聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 02 01 2021 alle 09,33

Udienza Generale 18 novembre 2020

0

Francesco: la preghiera calma l’inquietudine e apre il cuore a Dio

All’udienza generale dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico, il Papa riflette su Maria, sul suo stile nel rivolgersi a Dio con cuore umile: “Signore, quello che Tu vuoi, quando Tu vuoi e come Tu vuoi”.


Papa Francesco-Mettersi in preghiera con un atteggiamento di disponibilità, con il cuore aperto alla volontà di Dio, non dirigendo in modo autonomo la propria vita ma affidandola alle mani del Signore, come ha fatto la Madonna. È il centro della catechesi del mercoledì che Papa Francesco a causa della pandemia tiene dalla biblioteca del Palazzo Apostolico, trasmessa in diretta streaming. Maria, nota il Papa, “appartiene alla grande schiera di quegli umili di cuore che gli storici ufficiali non inseriscono nei loro libri ma con i quali Dio ha preparato la venuta del suo Figlio”. 

Un "Eccomi" piccolo e immenso

Una ragazza semplice che entra in un dialogo con il Signore, che non sa nulla del mare tempestoso che dovrà affrontare, che a volte sembra “scomparire, per poi riaffiorare nei momenti cruciali”. La voce di Dio guida i suoi passi là dove c’è bisogno della sua presenza come nell’ora culminante sotto la croce. Lei che con il suo “eccomi” “piccolo e immenso”, dice, ha fatto sobbalzare di gioia l’intera creazione ed è stato preceduto da tanti altri “eccomi” nella storia della salvezza, da tante obbedienze fiduciose alla volontà del Signore che portano il Papa a esortare anche oggi a questa apertura di Maria:

Quelli che sono più umili di cuore, pregano così: con l’umiltà essenziale, diciamo così; con umiltà semplice: “Signore, quello che Tu vuoi, quando Tu vuoi e come Tu vuoi”. E questi pregano così, non arrabbiandosi perché le giornate sono piene di problemi, ma andando incontro alla realtà e sapendo che nell’amore umile, nell’amore offerto in ogni situazione, noi diventiamo strumenti della grazia di Dio.

La preghiera trasforma l'inquietudine in disponibilità

“La preghiera sa ammansire l’inquietudine”, ricorda, infatti, il Papa:

Ma, noi siamo inquieti, sempre vogliamo le cose prima di chiederle e la vogliamo subito, subito… e la vita non è così. Questa inquietudine ci fa male, e la preghiera sa ammansire l’inquietudine, sa trasformarla in disponibilità. Io sono inquieto, prego e la preghiera mi apre il cuore e mi fa disponibile alla volontà di Dio.

 

 

Chiedere al Signore che non ci lasci soli

Negli istanti dell’Annunciazione, Maria ha saputo respingere la paura anche se presagiva che il suo “sì” le avrebbe portato “prove molto dure”. “Se nella preghiera - rimarca Francesco - comprendiamo che ogni giorno donato da Dio è una chiamata, allora allarghiamo il cuore e accogliamo tutto”:

Si impara a dire: “Quello che Tu vuoi, Signore. Promettimi solo che sarai presente ad ogni passo del mio cammino”. Questo è l’importante: chiedere al Signore la sua presenza a ogni passo del nostro cammino: che non ci lasci soli, che non ci abbandoni nella tentazione, che non ci abbandoni nei momenti brutti. Quel finale del Padre Nostro è così: la grazia che Gesù stesso ci ha insegnato a chiedere al Signore.

 

 

Maria Madre della Chiesa e prima discepola

Maria, prosegue il Papa, accompagna anche la vita della Chiesa: prega con i discepoli e lei che per opera dello Spirito Santo è diventata Madre di Dio, diventa “Madre della Chiesa”. “Non fa il sacerdote tra loro”, aggiunge Francesco a braccio, ma “prega con loro, in comunità, come una della comunità”. “Pregando con la Chiesa nascente - osserva ancora - diventa Madre della Chiesa, accompagna i discepoli nei primi passi della Chiesa”, con la sua preghiera che, sottolinea, è "silenziosa”.

Il Vangelo delle nozze di Cana racconta proprio la preghiera di Maria che si rivolge al Figlio. La sua presenza è sempre preghiera, come nel Cenacolo. “Maria è presente perché è Madre, ma è anche presente perché è la prima discepola”, riflette il Papa evidenziando come proprio per questo motivo la Madonna esorti sempre a fare quello che Gesù indica, senza dire: “Risolverò io le cose”.

Il cuore aperto alla Parola di Dio

La sua “naturale intuizione femminile viene esaltata nella sua singolarissima unione con Dio nella preghiera”.  Papa Francesco si rifà, quindi, alle parole dell’evangelista Luca: “Maria custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore”.  Tutto ciò che le capita finisce nel suo cuore: i giorni di gioia come i momenti più bui, quando fa fatica a comprendere per quali strade debba passare la Redenzione. Fino al venerdì della Passione.

Tutto la Madre custodisce e porta nel suo dialogo con Dio. Qualcuno ha paragonato il cuore di Maria a una perla di incomparabile splendore, formata e levigata dalla paziente accoglienza della volontà di Dio attraverso i misteri di Gesù meditati in preghiera. Che bello se anche noi potremo assomigliare un po’ alla nostra Madre! Con il cuore aperto alla Parola di Dio, con il cuore silenzioso, con il cuore obbediente, con il cuore che sa ricevere la Parola di Dio e la lascia crescere con un seme del bene della Chiesa.

 

 

Nei saluti ai fedeli di lingua polacca, il Papa ha ricordato che oggi in Polonia ricorre la memoria liturgica della Beata Karolina Kόzka, che subì la morte per martirio in difesa della virtù della castità, sottolineando come il suo esempio indichi "il valore della purezza, il rispetto per il corpo umano e la dignità della donna". E salutando i fedeli di lingua italiana, in occasione dell'odierno anniversario della Dedicazione della Basilica Vaticana, nel 1626, e di quella Ostiense, nel 1854, auspica che "questa festa che pone in luce il significato della chiesa, edificio sacro dove si raccolgono i credenti, susciti in tutti noi la consapevolezza che ognuno è chiamato ad essere tempio vivente di Dio".