聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 29 03 2013 alle 10,46

Omelia - Via Crucis al Colosseo, 29/03/2013

Via Crucis, la croce di Gesù è la Parola con cui Dio ha risposto al male del mondo 
Francesco sottolinea come le meditazioni del rito al Colosseo siano state scritte da giovani libanesi, una terra che mostra la comunione dei cristiani e l'amicizia di tanti fratelli musulmani. 
Un "segno di speranza" per il Medio Oriente e per il mondo intero. "Continuiamo questa Via Crucis nella vita di tutti i giorni".


Papa Francesco - ."A volte ci sembra che Dio non risponda al male, che rimanga in silenzio. In realtà Dio ha parlato, ha risposto, e la sua risposta è la Croce di Cristo: una Parola che è amore, misericordia, perdono. E' anche giudizio: Dio ci giudica amandoci. Ricordiamo questo: Dio ci giudica amandoci. Se accolgo il suo amore sono salvato, se lo rifiuto sono condannato, non da Lui, ma da me stesso, perché Dio non condanna, Lui solo ama e salva". E' la prima Via Crucis di papa Francesco: ci sono decine di migliaia di persone che già dal pomeriggio si erano raccolte attorno al Colosseo, ci sono bandiere e migliaia di candele. Ma c'è soprattutto un alternarsi impressionante di silenzio e preghiere.

Lo sottolineano le stesse parole del Papa: "Non voglio aggiungere tante parole. In questa notte deve rimanere una sola parola, che è la Croce stessa".

Il Papa non porta la croce, assiste al rito dal terrazzo del Palatino, di fronte al Colosseo, come negli ultimi anni hanno fatto i Papi precedenti. A sostenerla nel suo cammino, oltre al cardinale Agostino Vallini, vicario del Papa per la diocesi di Roma, alla prima e ultima stazione, due seminaristi cinesi, due frati francescani della Custodia di Terra Santa, due religiose dell'Africa e due religiose del Libano, due giovani del Brasile, due famiglie provenienti dall'Italia e dall'India e un malato.
A sorreggere le torce anche due degli autori delle meditazioni. I testi di quest'anno sono stati scritti da un gruppo di giovani libanesi, sotto la guida del patriarca maronita, il cardinale Béchara Boutros Raï.

Lo ricorda anche il Papa: "Questa sera abbiamo sentito la testimonianza dei nostri fratelli del Libano: sono loro che hanno composto queste belle meditazioni e preghiere. Li ringraziamo di cuore per questo servizio e soprattutto per la testimonianza che ci danno. Lo abbiamo visto quando il Papa Benedetto è andato in Libano: abbiamo visto la bellezza e la forza della comunione dei cristiani di quella Terra e dell'amicizia di tanti fratelli musulmani e di molti altri. E' stato un segno per il Medio Oriente e per il mondo intero: un segno di speranza".

Ce n'è un'eco nella meditazione della settima stazione: "Illumina le nostre coscienze affinché riconoscano, nonostante le divergenze umane e religiose», che un raggio di verità illumina tutti gli uomini», chiamati a camminare insieme - nel rispetto della libertà religiosa - verso la verità che è in Dio solo. Così, le diverse religioni potranno «mettersi insieme per servire il bene comune e contribuire allo sviluppo di ogni persona e alla edificazione della società".

Ma nelle meditazioni non c'è solo la sofferenza dei cristiani del Medio Oriente, ci sono le donne e la loro dignità spesso violata, le vittime delle guerre e delle violenze, gli sfollati e i giovani vittime di felicità "artificiali" e "quanti hanno perso la speranza".

"Cari fratelli - dice il Papa - la parola della Croce è anche la risposta dei cristiani al male che continua ad agire in noi e intorno a noi. I cristiani devono rispondere al male con il bene, prendendo su di sé la croce, come Gesù". E "continuiamo questa Via Crucis nella vita di tutti i giorni. Camminiamo insieme sulla via della Croce, camminiamo portando nel cuore questa Parola di amore e di perdono. Camminiamo aspettando la Risurrezione di Gesù! Che ci ama tanto, è tutto amore".