聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 01 10 2014 alle 19,35

UDIENZA GENERALE, mercoledì 1 ottobre 2014

I carismi, doni di Dio per il bene di tutta la Chiesa.
Sono una grazia data da Dio, sono dati per il bene di tutta la comunità e sono un bene: quando la Chiesa, nella varietà dei suoi carismi, si esprime in comunione, non può sbagliare, ma guai se questi doni diventano motivo di invidia o di divisione, di gelosia!


Papa Francesco- Il carisma "è un regalo di Dio" che "con la stessa gratuità e lo stesso amore" va messo "a servizio dell'intera comunità, per il bene di tutti", ricordando che "tutti i carismi sono importanti agli occhi di Dio e, allo stesso tempo, nessuno è insostituibile". Del "carisma", che nel linguaggio comune indica "un talento, un'abilità naturale", nella prospettiva cristiana "è una grazia", elargita da Dio "per il bene di tutti", papa Francesco ha parlato alle 40mila persone presenti in piazza san Pietro per l'udienza generale.

Dei carismi - che nel linguaggio ecclesiastico vengono riferiti anche a ordini religiosi e movimenti di laici - il Papa, nel suo discorso ha sottolineato tre caratteri: l'essere una grazia donata da Dio, l'essere donati per il bene di tutta la comunità e l'essere un bene: "quando la Chiesa, nella varietà dei suoi carismi, si esprime in comunione, non può sbagliare", ma "guai se questi doni diventano motivo di invidia o di divisione, di gelosia!".

"Fin dall'inizio - ha detto - il Signore ha ricolmato la Chiesa dei doni del suo Spirito, rendendola così sempre viva e feconda. Con i doni dello Spirito Santo! Tra questi doni, se ne distinguono alcuni che risultano particolarmente preziosi per l'edificazione e il cammino della comunità cristiana: si tratta dei carismi. In questa catechesi vogliamo chiederci: che cos'è esattamente un carisma? Come possiamo riconoscerlo e accoglierlo? E soprattutto: il fatto che nella Chiesa ci sia una diversità e una molteplicità di carismi, va visto in senso positivo, come una cosa bella, oppure come un problema?".

"Parlando un po' in modo umano, si dice così: Dio dà questa qualità, questo carisma, a questa persona ma non per sé: perché sia al servizio di tutta la comunità. Oggi - ha aggiunto - prima di arrivare in piazza, ho ricevuto tanti, tanti bambini disabili nell'aula Paolo VI, tanti erano. Un'associazione che si dedica alla cura di questi bambini: cosa è? Questa associazione, queste persone, questi uomini e queste donne hanno il carisma di curare i bambini disabili. Questo è un carisma".

"Una cosa importante che va subito sottolineata è il fatto che uno non può capire da solo se ha un carisma, e quale. Ma, tante volte, noi abbiamo sentito persone che dicono: 'No, io ho questa qualità, io so cantare benissimo!', e nessuno ha il coraggio di dire loro: 'Ma, meglio che stai zitto, perché ci tormenti tutti quando tu canti!' Nessuno può dire: io ho questo carisma. È all'interno della comunità che sbocciano e fioriscono i doni di cui ci ricolma il Padre; ed è in seno alla comunità che si impara a riconoscerli come un segno del suo amore per tutti i suoi figli. Ognuno di noi, allora, è bene che si domandi: 'C'è qualche carisma che il Signore ha fatto sorgere in me - che il Signore ha fatto sorgere in me -, nella grazia del suo Spirito, e che i miei fratelli, nella comunità cristiana, hanno riconosciuto e incoraggiato? E come mi comporto io riguardo a questo dono: lo vivo con generosità, mettendolo a servizio di tutti, oppure lo trascuro e finisco per dimenticarmene? O magari diventa in me motivo di orgoglio, tanto da lamentarmi sempre degli altri e da pretendere che nella comunità si faccia a modo mio?'. Sono domande che noi dobbiamo fare: se c'è un carisma in me, se è riconosciuto questo carisma, dalla Chiesa, e se sono contento con questo carisma o ho un po' di gelosia dei carismi degli altri e voglio avere quel carisma... No, il carisma è un dono. Soltanto Dio lo dà".

"L'esperienza più bella, però, è scoprire di quanti carismi diversi e di quanti doni del suo Spirito il Padre ricolma la sua Chiesa! Questo non deve essere visto come un motivo di confusione, di disagio: sono tutti regali che Dio fa alla comunità cristiana, perché possa crescere armoniosa, nella fede e nel suo amore, come un corpo solo, il corpo di Cristo. Lo stesso Spirito che dà questa differenza di carismi, fa l'unità della Chiesa: lo stesso Spirito. Di fronte a questa molteplicità di carismi, il nostro cuore si deve aprire alla gioia e dobbiamo pensare: 'Che bella cosa! Tanti doni diversi, perché siamo tutti figli di Dio, e tutti amati in modo unico'. Guai, allora, se questi doni diventano motivo di invidia o di divisione, di gelosia! Come ricorda l'apostolo Paolo nella sua Prima Lettera ai Corinzi, al capitolo 12, tutti i carismi sono importanti agli occhi di Dio e, allo stesso tempo, nessuno è insostituibile. Questo vuol dire che nella comunità cristiana abbiamo bisogno l'uno dell'altro, e ogni dono ricevuto si attua pienamente quando viene condiviso con i fratelli, per il bene di tutti. Questa è la Chiesa! E quando la Chiesa, nella varietà dei suoi carismi, si esprime in comunione, non può sbagliare: è la bellezza e la forza del sensus fidei, di quel senso soprannaturale della fede, che viene donato dallo Spirito Santo affinché, insieme, possiamo tutti entrare nel cuore del Vangelo e imparare a seguire Gesù nella nostra vita".

"Oggi - ha concluso - la Chiesa festeggia la ricorrenza di Santa Teresa di Gesù Bambino, questa Santa che è morta a 24 anni e amava tanto la Chiesa, voleva essere missionaria, ma voleva avere tutti i carismi e diceva: 'Ma, no, io vorrei fare questo e questo e questo...', e tutti i carismi voleva. E' andata in preghiera, ha sentito che il suo carisma era l'amore e ha detto questa bella frase: 'Nel cuore della Chiesa io sarò l'amore'. E questo carisma lo abbiamo tutti: la capacità di amare. Chiediamo oggi a Santa Teresa di Gesù Bambino, questa capacità di amare tanto la Chiesa, di amarla tanto e accettare tutti quei carismi con questo amore di figli della Chiesa, della nostra Santa madre Chiesa gerarchica".