聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 06 05 2019 alle 13,01

Omelia, 6 maggio 2019

0

Papa alla Messa di Rakovski: più uniti a Gesù, “Cristiani” è nostro cognome

Il Papa in Bulgaria, nella tappa a Rakovski, celebra la Santa Messa e somministra il sacramento della Prima Comunione per 245 bambini di tutto il Paese. E' la prima volta che succede durante un suo viaggio apostolico. Ricorda loro la “carta d’identità” dei cristiani ed esorta a essere ogni giorno più uniti a Gesù, desiderando che anche gli altri lo siano maggiormente

 


Papa Francesco- Ognuno di noi ha una “carta di identità”: “Dio è nostro Padre, Gesù è nostro Fratello, la Chiesa è la nostra famiglia, noi siamo fratelli, la nostra legge è l’amore”. E il nostro “cognome” è “Cristiani”. Papa Francesco nella Santa Messa in Bulgaria, alla chiesa del Sacro Cuore di Rakovski, dov’è arrivato con trasferimento aereo da Sofia, parla ai 245 bambini che ricevono la Prima Comunione e insieme a “tutta la Chiesa”. Lo ripete più volte, a braccio in italiano, al termine dell’omelia, senza che la lingua sia un ostacolo: aspetta la traduzione in bulgaro e intavola un dialogo coi piccoli. Ribadisce il concetto di Chiesa “famiglia”, dell’essere “amici” e “fratelli”, del pregare Gesù per chi si ama, la famiglia, i genitori, i nonni, i catechisti, i sacerdoti, gli amici.
Adesso parlerà Gesù ad ognuno di noi…
Il cuore dei bambini
Il Pontefice saluta i bambini e le bambine che lo hanno atteso al Sacro Cuore, ripetendo a gran voce il suo nome e regalando all’appuntamento, col bianco delle loro vesti e col sorriso sulle labbra, un candore e un’atmosfera tutti speciali. Sono giunti nel distretto di Plovdiv, nella parte meridionale della Bulgaria, “da ogni angolo” del Paese, la “Terra delle Rose”, per partecipare - osserva - a una “festa meravigliosa”: il primo incontro con Gesù, nel sacramento dell’Eucaristia. Francesco, che all’esterno dell’edificio si era soffermato a lungo con i 10 mila fedeli presenti, esorta anche “noi grandi” a ricordarlo attraverso di loro.
Oggi ci permettete di essere nuovamente in festa e celebrare Gesù che è presente nel Pane della Vita. Perché ci sono miracoli che possono accadere solo se abbiamo un cuore come il vostro, capace di condividere, di sognare, di ringraziare, di avere fiducia e di onorare gli altri. Fare la Prima Comunione significa voler essere ogni giorno più uniti a Gesù, crescere nell’amicizia con Lui e desiderare che anche altri possano godere la gioia che ci vuole donare. Il Signore ha bisogno di voi per poter realizzare il miracolo di raggiungere con la sua gioia molti dei vostri amici e familiari.
 
Gesù salva l’umanità
Gesù, spiega il Papa, ha fatto un atto “immenso di amore” per salvare l’umanità “di tutti i tempi”.
È rimasto nella tomba tre giorni, ma noi sappiamo – ce lo hanno assicurato gli Apostoli e molti altri testimoni che lo hanno visto – che Dio Padre e suo Padre e nostro, lo ha risuscitato. E ora Gesù è vivo ed è qui con noi, perciò oggi lo possiamo incontrare nell’Eucaristia. Non lo vediamo con questi occhi, ma lo vediamo con gli occhi della fede.
Figli adottivi di Dio
Ricordando il brano evangelico di Giovanni, in cui Gesù moltiplica cinque pani e due pesci, con un miracolo cominciato “dalle mani di un bambino£ che aveva portato ciò che aveva, Francesco rivolge ai bambini il saluto augurale che si usa anche in Bulgaria nel tempo pasquale: “Cristo è risorto”.

Questo saluto è l’espressione della gioia di noi cristiani, discepoli di Gesù, perché Lui, che ha dato la vita per amore sulla croce per distruggere il peccato, è risorto e ci ha resi figli adottivi di Dio Padre. Siamo contenti perché Egli è vivo e presente tra noi oggi e sempre.

Crescere nella fede

Con le tuniche bianche, nota il Papa, i piccoli sono vestiti “a festa”, perché “la Prima Comunione è innanzi tutto una festa, in cui celebriamo Gesù che - ricorda - ha voluto rimanere sempre al nostro fianco e che non si separerà mai da noi”.

Festa che è stata possibile grazie ai nostri padri, ai nostri nonni, alle nostre famiglie e alle nostre comunità che hanno aiutato noi a crescere nella fede.

Comunione fraterna

Nel percorso che li porta “a incontrare Gesù” e a “riceverlo” nei cuori, i bambini sono stati accompagnati da “sacerdoti e catechisti”, evidenzia Francesco. Ora il Papa è “contento” di condividere con tutti loro “questo grande momento”, che - è “sicuro” - non dimenticheranno mai.

State vivendo davvero una giornata in spirito di amicizia, spirito di gioia e fraternità e spirito di comunione tra di voi e con tutta la Chiesa che, specialmente nell’Eucaristia, esprime la comunione fraterna tra tutti i suoi membri.

La prima, non l’ultima

Raccomanda quindi di pregare sempre con “quell’entusiasmo e quella gioia che avete oggi”.

E ricordate che questo è il sacramento della Prima Comunione e non dell’ultima Comunion, ricordatevi che Gesù vi aspetta sempre. Perciò, vi auguro che oggi sia l’inizio di molte Comunioni, perché il vostro cuore sia sempre come oggi, in festa, pieno di gioia e soprattutto di gratitudine.

La Comunione ricevuta dal Papa

Prima di dare personalmente la Comunione, sotto le due specie, a ciascuno dei 245 bambini, come un parroco nella Messa dedicata ai più piccoli, li esorta a non pensare “ad altro”, ma a ricevere il corpo di Cristo “in silenzio”, anche le prossime volte, quando “prima di venire” perdoneranno anche coloro con cui forse avranno litigato. Quindi una lunga fila si forma davanti al Pontefice, che per la prima volta amministra la Prima Comunione ai bambini in un viaggio apostolico: così, attraverso le sue mani, incontrano Cristo.

Profonda gratitudine

Dopo il saluto di mons. Gheorghi Ivanov Jovcev, vescovo di Sofia e Plovdiv, che ha assicurato come i bambini abbiano compreso che la strada del volere bene a Gesù e al prossimo non deve essere percorsa per un giorno solo ma per tutta la vita, la benedizione e il ringraziamento di Francesco per i presenti, dai vescovi alle famiglie, e anche per coloro che non hanno potuto partecipare, in particolare “i malati e gli anziani”. La “viva riconoscenza” del Papa va anche alle autorità del Paese e a tutti coloro che hanno contribuito alla preparazione e all’organizzazione della celebrazione e alla "buona riuscita" della sua visita in Bulgaria. La cerimonia si chiude col saluto ai piccoli e il lancio di petali di rose bianche e gialle.