聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 21 05 2019 alle 07,51

Discorso al PIME, 20 maggio 2019

0

Papa al Pime: Protagonisti del Mese Missionario Straordinario

Papa Francesco ha incontrato in udienza i missionari del Pime - radunati a Roma per l’Assemblea generale -  e alcune rappresentanti della direzione generale delle Missionarie dell’Immacolata. La proposta dell’Evangelii Nuntiandi di san Paolo VI. “Non c’è vera evangelizzazione se il nome, l’insegnamento, la vita, le promesse, il Regno, il mistero di Gesù di Nazareth, Figlio di Dio, non siano proclamati”. Non confondere evangelizzazione con proselitismo. La “gioia di evangelizzare”.

 


Papa Francesco– Il Mese Missionario Straordinario - lanciato da papa Francesco per l’ottobre 2019, nell’occasione dei 100 anni dalla Lettera Apostolica Maximum illud di Papa Benedetto XV – deve trovare i missionari del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere) “protagonisti di questa ricorrenza, affinché sia occasione per rinnovare lo slancio missionario ad gentes”. È l’invito che papa Francesco ha rivolto oggi a un gruppo scelto di membri dell’istituto, in un’udienza stamattina.

L’incontro con il pontefice è avvenuto in occasione della XV Assemblea generale che il Pime sta celebrando in questi giorni. Assieme alla nuova direzione generale e alla direzione generale delle Missionarie dell’Immacolata, erano presenti i membri dell’Assemblea, oltre ad alcuni padri della comunità di Roma.

P. Ferruccio Brambillasca, superiore generale, ha salutato il pontefice ricordando le caratteristiche tradizionali del Pime: missionari ad gentes, per i non cristiani; che si donano a vita alla missione, e non per un periodo limitato; che vanno oltre i confini della propria nazione (ad extra); che svolgono la loro opera insieme, in una “famiglia di apostoli”. Egli ha anche sottolineato che in nell’Assemblea in corso, i missionari stanno studiando “persone, luoghi e modi della missione per il PIME di oggi e di domani” per rispondere all’urgenza impellente dell’evangelizzazione, come testimoniato da san Paolo: “Guai a me se non evangelizzo”.

Nel suo discorso, papa Francesco ha anzitutto sottolineato la “novità” qualificante l’istituto, Il “principio della corresponsabilità di tutte le diocesi per la diffusione del Vangelo ai popoli che ancora non conoscono Gesù Cristo”. E ha detto che l’urgenza della missione è “la necessità di annunciare Gesù Cristo”, perché “solo da Cristo prendono senso la nostra vita e la nostra missione”. Tale urgenza è simile a quella espressa da san Paolo VI nel suo famoso discorso a Manila nel 1970, che egli ha citato, e in quanto il papa del post-Concilio ha scritto nell’Evangelii Nuntiandi: “Non c’è vera evangelizzazione se il nome, l’insegnamento, la vita, le promesse, il Regno, il mistero di Gesù di Nazareth, Figlio di Dio, non siano proclamati” (EN, 22).

“Evangelizzare – ha aggiunto - è la grazia e la vocazione propria del vostro Istituto, la sua identità più profonda (cfr ibid., 14). Questa missione però – è sempre bene sottolinearlo – non vi appartiene, perché essa sgorga dalla grazia di Dio. Non c’è una scuola per diventare evangelizzatori; ci sono aiuti, ma è un’altra cosa. È una vocazione che avete da Dio. O sei evangelizzatore o non lo sei”.

Distaccandosi dal discorso scritto, a braccio egli ha comunicato una preoccupazione: quella di confondere la missione col proselitismo: “C’è un pericolo che torna a spuntare – sembrava superato ma torna a spuntare –: confondere evangelizzazione con proselitismo. No. Evangelizzazione è testimonianza di Gesù Cristo, morto e risorto. È Lui che attrae. È per questo che la Chiesa cresce per attrazione e non per proselitismo, come aveva detto Benedetto XVI. Ma questa confusione è nata un po’ da una concezione politico-economicista dell’“evangelizzazione”, che non è più evangelizzazione. Poi la presenza, la presenza concreta, per cui ti domandano perché sei così. E allora tu annunci Gesù Cristo. Non è cercare nuovi soci per questa “società cattolica”, no, è far vedere Gesù: che Lui si faccia vedere nella mia persona, nel mio comportamento; e aprire con la mia vita spazi a Gesù. Questo è evangelizzare. E questo è quello che hanno avuto nel cuore i vostri fondatori”.

Nell’ottica di prepararsi al Mese Missionario Straordinario, trovando la forza di un rinnovamento nella vita e nelle strutture del Pime, Francesco ha detto: “Non temiamo di intraprendere, con fiducia in Dio e tanto coraggio, una scelta missionaria capace di trasformare ogni cosa, perché le consuetudini, gli stili, gli orari, il linguaggio e ogni struttura ecclesiale diventino un canale adeguato per l’evangelizzazione del mondo attuale” (Lettera di indizione del Mese Missionario Straordinario 2019).

Affidando poi i missionari del Pime a Maria, perché essi siano sostenuti nel loro “lavoro al servizio del Vangelo”, “con gioia, anche nella fatica”, papa Francesco, ancora a braccio, ha aggiunto: “E su questo mi permetto di raccomandarvi gli ultimi numeri della Evangelii nuntiandi. Voi sapete che l’Evangelii nuntiandi è il documento pastorale più grande del dopo-Concilio: è ancora recente, ancora è vigente e non ha perso forza. Negli ultimi numeri, quando descrive come dev’essere un evangelizzatore, parla della gioia di evangelizzare. Quando San Paolo VI parla dei peccati dell’evangelizzatore: i quattro o cinque ultimi numeri. Leggetelo bene, pensando alla gioia che lui ci raccomanda”.

“Vi benedico – ha concluso - e prego per voi. E avete promesso, almeno il Superiore Generale ha promesso di pregare per me. Fatelo, per favore. Grazie!”.