聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 02 07 2019 alle 09,14

Angelus, 29 giugno 2019

0

Papa: Come a Pietro, Cristo dice a noi: ‘mia Chiesa’

All’Angelus, papa Francesco invita tutti a dire “mia Chiesa”, non “con un senso di appartenenza esclusivo, ma con un amore inclusivo”. Pietro e Paolo “ci invitano a riscoprire la gioia di essere fratelli e sorelle nella Chiesa”. “Riconoscere i doni degli altri senza malignità e senza invidie”. Il saluto ai pellegrini del Vietnam.

 


Papa Francesco- Come un giorno a Pietro, oggi Cristo dice a noi “mia Chiesa”: nella sua riflessione prima dell’Angelus nella solennità dei santi Pietro e Paolo, papa Francesco si è soffermato “sull’aggettivo possessivo” con cui Gesù esprime la sua affezione “alla Chiesa, a noi”.

“Per il Signore noi non siamo un gruppo di credenti o un’organizzazione religiosa, siamo la sua sposa. Egli guarda con tenerezza la sua Chiesa, la ama con fedeltà assoluta, nonostante i nostri errori e tradimenti. Come quel giorno a Pietro, oggi dice a noi: ‘mia Chiesa’”.

“E possiamo ripeterlo anche noi: mia Chiesa. Non lo diciamo con un senso di appartenenza esclusivo, ma con un amore inclusivo. Non per differenziarci dagli altri, ma per imparare la bellezza di stare con gli altri, perché Gesù ci vuole uniti e aperti. La Chiesa, infatti, non è ‘mia’ perché risponde al mio io, alle mie voglie, ma perché io vi riversi il mio affetto. È mia perché me ne prenda cura, perché, come gli Apostoli nell’icona, anch’io la sorregga. Come? Con l’amore fraterno”.

Fra Pietro e Paolo, ha continuato, “non mancarono tra loro opinioni contrastanti e dibattiti franchi (cfr Gal 2,11 ss.). Ma quello che li univa era infinitamente più grande: Gesù era il Signore di entrambi, insieme dicevano ‘mio Signore’ a Colui che dice ‘mia Chiesa’. Fratelli nella fede, ci invitano a riscoprire la gioia di essere fratelli e sorelle nella Chiesa. In questa festa, che unisce due Apostoli tanto diversi, sarebbe bello dire: ‘Grazie, Signore, per quella persona diversa da me: è un dono per la mia Chiesa”. Fa bene apprezzare le qualità altrui, riconoscere i doni degli altri senza malignità e senza invidie. L’invidia provoca amarezza dentro, è aceto versato sul cuore. Rende amara la vita. Quant’è bello invece sapere che ci apparteniamo a vicenda, perché condividiamo la stessa fede, lo stesso amore, la stessa speranza, lo stesso Signore”.

“Alla fine del Vangelo Gesù dice a Pietro: «Pasci le mie pecore» (Gv 21,17). Parla di noi e dice mie pecore, con la stessa tenerezza con cui diceva mia Chiesa. Ecco l’affetto che edifica la Chiesa. Per intercessione degli Apostoli, chiediamo oggi la grazia di amare la nostra Chiesa. Chiediamo occhi che sappiano vedere in essa fratelli e sorelle, un cuore che sappia accogliere gli altri con l’amore tenero che Gesù ha per noi. E chiediamo la forza di pregare per chi non la pensa come noi: pregare e amare, non sparlare, magari alle spalle. La Madonna, che portava concordia tra gli Apostoli e pregava con loro (cfr At 1,14), ci custodisca come fratelli e sorelle nella Chiesa”.

Dopo la preghiera mariana, il pontefice ha salutato i pellegrini di Roma, che oggi festeggiano i loro due patroni. Egli ha chiesto loro di “reagire con senso civico ai segni di degrado morale e materiale che purtroppo anche a Roma si riscontrano”.

Dopo un saluto alla delegazione ecumenica del patriarca di Costantinopoli, presente a Roma per la festa dei due apostoli, Francesco ha salutato i fedeli da tante parti del mondo, giunti qui per la consegna del pallio ai loro arcivescovi e metropoliti, citando in particolare i pellegrini del Vietnam.