聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 06 10 2019 alle 16,13

Omelia 05 ottobre 2019

0

l Papa ai nuovi cardinali: testimoniate Cristo con cuore compassionevole

13 i nuovi cardinali creati questo pomeriggio da Papa Francesco nel sesto Concistoro del suo pontificato, improntato alla vocazione missionaria della Chiesa. Otto su 13 porporati infatti appartengono a ordini religiosi missionari . Dieci gli elettori e tre gli ultraottantenni che portano il collegio cardinalizio a 228 cardinali.Solenne la cerimonia alla presenza di delegazioni dai cinque continenti

 


Papa Francesco- "Chiediamo la grazia di un cuore compassionevole, per essere testimoni di Colui che ci ha guardato con misericordia".  E' il "requisito essenziale" della compassione, ricevuta da Dio e da donare ai fratelli, che Francesco imprime nel cuore dei tredici nuovi cardinali creati questo pomeriggio nella Basilica di San Pietro sfavillante di paramenti purpurei.

Sono testimoni della fede, ma soprattutto sono uomini di missione, di frontiera, di dialogo e di annuncio. Così il Papa li ha voluti richiamandoli a Roma dall'Asia, dall'Africa, dall'Europa e dall'America Latina. Oggi, ad un mese dall'annuncio, giurano fedeltà e obbedienza al successore di Pietro, per il bene del popolo di Dio. Berretta, anello, bolla sono questi i simboli del loro servizio e soprattutto di una responsabilità da vivere "con fortezza" e fino all' "effusione del sangue" come recita la formula della loro creazione. Avviare processi e non occupare spazi

E tutta la gratitudine e la riconoscenza per questa scelta di "collaboratori cum Petro e sub Petro", sono espresse al Papa dal cardinale Miguel Ángel Ayuso Guixot Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, che prende la parola a nome di tutti nell'abbraccio di tanti tra amici, familiari e fedeli venuti per onorarli. "Questo è un pò il Concistoro dei religiosi" afferma, ricordando quanti dei nuovi porporati fanno parte di ordini impegnati nell'annuncio del Vangelo nel mondo e quanto questa giornata si collochi provvidenzialmente nel mese missionario straordinario. Nelle sue parole soprattutto la certezza di un servizio da voler svolgere per la Chiesa e i fratelli:

"Lei, Santo Padre, con la sua instancabile opera, ci ha più volte invitato ad essere cuna 'Chiesa in uscita', ad andare alle periferie esistenziali, a camminare sulla strada del dialogo ecumenico ed interreligioso. Desideriamo adoperarci, assieme a Vostra Santità, ad avviare processi e non ad occupare spazi, a costruire un mondo nuovo dove possano regnare la fraternità, la pace e la convivenza comune. Chiediamo a Nostro Signore che ci doni uno sguardo e un cuore compassionevoli."

La compassione è scritta da sempre nel cuore di Dio 

Ed è proprio questo il cuore dell'omelia che Francesco rivolge loro - commentando la Lettura appena proclamata - è la "compassione", "scritta da sempre nel cuore di Dio"- perchè il suo è un cuore di Padre - e non "spuntata ad un certo punto nella storia della salvezza":

Nei Vangeli vediamo molte volte Gesù che sente compassione per le persone sofferenti. E più leggiamo, più contempliamo, e più comprendiamo che la compassione del Signore non è un atteggiamento occasionale, sporadico, ma è costante, anzi, sembra essere l’atteggiamento del suo cuore, nel quale si è incarnata la misericordia di Dio. 

