聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 29 03 2014 alle 14,52

Udienza - Ai confessori della Penitenzieria Apostolica 3 marzo 2013

La misericordia è il cuore del Vangelo! 
"Il cuore del sacerdote è un cuore che sa commuoversi, non per sentimentalismo o per mera emotività, ma per le 'viscere di misericordia' del Signore!". Così Papa Francesco ai partecipanti al corso della Penitenzieria apostolica, il Tribunale competente nelle questioni legate al foro interno anche non sacramentale e alle indulgenze. 


"La misericordia è il cuore del Vangelo! 
 
Papa Francesco"Il cuore del sacerdote è un cuore che sa commuoversi, non per sentimentalismo o per mera emotività, ma per le 'viscere di misericordia' del Signore!". Così Papa Francesco ai partecipanti al corso della Penitenzieria apostolica, il Tribunale competente nelle questioni legate al foro interno anche non sacramentale e alle indulgenze. 
 
Siete chiamati ad essere uomini dello Spirito Santo, perché "il protagonista del ministero della Riconciliazione è lo Spirito Santo". Papa Francesco sottolinea così l'importanza della formazione dei sacerdoti perché siano "buoni confessori, consapevoli dell'importanza di questo ministero":
 
"Il confessore accoglie i penitenti non con l'atteggiamento di un giudice e nemmeno con quello di un semplice amico, ma con la carità di Dio, con l'amore di un padre che vede tornare il figlio e gli va incontro, del pastore che ha ritrovato la pecora smarrita".
 
Papa Francesco ricorda che i confessori devono essere testimoni e annunciatori della Risurrezione di Cristo e afferma che "questa testimonianza si legge sul volto, si sente nella voce del sacerdote che amministra con fede e con 'unzione' il Sacramento della Riconciliazione":
 
"Il cuore del sacerdote è un cuore che sa commuoversi, non per sentimentalismo o per mera emotività, ma per le 'viscere di misericordia' del Signore!".
 
Sacramento che Papa Francesco definisce il Sacramento della Misericordia. Quindi, aggiunge:
 
"Se è vero che la tradizione ci indica il duplice ruolo di medico e giudice per i confessori, non dimentichiamo mai che come medico è chiamato a guarire e come giudice ad assolvere". 
 
"Il perdono che il Sacramento conferisce è la vita nuova trasmessa dal Signore Risorto per mezzo del suo Spirito", ribadisce aggiungendo che "compito dei sacerdoti è donarla generosamente ai fratelli". E avverte: "Un sacerdote che non cura questa parte del suo ministero, sia nella quantità di tempo dedicato sia nella qualità spirituale, è come un pastore che non si prende cura delle pecore che si sono smarrite; è come un padre che si dimentica del figlio perduto e tralascia di attenderlo". E poi sottolinea: 
 
"La misericordia è il cuore del Vangelo! È la buona notizia che Dio ci ama, che ama sempre l'uomo peccatore, e con questo amore lo attira a sé e lo invita alla conversione". 
 
"Non dimentichiamo – ricorda Francesco - che i fedeli fanno spesso fatica ad accostarsi al Sacramento, sia per ragioni pratiche, sia per la naturale difficoltà di confessare ad un altro uomo i propri peccati". Dunque la raccomandazione del Papa: "Occorre lavorare molto su noi stessi, sulla nostra umanità, per non essere mai di ostacolo ma sempre favorire l'avvicinarsi alla misericordia e al perdono":
 
"Tante volte capita che una persona viene e dice: 'Ma, non mi confesso da tanti anni, ma, ho avuto questo problema, ho lasciato la confessione perché ho trovato un sacerdote e mi ha detto questo', e si vede l'imprudenza, la mancanza di amore pastorale in quello che racconta la persona. E si allontanano, per una cattiva esperienza nella confessione. Se è questo atteggiamento di padre, che viene dalla bontà di Dio, non succederà mai, questa cosa".
 
Francesco parla di "sicurezza del perdono del Padre": 
 
"La Confessione non è un tribunale di condanna, ma esperienza di perdono e di misericordia!".
 
Un appello concreto: "In ogni parrocchia i fedeli sappiano quando possono trovare i sacerdoti disponibili".