聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 15 02 2021 alle 09,38

Angelus, 14 febbraio 2021

0

Papa: nel giorno di san Valentino auguri a fidanzati e innamorati

Nell’episodio del lebbroso che si avvicina a Gesù che lo guarisce si vede che “Dio non è indifferente, non si tiene a ‘distanza di sicurezza’; anzi, si avvicina con compassione e tocca la nostra vita per risanarla. Vicinanza, compassione, tenerezza: in queste tre parole c’è lo stile di Dio”.


Papa Francesco– Nel giorno di san Valentino papa Francesco ha concluso l’Angelus facendo i suoi “auguri” a fidanzati e innamorati."oggi, giorno di San Valentino - ha detto -  non si può mancare di rivolgere un pensiero e un augurio ai fidanzati, agli innamorati: li accompagno con la mia preghiera e li benedico". 

Un altro pensiero e la sua “gratitudine” ha dedicato a quanti “collaborano in favore dei migranti”. Oggi in particolare, ha aggiunto, per i vescovi della Colombia per la decisione delle autorità nazionali di emanare un nuovo statuto a favore dei migranti del Venezuela.

In precedenza, prima della recita della preghiera mariana, Francesco tornato ad affacciarsi alla finestra su piazza san Pietro - “che bella la piazza col sole”, ha commentato - a un migliaio di persone presenti ha parlato dell’episodio del Vangelo nel quale un lebbroso si avvicina a Gesù, che lo tocca e lo guarisce, superando quelle convenzioni sociali che anche oggi creano isolamento.  “In questo episodio possiamo vedere due ‘trasgressioni’ che si incontrano: il lebbroso che si avvicina a Gesù e Gesù che, mosso a compassione, lo tocca per guarirlo”. La lebbra, vista come castigo divino, escludeva infatti da ogni contatto sociale. “Gesù, invece, si lascia avvicinare da quell’uomo, si commuove, addirittura stende la mano e lo tocca. Così, Egli realizza la Buona Notizia che annuncia: Dio si è fatto vicino alla nostra vita, ha compassione per le sorti dell’umanità ferita e viene ad abbattere ogni barriera che ci impedisce di vivere la relazione con Lui, con gli altri e con noi stessi”.

“Con questo gesto – ha sottolineato - Gesù mostra che Dio che non è indifferente, non si tiene a ‘distanza di sicurezza’; anzi, si avvicina con compassione e tocca la nostra vita per risanarla. Vicinanza, compassione, tenerezza: in queste tre parole c’è lo stile di Dio. E’ un grande trasgressore, in questo senso”.

“Anche oggi – ha detto ancora Francesco - nel mondo tanti nostri fratelli soffrono per questa malattia, o per altre malattie e condizioni a cui è purtroppo associato un pregiudizio sociale”. “Ma a ciascuno di noi può capitare di sperimentare ferite, fallimenti, sofferenze, egoismi che ci chiudono a Dio e agli altri. Perché il peccato ci chiude in noi stessi. Dinanzi a tutto questo, Gesù ci annuncia che Dio non è un’idea o una dottrina astratta, ma Colui che si ‘contamina’ con la nostra umanità ferita e non ha paura di venire a contatto con le nostre piaghe”. Per ‘contaminarsi’, Dio si è fatto peccato, lui che non può peccare”.

“Per rispettare le regole della buona reputazione e delle consuetudini sociali, noi spesso mettiamo a tacere il dolore o indossiamo delle maschere che lo camuffano. Per far quadrare i calcoli dei nostri egoismi o le leggi interiori delle nostre paure, non ci coinvolgiamo troppo nelle sofferenze degli altri. Chiediamo invece al Signore la grazia di vivere queste due ‘trasgressioni’ del Vangelo di oggi. Quella del lebbroso, perché abbiamo il coraggio di uscire dal nostro isolamento e, invece di restare lì a commiserarci o a piangere i nostri fallimenti, andiamo da Gesù così come siamo. Signore io sono così. Sentiremo quell’abbraccio, quell’abbraccio di Gesù, che è tanto bello. E poi la trasgressione di Gesù: un amore che fa andare oltre le convenzioni, che fa superare i pregiudizi e la paura di mescolarci con la vita dell’altro”.

Il gesto di Gesù ha dato a Francesco spunto per quei “bravi confessori che non sono con la frusta in mano, ma soltanto per ricevere, ascoltare, e dire che Dio è buono e che Dio perdona sempre, che Dio non si stanca di perdonare. A questi confessori misericordiosi chiedo oggi, a tutti voi, di fare un applauso, qui, in Piazza, tutti”.