聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 14 09 2014 alle 06,53

Omelia S. Messa a Redipuglia, 13 settembre 2014

La guerra è una follia. Questa è l'ora del pianto
Al Sacrario che raccoglie le salme di oltre 100mila caduti della Prima guerra mondiale, papa Francesco condanna le guerre di allora e di oggi e il loro potere distruttivo, motivate dall'atteggiamento di Caino: "A me che importa?". Gli "affaristi della guerra, forse guadagnano tanto, ma il loro cuore corrotto ha perso la capacità di piangere". " Anche oggi... si può parlare di una terza guerra combattuta ‘a pezzi’, con crimini, massacri, distruzioni…”.  Il nonno di papa Francesco ha combattuto la Grande guerra sul Piave. Il dono della lampada "Luce di san Francesco" agli ordinari militari da accendere nelle commemorazioni della Prima guerra mondiale. 


Papa Francesco - "La guerra è una follia. Mentre Dio porta avanti la sua creazione, e noi uomini siamo chiamati a collaborare alla sua opera, la guerra distrugge": è una condanna senza appello di tutte le guerre quella che papa Francesco ha espresso oggi al Sacrario di Redipuglia, nella messa che ha celebrato a ricordo dei 100 anni dall'inizio della Prima guerra mondiale (1914 -1918).

Prima di arrivare al Sacrario di Redipuglia, papa Francesco si era soffermato per un breve momento di silenzio e l'offerta di fiori al cimitero austro-ungarico di Fogliano di Redipuglia(v. foto), unendo idealmente nella preghiera italiani e austriaci, i nemici che nella Grande Guerra si sono combattuti nella regione. Va detto che il nonno del papa, Giovanni Bergoglio, ha combattuto come bersagliere sul Piave, proprio nella Prima guerra mondiale. Alla fine della messa al pontefice è stato consegnato il foglio matricolare del nonno dal quale il pontefice ha spesso ascoltato le storie della guerra.

Il Sacrario militare di Redipuglia, un monumento costruito a gradoni, custodisce le salme di 107.187 caduti nella Grande Guerra. Papa Pio XI, pontefice del tempo, l'aveva definita "l'inutile strage". Papa Francesco parla di "tutte queste persone, i cui resti riposano qui, avevano i loro progetti, i loro sogni..., ma le loro vite sono state spezzate".

La condanna è senza appello per tutte le guerre.  Il papa fa notare che "anche oggi, dopo il secondo fallimento di un'altra guerra mondiale, forse si può parlare di una terza guerra combattuta 'a pezzi', con crimini, massacri, distruzioni...".

Per papa Francesco, la Grande Guerra ha come motivo "la cupidigia, l'intolleranza, l'ambizione al potere", "spesso giustificati da un'ideologia".  Anche oggi, "dietro le quinte ci sono interessi, piani geopolitici, avidità di denaro e di potere, e c'è l'industria delle armi, che sembra essere tanto importante!".

Ma il motivo profondo di ogni guerra di ieri e di oggi è "la risposta di Caino: 'A me che importa?'".  Questa domanda piena di cinismo è stata scandita ben sette volte nel breve discorso del papa.

"Sopra l'ingresso di questo cimitero - ha detto Francesco - aleggia il motto beffardo della guerra: 'A me che importa?'. Tutte queste persone, i cui resti riposano qui, avevano i loro progetti, i loro sogni..., ma le loro vite sono state spezzate. Perché? Perché l'umanità ha detto: 'A me che importa?'". E ancora: "L'ombra di Caino ci ricopre oggi qui, in questo cimitero. Si vede qui. Si vede nella storia che va dal 1914 fino ai nostri giorni. E si vede anche nei nostri giorni".

"Con quel 'A me che importa?' che hanno nel cuore gli affaristi della guerra, forse guadagnano tanto, ma il loro cuore corrotto ha perso la capacità di piangere. Quel 'A me che importa?' impedisce di piangere. Caino non ha pianto".

"Con cuore di figlio, di fratello, di padre - ha concluso -  chiedo a tutti voi e per tutti noi la conversione del cuore: passare da quel "A me che importa?", al pianto. Per tutti i caduti della 'inutile strage', per tutte le vittime della follia della guerra, in ogni tempo, il pianto. Fratelli, l'umanità ha bisogno di piangere, e questa è l'ora del pianto".

Alla fine della messa, il pontefice ha consegnato agli Ordinari militari ed ai vescovi i presenti la lampada Luce di San Francesco, che verrà accesa nelle  diverse diocesi per le celebrazioni in commemorazione della Prima guerra mondiale. La lampada è offerta dal Sacro convento di Assisi e l'olio dall'Associazione Libera.