Lo scarto genera strutture di non-compassione

Gesù è la "mano tesa di Dio sulla carne malata", Gesù "va a cercare le persone scartate": è così quando guarisce il lebbroso o quando salva il paralitico bloccato nella piscina di Betzatà. E' così nella Bibbia dove nel dialogo tra Dio e Mosè c'è tutto l'amore "impregnato di compassione" per il popolo. "Ciò che è divino è compassionevole" rimarca il Papa, "mentre purtroppo sembra che ciò che è umano ne sia tanto privo, tanto lontano". Succede anche ai discepoli di mostrarsi spesso "senza compassione", fa notare Francesco, è un "atteggiamento comune a noi umani" anche quando siamo religiosi o addetti al culto. "Ce ne laviamo le mani":

Il ruolo che occupiamo non basta a farci essere compassionevoli, come dimostra il comportamento del sacerdote e del levita che, vedendo un uomo moribondo sul ciglio della strada, passarono oltre dall’altra parte (cfr Lc 10,31-32). Dentro di sé avranno detto: “Non tocca a me”. Sempre c’è qualche pretesto, qualche giustificazione per guardare da un’altra parte; e quando un uomo di Chiesa diventa un funzionario, questa è l’uscita più amara. Ci sono sempre delle giustificazioni, a volte sono anche codificate e danno luogo a degli “scarti istituzionali”, come nel caso dei lebbrosi: “Certo, devono stare fuori, è giusto così”. E così si pensava, e così si pensa. Da questo atteggiamento molto, troppo umano, derivano anche strutture di non-compassione.

La compassione non è  facoltativa è essenziale

E allora c'è da chiedersi, e Francesco lo fa interpellando direttamente i nuovi cardinali: "Siamo coscienti, noi per primi, di essere stati oggetto della compassione di Dio?"; di essere da "sempre preceduti e accompagnati dalla sua misericordia?"; di essere " figli di compassione?". Maria lo è stata sempre. E non si tratta di una "cosa facoltativa" riflette il Papa e nemmeno di un "consiglio evangelico": 

No. Si tratta di un requisito essenziale. Se io non mi sento oggetto della compassione di Do, non comprendo il suo amore. Non è una realtà che si possa spiegare. O la sento o non la sento. E se non la sento, come posso comunicarla, testimoniarla, donarla? Anzi, non potrò fare questo. Concretamente: ho compassione per quel fratello, per quel vescovo, quel prete?… Oppure sempre distruggo con il mio atteggiamento di condanna, di indifferenza, di guardare da un’alta parte, in realtà per lavarmene le mani?

 La lealtà del ministero è radicata nella compassione

No all'indifferenza, dunque e no allo scarto. La capacità di essere leali anche al ministero cardinalizio dipende da questa consapevolezza viva:

La disponibilità di un Porporato a dare il proprio sangue – significata dal colore rosso dell’abito – è sicura quando è radicata in questa coscienza di aver ricevuto compassione e nella capacità di avere compassione. Diversamente, non si può essere leali. Tanti comportamenti sleali di uomini di Chiesa dipendono dalla mancanza di questo senso della compassione ricevuta, e dall’abitudine di guardare da un’altra parte, dall’abitudine dell’indifferenza.

La preghiera conclusiva del Papa per tutti i nuovi porporati è dunque quella di invocazione della grazia di un "cuore compassionevole" perchè insieme possano essere "testimoni di Colui che ci ha guardato con misericordia, ci ha eletti, ci ha consacrati e ci ha inviati a portare a tutti il suo Vangelo di salvezza". 

Al termine dell'omelia la cerimonia del Concistoro entra nel vivo. Il Papa pronuncia la formula di creazione di questi " intrepidi testimoni di Cristo" e li chiama ad uno ad uno; quindi in risposta ciascuno dei nuovi cardinali a sua volta, recitato il Credo, giura fedeltà e obbedienza "per ora e per sempre" al Vangelo, al Papa e ai suoi successori. Segue l'imposizione della berretta, la consegna dell'anello cardinalizio e l'assegnazione del Titolo o Diaconia, seguito dall'abbraccio di pace.

L'ultimo momento subito dopo il canto del Padre nostro vede il Pontefice sostare brevemente in preghiera davanti alla statua della Santissima Vergine per il canto dell'antifona mariana.