聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 21 04 2019 alle 20,16

Omelia Veglia Pasquale, 20 aprile 2019

0

Non seppelliamo la speranza, basta con psicologia del sepolcro

Nella Basilica Vaticana, il Pontefice presiede la Veglia Pasquale nella Notte Santa. Dopo la benedizione del fuoco nuovo nell’atrio, la processione con il cero pasquale e il canto dell’Exsultet, presiede la Liturgia della Parola, la Liturgia Battesimale e la Liturgia Eucaristica. Amministrati i sacramenti dell’iniziazione cristiana a 8 neofiti, provenienti da Italia, Ecuador, Perù, Albania e Indonesia

 


Papa Francesco- “La veglia madre di tutte le veglie”: con queste parole sant’Agostino definiva la celebrazione della Notte Santa, il tempo in cui Cristo vince la morte. Nella notte più luminosa dell’anno, Papa Francesco celebra la Veglia Pasquale e riaccende nel cuore di tutti la speranza per un futuro rischiarato dall’amore del Signore, un “amore che non cambia”, nonostante i peccati dell’uomo, nonostante i “monumenti all’insoddisfazione”, nonostante l’ostinazione a “seppellire la speranza”, nonostante la dilagante “psicologia del sepolcro”. 

La Luce che attraversa la storia

Nei simboli di cui è intessuta la Veglia Pasquale si esprime il senso della risurrezione di Cristo per la vita dell’uomo e del mondo. La benedizione del fuoco e la preparazione del cero pasquale, che il Pontefice compie nell’atrio della Basilica Vaticana, ricordano a tutti che il mondo delle tenebre è attraversato dalla Luce, il Cristo Risorto, in cui Dio ha realizzato in modo definitivo il suo progetto di salvezza. Questo orizzonte di speranza si staglia con la processione nella Basilica Vaticana, inizialmente avvolta dal buio. Tante volte il cammino dell’uomo sembra infrangersi “contro una pietra”, ricorda Papa Bergoglio nell’omelia, “sembra che i passi compiuti non giungano mai alla meta” e così può “insinuarsi l’idea che la frustrazione della speranza sia la legge oscura della vita”. Ma “il nostro cammino non è vano”, come non lo è stato per le donne che “portano gli aromi alla tomba” del Maestro, pur nel timore di vedersi sbarrata la strada da una pietra tombale.

Pasqua è la festa della rimozione delle pietre. Dio rimuove le pietre più dure, contro cui vanno a schiantarsi speranze e aspettative: la morte, il peccato, la paura, la mondanità. La storia umana non finisce davanti a una pietra sepolcrale, perché scopre oggi la “pietra viva” (cfr 1 Pt 2,4): Gesù risorto. Noi come Chiesa siamo fondati su di Lui e, anche quando ci perdiamo d’animo, quando siamo tentati di giudicare tutto sulla base dei nostri insuccessi, Egli viene a fare nuove le cose, a ribaltare le nostre delusioni.

Abbattiamo i monumenti all’insoddisfazione

Papa Francesco richiama la frase che “scuote le donne” al sepolcro e “cambia la storia”: “Perché cercate tra i morti colui che è vivo?” (Lc 24,5), e a ciascuno chiede di mettere a fuoco le pietre da rimuovere dalla propria esistenza, di non “seppellire la speranza”. Spesso, rimarca, “a ostruire la speranza è la pietra della sfiducia”: “quando si fa spazio l’idea che tutto va male e che al peggio non c’è mai fine”. In tal modo, si diviene “portatori di malsano scoraggiamento”, “cinici e beffardi”.

Pietra su pietra costruiamo dentro di noi un monumento all’insoddisfazione, il sepolcro della speranza. Lamentandoci della vita, rendiamo la vita dipendente dalle lamentele e spiritualmente malata. Si insinua così una specie di psicologia del sepolcro: ogni cosa finisce lì, senza speranza di uscirne viva.

La pietra del peccato

C’è poi una seconda pietra che “sigilla il cuore”, quella del peccato. Il peccato, infatti, “seduce, promette cose facili e pronte, benessere e successo, ma poi lascia dentro solitudine e morte”. Questo vuol dire “cercare la vita tra i morti”: rincorrere “il senso della vita nelle cose che passano”.

Perché ai luccicanti bagliori del denaro, della carriera, dell’orgoglio e del piacere non anteponi Gesù, la luce vera (cfr Gv 1,9)? Perché non dici alle vanità mondane che non è per loro che vivi, ma per il Signore della vita?

Un amore che non cambia

Sempre riferendosi all’episodio delle donne che vanno al sepolcro di Gesù, il Pontefice precisa che non di rado “preferiamo rimanere accovacciati nei nostri limiti, rintanarci nelle nostre paure”. E questo “perché nella chiusura e nella tristezza siamo noi i protagonisti, perché è più facile rimanere soli nelle stanze buie del cuore che aprirci al Signore”. Ma il Padre Celeste, ammonisce, “ci chiama ad alzarci, a risorgere sulla sua Parola, a guardare in alto e credere che siamo fatti per il Cielo”.

Dio ci chiede di guardare la vita come la guarda Lui, che vede sempre in ciascuno di noi un nucleo insopprimibile di bellezza. Nel peccato, vede figli da rialzare; nella morte, fratelli da risuscitare; nella desolazione, cuori da consolare. Non temere, dunque: il Signore ama questa tua vita, anche quando hai paura di guardarla e prenderla in mano.

“Gesù è specialista nel trasformare le nostre morti in vita, i nostri lamenti in danza”, è con Lui che “possiamo compiere anche noi la Pasqua”, passare “dalla chiusura alla comunione, dalla desolazione alla consolazione, dalla paura alla fiducia”. Questa è “la certezza non negoziabile della vita”: “nonostante tutto quello che possiamo combinare il suo amore non cambia”.

Lasciatevi trasformare dal Risorto

Papa Francesco chiede ai presenti, e quanti erano collegati grazie alla diretta, di non avere “una fede da museo”, perché “Gesù non è un personaggio del passato”, “non si conosce sui libri di storia”, ma si “incontra nella vita”.

A volte ci dirigiamo sempre e solo verso i nostri problemi, che non mancano mai, e andiamo dal Signore solo perché ci aiuti. Ma allora sono i nostri bisogni, non Gesù, a orientarci. Ed è sempre un cercare il Vivente tra i morti. Quante volte, poi, dopo aver incontrato il Signore, ritorniamo tra i morti, aggirandoci dentro di noi a rivangare rimpianti, rimorsi, ferite e insoddisfazioni, senza lasciare che il Risorto ci trasformi.

Di qui l’esortazione a dare “al Vivente il posto centrale nella vita”. “Chiediamo la grazia di non farci trasportare dalla corrente, dal mare dei problemi – conclude il Pontefice, prima di amministrare i sacramenti dell’iniziazione cristiana a 8 neofiti – di non infrangerci sulle pietre del peccato e sugli scogli della sfiducia e della paura. Cerchiamo Lui, in tutto e prima di tutto. Con Lui risorgeremo”.