聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 10 11 2014 alle 10,06

ANGELUS, 9 novembre 2014

All'Angelus papa Francesco augura che si diffonda una cultura dell'incontro 

capace di far cadere tutti i muri", perché non vi sia più persecuzione e uccisione a causa della fede. 
Giovanni Paolo II, un ruolo di protagonista nell'abbattere il Muro di Berlino
Dove c'è un muro c'è chiusura dei cuori. Servono ponti e non muri!. 
La Giornata del Ringraziamento, occasione di vicinanza al mondo dell'agricoltura, 
per coltivare la terra in modo sostenibile e solidale. 
La dedicazione della basilica lateranense, occasione per riscoprire la Chiesa come tempio spirituale.  
Uno è cristiano non tanto per quello che dice, ma per quello che fa.


Papa Francesco- Il santo papa Giovanni Paolo II ha avuto "un ruolo di protagonista" nell'abbattere il Muro di Berlino  di cui oggi si celebra i 25 anni dalla caduta. E' quanto ha affermato papa Francesco subito dopo la preghiera dell'Angelus con i pellegrini in piazza san Pietro che al sentire il nome del papa polacco hanno applaudito a lungo.

"Per tanto tempo - ha spiegato il pontefice - [il Muro] ha tagliato in due la città ed è stato simbolo della divisione ideologica dell'Europa e del mondo intero. La caduta avvenne all'improvviso, ma fu resa possibile dal lungo e faticoso impegno di tante persone che per questo hanno lottato, pregato e sofferto, alcuni fino al sacrificio della vita".

"Preghiamo - ha aggiunto - perché, con l'aiuto del Signore e la collaborazione di tutti gli uomini di buona volontà, si diffonda sempre più una cultura dell'incontro, capace di far cadere tutti i muri che ancora dividono il mondo, e non accada più che persone innocenti siano perseguitate e perfino uccise a causa del loro credo e della loro religione. Dove c'è un muro c'è chiusura dei cuori. Servono ponti e non muri!".

Francesco ha anche ricordato la Giornata del Ringraziamento, che si celebra oggi in Italia, dal titolo "Nutrire il pianeta. Energia per la vita", con riferimento all'ormai prossimo Expo Milano 2015, che ha lo stesso tema.

"Mi unisco ai Vescovi - ha aggiunto il papa - nell'auspicare un impegno rinnovato perché a nessuno manchi il cibo quotidiano, che Dio dona per tutti. Sono vicino al mondo dell'agricoltura, e incoraggio a coltivare la terra in modo sostenibile e solidale".

Prima della preghiera mariana, il pontefice si è soffermato a commentare la festa di oggi, la dedicazione della basilica Lateranense, che è la cattedrale di Roma, prima chiesa costruita nel mondo, dopo l'editto di Costantino del 313, e definita per questo "madre di tutte le chiese dell'Urbe e dell'Orbe".

"Ogni volta che celebriamo la dedicazione di una chiesa - ha detto -  ci viene richiamata una verità essenziale: il tempio materiale fatto di mattoni è segno della Chiesa viva e operante nella storia, cioè di quel 'tempio spirituale', come dice l'apostolo Pietro, di cui Cristo stesso è "pietra viva, rigettata dagli uomini ma scelta e preziosa davanti a Dio" (1 Pt 2,4-8). In forza del Battesimo, ogni cristiano, come ricorda san Paolo, fa parte dell'edificio di Dio (1 Cor 3,9)".

"L'edificio spirituale, la Chiesa comunità degli uomini santificati dal sangue di Cristo e dallo Spirito del Signore risorto, chiede a ciascuno di noi di essere coerente con il dono della fede e di compiere un cammino di testimonianza cristiana". E a braccio ha aggiunto: "Non è facile,[vivere questa coerenza], ma dobbiamo andare avanti e fare che questa nostra vita [abbia] una coerenza quotidiana. Uno è cristiano non tanto per quello che dice, ma per quello che fa. E' una grazia che dobbiamo chiedere allo Spirito Santo".

"La Chiesa - ha proseguito - all'origine della sua vita e della sua missione nel mondo, non è stata altro che una comunità costituita per confessare la fede in Gesù Cristo Figlio di Dio e Redentore dell'uomo, una fede che opera per mezzo della carità. La carità è proprio l'espressione della fede e la fede è la spiegazione della carità".

"Anche oggi la Chiesa è chiamata ad essere nel mondo la comunità che, radicata in Cristo per mezzo del Battesimo, professa con umiltà e coraggio la fede in Lui, testimoniandola nella carità. A questa finalità essenziale devono essere ordinati anche gli elementi istituzionali, le strutture e gli organismi pastorali".

"La festa d'oggi - ha concluso - ci invita a riflettere sulla comunione di tutte le Chiese; per analogia ci stimola a impegnarci perché l'umanità possa superare le frontiere dell'inimicizia e dell'indifferenza, a costruire ponti di comprensione e di dialogo, per fare del mondo intero una famiglia di popoli riconciliati tra di loro, fraterni e solidali. Di questa nuova umanità la Chiesa stessa è segno ed anticipazione, quando vive e diffonde con la sua testimonianza il Vangelo, messaggio di speranza e di riconciliazione per tutti gli uomini. Invochiamo l'intercessione di Maria Santissima, affinché ci aiuti a diventare, come lei, "casa di Dio", tempio vivo del suo amore".