聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 19 06 2013 alle 11,09

UDIENZA GENERALE, mercoledì 19 giugno 2013 


La Chiesa è il "corpo di Cristo", non facciamola soffrire con divisioni, personalismi e "chiacchiere
All'udienza generale appelli di Francesco per i migranti e le loro famiglie e per "testimoniare il Vangelo della vita". "Tutti uniti, tutti uniti con le nostre differenze, ma uniti, uniti sempre, che quella è la strada di Gesù! L'unità è superiore ai conflitti, l'unità è una grazia che dobbiamo chiedere al Signore". Cercare l'unità anche tra evangelici, ortodossi e cattolici.
 


- Cercare l'unità che "è sempre superiore ai conflitti", non far soffrire la Chiesa con lo spirito delle divisioni, degli egoismi, delle "chiacchiere", "quanto male fanno le chiacchiere, quanto male fanno alla Chiesa le divisioni". Dell'unità della Chiesa, "corpo di Cristo", che ha in Gesù il suo capo, papa Francesco ha parlato  alle 70mila persone presenti oggi in piazza san Pietro per l'udienza generale, tra le quali, come di consueto, ha compiuto un lungo giro con la jeep bianca. In una giornata calda e assolata, il Papa ha più volte raccomandato, con i gesti, ai genitori dei bambini che gli vengono portati per un bacio o una carezza, di coprire il capo dei piccoli. A uno ha anche messo in testa di persona un cappellino verde, uno dei molti che la gente gli dona, insieme ad altri piccoli oggetti. 
L'incontro è stato anche occasione per il Papa per lanciare u appello per l'accoglienza dei rifugiati - domani è la Giornata mondiale del rifugiato - e delle loro famiglie, "costrette a lasciare in fretta la patria, la casa, e perdere ogni bene e sicurezza per fuggire da violenze e persecuzioni, o gravi discriminazioni a causa della religione, dell'appartenenza a un gruppo etnico o delle idee politiche". Ai pericoli del viaggio, ha aggiunto, si unisce quello della "disgregazione". "Non possiamo essere insensibili", ma aprirci "alla comprensione e alla solidarietà, nel loro volto è impresso il volto di Cristo". Francesco è anche tornato a rivolgere "l'invito a tutti ad  accogliere e testimoniare il 'Vangelo della vita', a promuovere e difendere la vita in tutte le sue dimensioni e in tutte le sue fasi. Il cristiano è colui che dice 'si'' alla vita, che dice 'sì' a Dio, il Vivente".
In precedenza, nella catechesi per l'udienza generale, continuando a illustrare le definizioni della Chiesa offerte dal Concilio Vaticano II, Francesco ha parlato dunque della Chiesa "corpo di Cristo", a partire dalla descrizione che ne fa san Paolo. "L'immagine del corpo ci aiuta a capire questo profondo legame: la Chiesa è anzitutto il corpo Se si separa il capo del corpo il corpo non sopravvive, questo ci dice che dobbiamo restare uniti". Parlare della Chiesa come "corpo", ha aggiunto, ci chiama a capire che la Chiesa è "una realtà viva, non un'associazione culturale, politica o assistenziale, ma una realtà viva che ha un capo che la guida e la sorregge e cammina nella storia". E come nel corpo, "capo e membra per vivere devono essere uniti". Unità che "non è piatta uniformità, ma tutti concorrono a formare un unico corpo vitale, profondamente legato a Cristo". "Ricordiamolo bene: essere parte della Chiesa vuol dire essere uniti a Cristo e ricevere da Lui la vita divina che ci fa vivere come cristiani, vuol dire rimanere uniti al Papa e ai vescovi, che sono strumenti di unità e di comunione, e vuol dire anche imparare a superare personalismi e divisioni, a comprendersi maggiormente, ad armonizzare le varietà e le ricchezze di ciascuno; in una parola a voler più bene a Dio e alle persone che ci sono accanto, in famiglia, in parrocchia, nelle associazioni". "Non andiamo sulla strada delle divisioni, delle lotte tra noi, no! Tutti uniti, tutti uniti con le nostre differenze, ma uniti, uniti sempre, che quella è la strada di Gesù! L'unità è superiore ai conflitti, l'unità è una grazia che dobbiamo chiedere al Signore perché ci liberi dalle tentazioni della divisione, delle lotte tra noi, degli egoismi, dalle chiacchiere, eh? Quanto male fanno le chiacchiere: quanto male!, eh? Quanto male! Mai chiacchierare degli altri: mai". 
"Quanto danno arrecano alla Chiesa le divisioni tra i cristiani, l'essere di parte, gli interessi meschini!". "Ma anche le divisioni tra le comunità: cristiani evangelici, cristiani ortodossi, cristiani cattolici". "Dobbiamo cercare di portare l'unità". "Io - ha proseguito - racconterò una cosa. Oggi, prima di uscire da casa, sono stato 40 minuti, più o meno, mezz'ora, con un pastore evangelico, e abbiamo pregato insieme, eh?, cercando l'unità. Ma noi dobbiamo pregare tra noi, cattolici, e anche con i cristiani, pregare perché il Signore ci dia l'unità: l'unità tra noi! Ma, come avremo l'unità tra i cristiani se non siamo capaci di averla tra noi cattolici, di averla in famiglia, quante famiglie lottano e si dividono?".
"Cari fratelli e sorelle - ha concluso - chiediamo a Dio: aiutaci ad essere membra del Corpo della Chiesa sempre profondamente unite a Cristo; aiutaci a non far soffrire il Corpo della Chiesa con i nostri conflitti, le nostre divisioni, i nostri egoismi; aiutaci ad essere membra vive legate le une con le altre da un'unica forza, quella dell'amore, che lo Spirito Santo riversa nei nostri cuori",