聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 12 06 2014 alle 19,51

Messaggio - Mondiali di calcio 12 giugno 2014

Il Mondiale di calcio, una festa di sport "possa trasformarsi in una festa di solidarietà tra i popoli.
Lo sport "uno strumento per comunicare i valori che promuovono il bene della persona umana e aiutano a costruire una società più pacifica e fraterna.

Possa questa Coppa del Mondo - l'augurio del Papa - svolgersi con tutta la serenità e la tranquillità, sempre nel reciproco rispetto, nella solidarietà e nella fraternità tra uomini e donne che si riconoscono membri di un'unica famiglia. 


Papa Francesco- "Oltre ad una festa di sport, questa Coppa del mondo di calcio possa trasformarsi in una festa di solidarietà tra i popoli". E' l'auspicio che papa Francesco ha rivolto al Mondiale di calcio in un videomessaggio trasmesso dalla Tv brasiliana "Rete Globo".

"Lo sport - nelle parole del Papa - è uno strumento per comunicare i valori che promuovono il bene della persona umana e aiutano a costruire una società più pacifica e fraterna. Pensiamo alla lealtà, alla perseveranza, all'amicizia , alla condivisione ed alla solidarietà". Praticare sport, aggiunge, insegna tre atteggiamenti essenziali in favore della pace: la necessità di "allenarsi", il "fair play" ed il rispetto degli avversari. Se per vincere è necessario allenarsi, "possiamo vedere, in questa pratica sportiva, una metafora della nostra vita".

"Nella vita è necessario lottare, 'allenarsi', impegnarsi per ottenere risultati importanti. Lo spirito sportivo ci rimanda in tal modo, un'immagine dei sacrifici necessari per crescere nelle virtù che costruiscono il carattere di una persona. Se per migliorare una persona  è necessario un 'allenamento' intenso e continuo,  ancora più impegno dovrà essere investito per  arrivare all'incontro e alla pace tra individui e tra i popoli 'migliorati'!".

Importante anche il 'fair play' perché "il calcio può e deve essere una scuola per la formazione di una cultura dell'incontro, che porti armonia e pace tra i popoli". "Per vincere bisogna superare l'individualismo, l'egoismo, tutte le forme di razzismo, di intolleranza e di strumentalizzazione della persona umana. Quindi, essere 'individualisti' nel calcio rappresenta un ostacolo al successo della squadra; ma se siamo 'individualisti' nella vita, ignorando le persone che ci circondano, ne riceve un pregiudizio l'intera società".

"Il segreto della vittoria sul campo, ma anche nella vita - ha affermato papa Francesco - risiede nel saper rispettare il mio compagno di squadra, come pure il mio avversario. Nessuno vince da solo, né in campo, né nella vita! Che nessuno si isoli e si senta escluso! E, se è vero che al termine di questi Mondiali, solamente una squadra nazionale potrà alzare la coppa come vincitore, imparando le lezioni che lo sport ci insegna, tutti saremo vincitori, rafforzando i legami che ci uniscono".

"Possa questa Coppa del Mondo - l'augurio del Papa - svolgersi con tutta la serenità e la tranquillità, sempre nel reciproco rispetto, nella solidarietà e nella fraternità tra uomini e donne che si riconoscono membri di un'unica famiglia".