聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 11 04 2019 alle 13,22

Udienza Generale,10 aprile 2019

0

Siamo tutti debitori di Dio, anche i santi

Papa Francesco ha dedicato la catechesi dell'udienza generale alla preghiera del "Padre nostro" e al momento nel quale chiediamo a Dio "rimetti i nostri debiti". Siamo debitori perchè "la vita è una grazia" e perché se amiamo "è grazie a Dio che ci ha amati per primo"

 


 

Papa Francesco- “Padre, abbi pietà di tutti noi, perché anche il più santo in mezzo a noi non cessa di essere tuo debitore”. Papa Francesco aggiunge questa invocazione alla preghiera del “Padre nostro” che ci sta aiutando a conoscere meglio nelle catechesi dell’udienza generale del mercoledì. La meditazione numero 12 è dedicata al momento nel quale chiediamo a Dio: “Rimetti a noi i nostri debiti”. 

Abbiamo bisogno ogni giorno del perdono, come il pane

Così, commenta Francesco, la preghiera “entra nel campo delle nostre relazioni con gli altri”. Come abbiamo bisogno del pane, che abbiamo chiesto al Padre poco prima, “così abbiamo bisogno del perdono. Ogni giorno”. Perché, chiarisce il Papa “Il cristiano che prega chiede anzitutto a Dio che vengano rimessi i suoi debiti, cioè i suoi peccati”. Anche se fossimo perfetti, “santi cristallini che non deflettono mai da una vita di bene”, aggiunge il Pontefice, “restiamo sempre dei figli che al Padre devono tutto”.

Questo è l’atteggiamento più pericoloso di ogni vita cristiana: l’orgoglio. È l’atteggiamento di chi si pone davanti a Dio pensando di avere sempre i conti in ordine con Lui: l’orgoglioso crede che ha tutto al suo posto.

Il peccato dell'orgoglio: non riconoscere i propri limiti

Come quel fariseo della parabola, ricorda Papa Francesco, “che nel tempio pensa di pregare ma in realtà loda sé stesso davanti a Dio: ‘Ti ringrazio, Signore, perché io non sono come gli altri’. E la gente che si sente perfetta, la gente che critica gli altri, è gente orgogliosa. Nessuno di noi è perfetto, nessuno”. Al contrario il pubblicano, un peccatore disprezzato da tutti, si ferma sulla soglia del tempio, “non si sente degno di entrare, e si affida alla misericordia di Dio”. E Gesù commenta: “Questi, a differenza dell’altro, tornò a casa giustificato” cioè perdonato. “Perché non era orgoglioso – commenta il Papa - perché riconosceva i suoi limiti e i suoi peccati”.

Un peccato che non si vede: la superbia

Ci sono peccati che si vedono e peccati che non si vedono, peccati nascosti. Il peggiore di questi, ricorda Francesco, “è la superbia”

Abbiamo parlato dell’orgoglio: la superbia è più o meno lo stesso. Il peggiore di questi è la superbia, che può contagiare anche le persone che vivono una vita religiosa intensa. C’era una volta un convento di suore, nell’anno 1600-1700, famoso, al tempo del giansenismo, che erano perfettissime e si diceva di loro che fossero purissime come gli angeli, ma superbe come i demoni. E’ una cosa brutta.

Inganni te stesso, se dici che non hai peccato

Il peccato divide la fraternità, sottolinea il Pontefice “ci fa presumere di essere migliori degli altri”, ci fa credere “che siamo simili a Dio”. E invece davanti a Dio siamo tutti peccatori, e abbiamo motivo di batterci il petto. “Se tu vuoi ingannare e stesso, dì che non hai peccato: ti stai ingannando”.

Siamo debitori anzitutto perché in questa vita abbiamo ricevuto tanto: l’esistenza, un padre e una madre, l’amicizia, le meraviglie del creato. Anche se a tutti capita di attraversare giorni difficili, dobbiamo sempre ricordarci che la vita è una grazia, è il miracolo che Dio ha estratto dal nulla.

Debitori di Dio per la capacità di amare

In secondo luogo, ricorda Papa Francesco nella catechesi, “siamo debitori perché, anche se riusciamo ad amare, nessuno di noi è capace di farlo con le sue sole forze. “Possiamo amare, ma con la grazia di Dio”. C’è quello, sottolinea il Papa “che i teologi antichi chiamavano un ‘mysterium lunae’ non solo nell’identità della Chiesa, ma anche nella storia di ciascuno di noi”

Cosa significa, questo “mysterium lunae”? Che è come la luna, che non ha luce propria: riflette la luce del sole. Anche noi, non abbiamo luce propria: la luce che abbiamo è un riflesso della grazia di Dio, della luce di Dio. Se ami è perché qualcuno, all’esterno di te, ti ha sorriso quando eri un bambino, insegnandoti a rispondere con un sorriso. Se ami è perché qualcuno accanto a te ti ha risvegliato all’amore, facendoti comprendere come in esso risiede il senso dell’esistenza.

Il mistero della luna: perdoniamo perchè siamo stati perdonati

Se ascoltiamo la storia di qualche persona che ha sbagliato, un carcerato, un condannato, un drogato, ricorda Francesco, ci domandiamo “chi debba essere incolpato dei suoi sbagli, se solo la sua coscienza, o la storia di odio e di abbandono che qualcuno si porta dietro”. E questo è il mistero della luna: “amiamo anzitutto perché siamo stati amati, perdoniamo perché siamo stati perdonati. E se qualcuno non è stato illuminato dalla luce del sole, diventa gelido come il terreno d’inverno”.

Come non riconoscere, nella catena d’amore che ci precede, anche la presenza provvidente dell’amore di Dio? Nessuno di noi ama Dio quanto Lui ha amato noi. Basta mettersi davanti a un crocifisso per cogliere la sproporzione: la sproporzione! Egli ci ha amato e sempre ci ama per primo.

La Pasqua è vicina: viviamola in pienezza 

Nei saluti in italiano, il Pontefice ricorda che “stiamo concludendo il cammino di Quaresima. La luce e la consolazione della Pasqua del Signore sono ormai vicine”. Prepariamoci, è l’invito finale del Papa “a far nostri i sentimenti di Cristo e a vivere in pienezza i giorni della sua passione e glorificazione”.