聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 18 06 2020 alle 09,14

Udienza Generale, 17 giugno 2020

0

Papa: possa sempre e dovunque essere rispettata la libertà di coscienza

 

“Tutti appartengono a Dio: tutti i peccatori, i dirigenti più corrotti, tutti appartengono a Dio. E il mondo vive e prospera grazie alla benedizione del giusto”. “Mosè non negozia il popolo. E’ l’intercessore. Non è uno che vuol fare carriera. E’ il ponte. Che bell’esempio per tutti i pastori che devono essere ‘ponte’ fra Dio e il popolo”. “Non voglio fare carriera con il popolo”.

 


Papa Francesco– “Possa sempre e dovunque essere rispettata la libertà di coscienza; e possa ogni cristiano dare esempio di coerenza con una coscienza retta e illuminata dalla Parola di Dio..”. E’ l’appello lanciato da papa Francesco nella odierna “Giornata della Coscienza”, “ispirata alla testimonianza del diplomatico portoghese Aristides de Sousa Mendes, il quale, ottant’anni or sono, decise di seguire la voce della coscienza e salvò la vita a migliaia di ebrei e altri perseguitati”.
L’appello di Francesc o è giunto al termine di una udienza generale, svoltasi anche oggi nella Biblioteca del Palazzo apostolico, nella quale, continuando il ciclo di catechesi sulla preghiera, ha parlato della “Preghiera di Mosè (Es 32,11-14)”, sottolineando che “tutti appartengono a Dio”, anche i peccatori, i corrotti. “E il mondo vive e prospera grazie alla benedizione del giusto, alla preghiera di pietà che il santo eleva incessante per gli uomini, in ogni luogo e in ogni tempo della storia”, come Mosè, “l’intercessore”.
Nel suo discorso Francesco ha sottolineato che Mosè “appare uomo come noi. Ed è per questa sua debolezza, oltre che per la sua forza, che ne rimaniamo colpiti. Incaricato da Dio di trasmettere la Legge al suo popolo, fondatore del culto divino, mediatore dei misteri più alti, non per questo motivo cesserà di intrattenere stretti legami di solidarietà con il suo popolo, specialmente nell’ora della tentazione e del peccato. Sempre attaccato al popolo, Mosè mai ha perso il rapporto col popolo. Il pastore sempre rimane attaccato al popolo”.
“Mosè è tanto amico di Dio da poter parlare con lui faccia a faccia (cfr Es 33,11); e resterà tanto amico degli uomini da provare misericordia per i loro peccati, per le loro tentazioni”, “Nonostante la sua condizione di privilegiato, Mosè non cessa di appartenere a quella schiera di poveri in spirito che vivono facendo della fiducia in Dio il viatico del loro cammino. Un uomo del popolo. Così, il modo più proprio di pregare di Mosè sarà l’intercessione (cfr Catechismo della Chiesa Cattolica, 2574). La sua fede in Dio fa tutt’uno con il senso di paternità che nutre per la sua gente. La Scrittura lo raffigura abitualmente con le mani tese verso l’alto, verso Dio, quasi a far da ponte con la sua stessa persona tra cielo e terra. Perfino nei momenti più difficili, perfino nel giorno in cui il popolo ripudia Dio e lui stesso come guida per farsi un vitello d’oro, Mosè non se la sente di mettere da parte la sua gente. E’ il mio popolo, è il tuo popolo, non rinnega”. “Mosè non negozia il popolo. E’ l’intercessore. Non è uno che vuol fare carriera. E’ il ponte. Che bell’esempio per tutti i pastori che devono essere ‘ponte’ fra Dio e il popolo”. “Non voglio fare carriera con il popolo”.
“Questa è la preghiera che i veri credenti coltivano nella loro vita spirituale. Anche se sperimentano le mancanze delle persone e la loro lontananza da Dio, questi oranti non le condannano, non le rifiutano. L’atteggiamento dell’intercessione è proprio dei santi, che, ad imitazione di Gesù, sono ‘ponti’ tra Dio e il suo popolo. Mosè, in questo senso, è stato il più grande profeta di Gesù, nostro avvocato e intercessore (cfr Catechismo della Chiesa Cattolica, 2577). Mosè ci sprona a pregare con il medesimo ardore di Gesù, a intercedere per il mondo, a ricordare che esso, nonostante tutte le sue fragilità, appartiene sempre a Dio. Tutti appartengono a Dio: tutti i peccatori, i dirigenti più corrotti, tutti appartengono a Dio. E il mondo vive e prospera grazie alla benedizione del giusto”.
“Mosè – ha detto ancora nel saluto ai tedeschi - non prega per sé stesso, prega per gli altri, diventa il grande intercessore del popolo di Dio. Anche noi dobbiamo renderci conto che non siamo mai davanti a Dio solo come individui, ma anche come membri della Chiesa e figli dell’unica famiglia umana. Questo dovrebbe diventare visibile anche nel nostro modo di pregare, gli uni per gli altri”.