聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 06 07 2014 alle 22,26

ANGELUS, 7 giugno 2014

Mat 11, 25-30

chiudi

Mat 11, 25-30


[25] In quel tempo Gesù disse: "Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. 

[26] Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te. 

[27] Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare. 

[28] Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. 

[29] Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. 

[30] Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero". 

 

chiudi

Gesù dà ristoro alle persone "stanche e sfinite", quelle nei Paesi più poveri, ma anche nelle periferie dei Paesi più ricchi
All'Angelus papa Francesco ricorda che l'invito di Gesù di donare "ristoro" a chi è "stanco e oppresso" vale anche nei nostri giorni. 
Ai bisognosi fa male "l'indifferenza umana", e "soprattutto l'indifferenza dei cristiani”. 
Un saluto "particolare e affettuoso" alla gente del Molise, dove il pontefice si è recato ieri in visita pastorale.
 Per favore, non dimenticate di pregare per me. Anch'io lo faccio per voi".


Papa Francesco - La promessa di Gesù a "dare ristoro a tutti" è un invito per i cristiani per divenire a nostra volta "ristoro e conforto per i fratelli, ... ad imitazione del Maestro". L'invito di Gesù vale ancora oggi, perché le persone "stanche e sfinite" si trovano "nei Paesi più poveri, ma anche nelle periferie dei Paesi più ricchi, si trovano tante persone stanche e sfinite sotto il peso insopportabile dell'abbandono e dell'indifferenza".

Sono questi i pensieri centrali attorno a cui  papa Francesco ha svolto la sua meditazione prima dell'Angelus domenicale coi fedeli riuniti in piazza san Pietro.

Il pontefice ha preso spunto dall'invito di Gesù che si trova nel vangelo della messa di oggi: «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro» (Mt 11,28). Egli si è fermato soprattutto a descrivere le persone a cui è rivolto l'invito di Gesù: "Egli ha davanti agli occhi le persone che incontra ogni giorno per le strade della Galilea: tanta gente semplice, poveri, malati, peccatori, emarginati... Questa gente lo ha sempre rincorso per ascoltare la sua parola - una parola che dava speranza! - e per toccare anche solo un lembo della sua veste. Gesù stesso cercava queste folle stanche e sfinite come pecore senza pastore (cfr Mt 9,35-36), per annunciare loro il Regno di Dio e per guarire molti nel corpo e nello spirito".

L'invito di Gesù "si estende fino ai nostri giorni": "Nei Paesi più poveri, ma anche nelle periferie dei Paesi più ricchi, si trovano tante persone stanche e sfinite sotto il peso insopportabile dell'abbandono e dell'indifferenza".

"Quanto male fa - ha aggiunto a braccio - ai bisognosi l'indifferenza umana, e ancora peggio l'indifferenza dei cristiani".

"Ai margini della società - ha continuato - sono tanti gli uomini e le donne provati dall'indigenza, ma anche dall'insoddisfazione della vita e dalla frustrazione. Tanti sono costretti ad emigrare dalla loro Patria, mettendo a repentaglio la propria vita. Molti di più portano ogni giorno il peso di un sistema economico che sfrutta l'uomo, gli impone un "giogo" insopportabile, che i pochi privilegiati non vogliono portare. A ciascuno di questi figli del Padre che è nei cieli, Gesù ripete: «Venite a me, voi tutti». E lo dice anche a coloro che possiedono tutto, ma il loro cuore è vuoto e senza Dio. Anche a loro Gesù rivolge questo invito. L'invito di Gesù è per tutti, ma in particolare per quelli che sono più nel bisogno".

"Una volta ricevuto il ristoro e il conforto di Cristo - ha concluso -  siamo chiamati a nostra volta a diventare ristoro e conforto per i fratelli, con atteggiamento mite e umile, ad imitazione del Maestro. La mitezza e l'umiltà del cuore ci aiutano non solo a farci carico del peso degli altri, ma anche a non pesare su di loro con le nostre vedute personali, i nostri giudizi o le nostre critiche, o la nostra indifferenza".

Dopo la preghiera mariana, il papa ha salutato "romani e pellegrini" e ha aggiunto un saluto "particolare e affettuoso"  a "tutta la brava gente del Molise che ieri mi ha accolto nella loro bella terra, ma anche nel loro cuore. E' stata un'accoglienza calorosa che non dimenticherò mai".  "Per favore - ha concluso - non dimenticate di pregare per me. Anch'io lo faccio per voi".