聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 10 06 2019 alle 12,28

Omelia di Pentecoste, 09 giugno 2019

0

Papa: Lo Spirito è il bisogno primo e ultimo della Chiesa

Alla Messa di Pentecoste, papa Francesco sottolinea che lo Spirito “cambia la vita” della Chiesa e del mondo. Egli crea “armonia dentro l’uomo” e anche “fuori, tra gli uomini”.  “Senza lo Spirito Gesù rimane un personaggio del passato, con lo Spirito è persona viva oggi; senza lo Spirito la Scrittura è lettera morta, con lo Spirito è Parola di vita. Un cristianesimo senza lo Spirito è un moralismo senza gioia; con lo Spirito è vita”. “Senza lo Spirito la Chiesa è un’organizzazione, la missione propaganda, la comunione uno sforzo”.  “Preghiamolo ogni giorno”. Un appello per la pace in Sudan.

 


Papa Francesco– “Lo Spirito è il bisogno primo e ultimo della Chiesa”: questa frase di san Paolo VI è la sintesi dell’omelia che papa Francesco ha pronunciato stamane in piazza san Pietro alla messa nella solennità di Pentecoste, insieme a decine di cardinali, vescovi e sacerdoti.

Prendendo l’esempio degli apostoli, che da persone timorose, ora “non hanno più paura di morire”; da silenziose, ora “parlano con parresia [coraggio]”; da “rinchiusi nel Cenacolo, ora annunciano a tutte le genti”, il pontefice afferma che lo Spirito santo “è la Persona più concreta, più vicina, quella che ci cambia la vita”.

Lo Spirito cambia creando anzitutto “armonia dentro l’uomo”: “è un’armonia così profonda che può trasformare persino le persecuzioni in beatitudini”. Egli ci libera dal “nervosismo”: “Oggi, nella fretta che il nostro tempo ci impone, sembra che l’armonia sia emarginata: tirati da mille parti rischiamo di scoppiare, sollecitati da un nervosismo continuo che ci fa reagire male a ogni cosa. E si cerca la soluzione rapida, una pastiglia dietro l’altra per andare avanti, un’emozione dietro l’altra per sentirsi vivi. Ma abbiamo soprattutto bisogno dello Spirito: è Lui che mette ordine nella frenesia. Egli è pace nell’inquietudine, fiducia nello scoraggiamento, gioia nella tristezza, gioventù nella vecchiaia, coraggio nella prova”.

“Senza lo Spirito – ha continuato - la vita cristiana è sfilacciata, priva dell’amore che tutto unisce. Senza lo Spirito Gesù rimane un personaggio del passato, con lo Spirito è persona viva oggi; senza lo Spirito la Scrittura è lettera morta, con lo Spirito è Parola di vita. Un cristianesimo senza lo Spirito è un moralismo senza gioia; con lo Spirito è vita”.

L’armonia creata dalla Spirito non è solo “dentro” l’uomo, ma anche “fuori, tra gli uomini”: è capace di creare unità fra persone “diverse”, “senza appiattire, senza omologare”.

Nel mondo segnato da “disarmonie” divenute vere e proprie “divisioni”, “abbiamo bisogno dello Spirito di unità, che ci rigeneri come Chiesa, come Popolo di Dio, e come umanità fraterna… Lo Spirito Santo… congiunge i distanti, unisce i lontani, riconduce i dispersi. Fonde tonalità diverse in un’unica armonia, perché vede anzitutto il bene, guarda all’uomo prima che ai suoi errori, alle persone prima che alle loro azioni. Lo Spirito plasma la Chiesa e il mondo come luoghi di figli e di fratelli… Chi vive secondo lo Spirito, … porta pace dov’è discordia, concordia dov’è conflitto. Gli uomini spirituali rendono bene per male, rispondono all’arroganza con mitezza, alla cattiveria con bontà, al frastuono col silenzio, alle chiacchiere con la preghiera, al disfattismo col sorriso”.

“Per essere spirituali – ha concluso -, per gustare l’armonia dello Spirito, occorre mettere il suo sguardo davanti al nostro. Allora le cose cambiano: con lo Spirito la Chiesa è il Popolo santo di Dio, la missione il contagio della gioia, e non proselitismo, gli altri fratelli e sorelle amati dallo stesso Padre. Ma senza lo Spirito la Chiesa è un’organizzazione, la missione propaganda, la comunione uno sforzo. Lo Spirito è il bisogno primo e ultimo della Chiesa (cfr S. PAOLO VI, Udienza generale, 29 novembre 1972). Egli «viene dov’è amato, dov’è invitato, dov’è atteso» (S. BONAVENTURA, Sermone per la IV Domenica dopo Pasqua). Preghiamolo ogni giorno. Spirito Santo, armonia di Dio, Tu che trasformi la paura in fiducia e la chiusura in dono, vieni in noi. Dacci la gioia della risurrezione, la perenne giovinezza del cuore. Spirito Santo, armonia nostra, Tu che fai di noi un corpo solo, infondi la tua pace nella Chiesa e nel mondo. Rendici artigiani di concordia, seminatori di bene, apostoli di speranza”.

Alla fine della comunione, e prima del canto e della preghiera pasquale del Regina Caeli, Francesco

ha lanciato un breve appello per la situazione del Sudan, dove la popolazione, che ha rifiutato il dittatore Omar al Bashir, si trova oggi a contrastare l’esercito che ha preso il potere. “Suscitano dolore e preoccupazione – ha detto il papa - le notizie che giungono in questi giorni dal Sudan. Preghiamo per questo popolo, perché cessino le violenze e si ricerchi il bene comune nel dialogo”.

Il pontefice ha anche ricordato che ieri a Cracovia, è stato confermato il culto verso il beato Michele Giedroyc, laico agostiniano del secolo 15mo, “modello di umiltà e di carità evangelica”. Il nuovo beato era lituano, ma ha operato a Cracovia. Alla cerimonia hanno partecipato vescovi polacchi e lituani.  “Questo evento – ha commentato Francesco - incoraggia i polacchi e i lituani a rinsaldare i legami nel segno della fede e della venerazione al Beato Michele”.