聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 29 03 2019 alle 09,52

Angelus, 03 marzo 2019

0

Agire con saggezza e carità, senza chiacchiericci

Commentando l’odierno brano evangelico di Luca, Francesco esorta quanti hanno responsabilità educative o di comando a compiere un “sano discernimento”, prima di ogni scelta e azione. Poi ricorda: la "mormorazione" distrugge famiglia, scuola, posto di lavoro, "dalla lingua incominciano le guerre"

 


Papa Francesco- Un invito a compiere un sano discernimento, prima di ogni scelta e di ogni azione. Lo ha lanciato il Papa all’Angelus domenicale in Piazza San Pietro, riflettendo sull’odierno brano evangelico di Luca che presenta brevi parabole, con le quali Gesù vuole indicare ai discepoli “la strada da percorrere per vivere con saggezza” 
La strada giusta per non causare danni
Ponendo l’interrogativo: “Può forse un cieco guidare un altro cieco?”, Gesù - spiega Francesco - “vuole sottolineare che una guida non può essere cieca, ma deve vedere bene, cioè deve possedere la saggezza, per guidare con saggezza, altrimenti rischia di causare dei danni alle persone che a lei si affidano”.
Gesù richiama così l’attenzione di quanti hanno responsabilità educative o di comando: i pastori d’anime, le autorità pubbliche, i legislatori, i maestri, i genitori, esortandoli ad essere consapevoli del loro ruolo delicato e a discernere sempre la strada giusta sulla quale condurre le persone.
Maestro e guida
Per indicare “se stesso come modello di maestro e guida da seguire”, Gesù sottolinea: “Un discepolo non è più del maestro; ma ognuno, che sia ben preparato, sarà come il suo maestro”.
È un invito a seguire il suo esempio e il suo insegnamento per essere guide sicure e sagge. E tale insegnamento è racchiuso soprattutto nel discorso della montagna, che da tre domeniche la liturgia ci propone nel Vangelo, indicando l’atteggiamento della mitezza e della misericordia per essere persone sincere, umili e giuste.
Credibilità
C’è poi un’altra “frase significativa” nel Vangelo di oggi, mette in risalto il Papa, che esorta a “non essere presuntuosi e ipocriti”: “Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?”.
Tante volte, lo sappiamo tutti, è più facile o comodo scorgere e condannare i difetti e i peccati altrui, senza riuscire a vedere i propri con altrettanta lucidità. Noi sempre nascondiamo i nostri difetti, li nascondiamo anche a noi stessi; invece, è facile vedere i difetti altrui. La tentazione è quella di essere indulgenti con se stessi – manica larga con se stessi - duri con gli altri. È sempre utile aiutare il prossimo con saggi consigli, ma mentre osserviamo e correggiamo i difetti del nostro prossimo, dobbiamo essere consapevoli anche noi di avere dei difetti. Se io credo di non averne, non posso condannare o correggere gli altri. Tutti abbiamo difetti: tutti. Dobbiamo esserne consapevoli e, prima di condannare gli altri, dobbiamo guardare noi stessi dentro. Possiamo così agire in modo credibile, con umiltà, testimoniando la carità.
 
Il chiacchiericcio distrugge
Il Papa esorta a capire “se il nostro occhio è libero o se è impedito da una trave”. Gesù dice: “Non vi è albero buono che produca frutto cattivo, né vi è d’altronde albero cattivo che produca un frutto buono. Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto”.
Il frutto sono le azioni, ma anche le parole. Anche dalle parole si conosce la qualità dell’albero. Infatti, chi è buono trae fuori dal suo cuore e dalla sua bocca il bene e chi è cattivo trae fuori il male, praticando l’esercizio più deleterio fra noi, che è la mormorazione, il chiacchiericcio, parlare male degli altri. Questo distrugge; distrugge la famiglia, distrugge la scuola, distrugge il posto di lavoro, distrugge il quartiere. Dalla lingua incominciano le guerre.
I saluti finali
Francesco ribadisce l’insegnamento di Gesù e auspica per tutti un esame di coscienza, chiedendoci se si parli “male degli altri”, cercando di “sporcare” il prossimo: “farà bene” cercare di “correggere almeno un po’” i nostri difetti. Nei saluti finali il Pontefice incoraggia i tanti fedeli presenti, tra cui rappresentanti di parrocchie, seminari, tanti ragazzi della Cresima e alunni delle scuole, a “camminare con gioia, con generosità, testimoniando ovunque la bontà e la misericordia del Signore”.
Argomenti