聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 18 06 2020 alle 09,09

Angelus, 14 giugno 2020

0

Papa: L’effetto mistico e comunitario dell’Eucaristia. Appello e preghiera per la ‘drammatica situazione in Libia’

All’Angelus coi fedeli in piazza san Pietro, papa Francesco sottolinea la “forza rinnovatrice” dell’eucaristia, grazie alla presenza di Gesù e il suo essere “segno efficace di unità, di comunione, di condivisione”. “Apprensione e dolore” per la guerra in Libia. Appello agli organismi internazionali per rilanciare la pace. Le “precarie condizioni” che rendono i profughi lì presenti “più vulnerabili da forme di sfruttamento e violenza e crudeltà”. “Tutti abbiamo responsabilità, nessuno si può sentire dispensato”.
 


Papa Francesco– Nella domenica in cui la Chiesa in Italia e in altre nazioni celebra la solennità del Corpus Domini (tradizionalmente si celebra il secondo giovedì dopo la Pentecoste), papa Francesco ha sottolineato “l’effetto mistico e l’effetto comunitario” prodotto dal “calice condiviso” e dal “pane spezzato”. Il pontefice ha espresso questi pensieri nella sua riflessione prima dell’Angelus con i fedeli radunati in piazza san Pietro. In mattinata egli aveva celebrato la messa della solennità nella basilica. Dopo la preghiera dell’Angelus egli ha lanciato un appello per la “drammatica situazione in Libia”.
Rifacendosi alla seconda lettura della messa di oggi (1Cor 10,16-17), il papa ha spiegato che “l’effetto mistico” dell’eucaristia “riguarda l’unione con Cristo, che nel pane e nel vino si offre per la salvezza di tutti. Gesù è presente nel sacramento dell’Eucaristia per essere il nostro nutrimento, per essere assimilato e diventare in noi quella forza rinnovatrice che ridona energia e voglia di rimettersi in cammino, dopo ogni sosta o caduta. Ma questo richiede il nostro assenso, la nostra disponibilità a lasciar trasformare noi stessi, il nostro modo di pensare e di agire; altrimenti le celebrazioni eucaristiche a cui partecipiamo si riducono a dei riti vuoti e formali”.
“L’effetto comunitario” riguarda la “comunione reciproca di quanti partecipano all’Eucaristia, al punto da diventare tra loro un corpo solo, come unico è il pane che si spezza e si distribuisce. La comunione al corpo di Cristo è segno efficace di unità, di comunione, di condivisione. Non si può partecipare all’Eucaristia senza impegnarsi in una fraternità vicendevole che sia sincera. Ma il Signore sa bene che le nostre sole forze umane non bastano per questo. Anzi, sa che tra i suoi discepoli ci sarà sempre la tentazione della rivalità, dell’invidia, del pregiudizio, della divisione... Anche per questo ci ha lasciato il Sacramento della sua Presenza reale, concreta e permanente, così che, rimanendo uniti a Lui, noi possiamo ricevere sempre il dono dell’amore fraterno”.
“L’unione con Cristo e la comunione tra quanti si nutrono di Lui – ha concluso - genera e rinnova continuamente la comunità cristiana. Dunque, è vero che la Chiesa fa l’Eucaristia, ma è più fondamentale che l’Eucaristia fa la Chiesa, e le permette di essere la sua missione, prima ancora che di compierla”.
Dopo la preghiera mariana, papa Francesco ha affermato che “la drammatica situazione in Libia” è “presente nella mia preghiera in questi ultimi giorni”, con “apprensione e dolore”. La divisione e la guerra fra il governo di Fayez el Serraj, riconosciuto dalla comunità internazionale e il ribelle gen. Khalifa Haftar. Il conflitto è divenuto ancora più violento per l’intervento della Turchia affianco a el Serraj, e della Russia affianco Haftar, sostenuto anche da Francia ed Emirati.
Scandendo le parole, il pontefice ha esortato “gli Organismi internazionali e quanti hanno responsabilità politiche e militari a rilanciare con convinzione e risolutezza la ricerca di un cammino verso la cessazione delle violenze, che porti alla pace, alla stabilità e all’unità del Paese”.
“Prego anche – ha aggiunto - per le migliaia di migranti, rifugiati, richiedenti asilo e sfollati interni in Libia. La situazione sanitaria ha aggravato le loro già precarie condizioni, rendendoli più vulnerabili da forme di sfruttamento e violenza e crudeltà. Invito la comunità internazionale a prendere a cuore la loro condizione, individuando percorsi e fornendo mezzi per assicurare ad essi la protezione di cui hanno bisogno, una condizione dignitosa e un futuro di speranza”.
E a braccio ha concluso: “Fratelli e sorelle: di questo tutti abbiamo responsabilità, nessuno si può sentire dispensato” E ha invitato a un minuto di preghiera in silenzio “per la Libia”.