聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 31 08 2014 alle 22,53

ANGELUS del 31 agosto 2014

Conformarci non al mondo, ma a Cristo, e seguirlo sulla sua via
All'Angelus papa Francesco mette in guardia dal divenire "mondani" e "sale scipito”. 

I "cristiani annacquati" sono come il vino annacquato: "non si sa se è vino o acqua”. 
Leggere il vangelo tutti i giorni. Vangelo, eucarestia, preghiera ci aiutano a conservare la novità di Gesù. 
Domani la Giornata per la custodia del creato.


Papa Francesco - Il cristiano deve conformarsi "non al mondo, ma a Cristo, e seguirlo sulla sua via": è quanto ha sottolineato papa Francesco oggi prima dell'Angelus recitato con i pellegrini radunati in piazza san Pietro. Egli ha ricordato che "noi cristiani viviamo nel mondo", ma "questo comporta il rischio che diventiamo 'mondani', che 'il sale perda il sapore', come direbbe Gesù (cfr Mt 5,13), cioè che il cristiano si 'annacqui', perda la carica di novità che gli viene dal Signore e dallo Spirito Santo".

"E' triste - ha detto a braccio - trovare cristiani annacquati, che sembrano il vino allungato e non si sa se sono cristiani o annacquati. Come il vino annacquato che non si sa se è vino o acqua". "Se il sale diventa scipito - ha aggiunto - non serve più a nulla.... Il loro sale ha perso il suo sapore e sono diventati mondani...".

Lo spunto è venuto dal vangelo di oggi (Matteo 16,21-27) in cui Gesù annuncia che dovrà soffrire molto, venire ucciso e risorgere il terzo giorno.  "E' un momento critico - spiega il papa - in cui emerge il contrasto tra il modo di pensare di Gesù e quello dei discepoli. Pietro addirittura si sente in dovere di rimproverare il Maestro, perché non può attribuire al Messia una fine così ignobile. Allora Gesù, a sua volta, rimprovera duramente Pietro, lo rimette "in riga", perché non pensa «secondo Dio, ma secondo gli uomini» (v. 23) e senza accorgersene fa la parte di satana, il tentatore".

"Su questo punto - ha aggiunto - insiste, nella liturgia di questa domenica, anche l'apostolo Paolo, il quale, scrivendo ai cristiani di Roma, dice loro: «Non conformatevi a questo mondo, ma lasciatevi trasformare rinnovando il vostro modo di pensare, per poter discernere la volontà di Dio» (Rm 12,2)".

Il contrario dell'annacquamento è "quando nei cristiani rimane viva la forza del Vangelo, essa può trasformare «i criteri di giudizio, i valori determinanti, i punti di interesse, le linee di pensiero, le fonti ispiratrici e i modelli di vita» (Paolo VI, Esort. ap. Evangelii nuntiandi, 19)".

"Perciò - ha continuato - è necessario rinnovarsi continuamente attingendo la linfa dal Vangelo. E come si può fare questo in pratica? Anzitutto proprio leggendo e meditando il Vangelo ogni giorno, così che la parola di Gesù sia sempre presente nella nostra vita".

E qui Francesco ha ricordato un consiglio che ha già dato diverse volte: "Ricordatevi di portare sempre con voi un piccolo vangelo e di leggere ogni giorno una pagina... Portiamo la parola di Dio".

Per tenere vivo il rinnovamento, oltre al meditare la parola di Dio, è importante partecipare "alla Messa domenicale, dove incontriamo il Signore nella comunità, ascoltiamo la sua Parola e riceviamo l'Eucaristia che ci unisce a Lui e tra noi; e poi sono molto importanti per il rinnovamento spirituale le giornate di ritiro e di esercizi spirituali. Vangelo, Eucaristia, preghiera: grazie a questi doni del Signore possiamo conformarci non al mondo, ma a Cristo, e seguirlo sulla sua via, la via del "perdere la propria vita" per ritrovarla (v. 25). "Perderla" nel senso di donarla, offrirla per amore e nell'amore - e questo comporta il sacrificio, la croce - per riceverla nuovamente purificata, liberata dall'egoismo e dall'ipoteca della morte, piena di eternità".

"La Vergine Maria - ha concluso - ci precede sempre in questo cammino; lasciamoci guidare e accompagnare da lei".

Dopo l'Angelus, Francesco ha ricordato che domani, promossa dalla Conferenza episcopale italiana, si celebra la Giornata per la custodia del creato. "Il tema di quest'anno  - ha commentato il pontefice - è molto importante: «Educare alla custodia del creato, per la salute dei nostri paesi e delle nostre città». Auspico che si rafforzi l'impegno di tutti, istituzioni, associazioni e cittadini, affinché sia salvaguardata la vita e la salute delle persone anche rispettando l'ambiente e la natura".