza della sua vita e del suo amore. Si capisce, allora, che la santità non è una prerogativa soltanto di alcuni: la santità è un dono che viene offerto a tutti, nessuno escluso, per cui costituisce il carattere distintivo di ogni cristiano".

"Tutto questo ci fa comprendere che, per essere santi, non bisogna per forza essere vescovi, preti o religiosi, ... No. Tutti siamo chiamati a diventare santi! Tante volte, poi, siamo tentati di pensare che la santità sia riservata soltanto a coloro che hanno la possibilità di staccarsi dalle faccende ordinarie, per dedicarsi esclusivamente alla preghiera. Ma non è così! Qualcuno pensa che la santità è chiudere gli occhi e fare la faccia da immaginetta, tutta così... No! Non è quella la santità! La santità è qualcosa di più grande, di più profondo che ci dà Dio. Anzi, è proprio vivendo con amore e offrendo la propria testimonianza cristiana nelle occupazioni di ogni giorno che siamo chiamati a diventare santi. E ciascuno nelle condizioni e nello stato di vita in cui si trova. Ma tu sei consacrato, sei consacrata? Sii santo vivendo con gioia la tua donazione e il tuo ministero. Sei sposato? Sii santo amando e prendendoti cura di tuo marito o di tua moglie, come Cristo ha fatto con la Chiesa. Sei un battezzato non sposato? Sii santo compiendo con onestà e competenza il tuo lavoro e offrendo del tempo al servizio dei fratelli". "Ma padre, io lavoro in una fabbrica... Io lavoro da ragioniere, sempre con i numeri, ma lì non si può essere santo...". "Sì, si può! Lì dove tu lavori tu puoi diventare santo. Dio ti dà la grazia di diventare santo. Dio si comunica a te. Sempre in ogni posto si può diventare santo, cioè aprirsi a questa grazia che ci lavora dentro e ci porta alla santità. Sei genitore o nonno? Sii santo insegnando con passione ai figli o ai nipoti a conoscere e a seguire Gesù. E ci vuole tanta pazienza per questo, per essere un buon genitore, un buon nonno, una buona madre, una buona nonna, ci vuole tanta pazienza e in questa pazienza viene la santità: esercitando la pazienza. Sei catechista, educatore o volontario? Sii santo diventando segno visibile dell'amore di Dio e della sua presenza accanto a noi. Ecco: ogni stato di vita porta alla santità, sempre, eh! A casa tua, sulla strada, nel lavoro, in Chiesa, in quel momento e con lo stato di vita che tu hai è stata aperta la strada verso la santità. Non scoraggiatevi di andare su questa strada. E' proprio Dio che ti dà la grazia. E questo è l'unica cosa che chiede il Signore, è che noi siamo in comunione con Lui e al servizio dei fratelli".

"A questo punto - ha proseguito - ciascuno di noi può fare un po' di esame di coscienza, come abbiamo risposto finora alla chiamata del Signore alla santità? Ma ho voglio di diventare un po' migliore, di essere più cristiano, più cristiana? Questa è la strada della santità. Quando il Signore ci invita a diventare santi, non ci chiama a qualcosa di pesante, di triste... Tutt'altro! È l'invito a condividere la sua gioia, a vivere e a offrire con gioia ogni momento della nostra vita, facendolo diventare allo stesso tempo un dono d'amore per le persone che ci stanno accanto. Se comprendiamo questo, tutto cambia e acquista un significato nuovo, un significato bello, un significato a cominciare dalle piccole cose di ogni giorno". "Una signora va al mercato a fare la spesa e trova un'altra vicina e incominciano a parlare e poi, eh, vengono le chiacchiere e questa signora dice: 'No, no, no io non sparlerò di nessuno', Quello è un passo verso la santità, questo ti aiuta a diventare più santo. Poi, a casa tua, il figlio di chiede di parlare un po' delle sue cose fantasiose: 'Oh, sono tanto stanco, ho lavorato tanto oggi...'. "Ma tu accomodati e ascolta tuo figlio, che ha bisogno!'. E tu ti accomodi, lo ascolti con pazienza... Questo è un passo verso la santità. Poi finisce la giornata, siamo stanchi tutti, eh,  ma la preghiera... Facciamo la preghiera! Quello è un passo verso la santità. Poi arriva la domenica e andiamo alla Messa a fare la Comunione, delle volte, una bella confessione che ci pulisca un po'. Questo è un passo verso la santità. Poi, la Madonna, tanto buona, tanto bella, prendo il Rosario e la prego. Questo è un passo verso la santità. E tanti passi verso la santità piccolini... Poi vado per strada, vedo un povero, un bisognoso, mi fermo gli domando, gli do qualcosa, è un passo verso la santità . Piccole cose, sono piccoli passi verso la santità. Ogni passo verso la santità ci renderà delle persone migliori, libere dall'egoismo e dalla chiusura in se stesse, e aperte ai fratelli e alle loro necessità".

"Cari amici - ha concluso - nella Prima Lettera di san Pietro ci viene rivolta questa esortazione: «Ciascuno viva secondo la grazia ricevuta, mettendola a servizio degli altri, come buoni amministratori di una multiforme grazia di Dio. Chi parla, lo faccia come con parole di Dio; chi esercita un ufficio, lo compia con l'energia ricevuta da Dio, perché in tutto venga glorificato Dio per mezzo di Gesù Cristo» (4,10-11). Ecco l'invito alla santità! Accogliamolo con gioia, e sosteniamoci gli uni gli altri, perché il cammino verso la santità non si percorre da soli, eh, no, ognuno per conto proprio, ma si percorre insieme, in quell'unico corpo che è la Chiesa, amata e resa santa dal Signore Gesù Cristo. Andiamo avanti con coraggio, in questa strada della santità".

Rivolgendosi, infine, agli italiani presenti all'udienza, Francesco ha rivolto un saluto ai "giovani professionisti, impresari ed imprenditori sociali partecipanti al convegno promosso dal World Economic Forum, in collaborazione con le Università pontificie di Roma, per promuovere vie e atteggiamenti che aiutino a superare l'esclusione sociale ed economica. Auspico che l'iniziativa contribuisca a favorire una nuova mentalità in cui il denaro non sia considerato idolo da servire, ma un mezzo per perseguire il bene comune".