聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 29 03 2019 alle 09,40

Udienza Generale, 27 febbraio 2019

0

Il male ha i giorni contati perché Gesù è più forte

La catechesi di questo mercoledì è dedicata alla prima delle 7 invocazioni contenute nella preghiera del Padre nostro, cioè ‘sia santificato il tuo nome’. E’ una delle tappe del percorso proposto dal Papa alle udienze generali di questo periodo per riscoprire le parole che Gesù stesso ci ha insegnato.


Papa Francesco- "Sembra che l’inverno se ne stia andando e perciò siamo ritornati in Piazza. Benvenuti in piazza!" E' il cordiale saluto che Papa Francesco rivolge a fedeli e pellegrini che lo accolgono in piazza San Pietro in una bella mattinata di sole. La catechesi vuol approfondire la richiesta: ‘sia santificato il tuo nome’, espressa nel Padre nostro. E' la prima di sette richieste in cui ricorrono due parole: tu e noi. 
Tu e noi: la contemplazione di Dio e le nostre necessità
Le prime tre hanno al centro il 'tu' e sono i desideri di Gesù in cui anche noi entriamo e cioè: sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà; le altre quattro hanno al centro il 'noi' e le nostre necessità quotidiane di cui Gesù si fa interprete: il pane quotidiano, il perdono dei peccati, l’aiuto nella tentazione e la liberazione dal male. E il Papa dice:
Qui sta la matrice di ogni preghiera cristiana – direi di ogni preghiera umana –, che è sempre fatta, da una parte, di contemplazione di Dio, del suo mistero, della sua bellezza e bontà, e, dall’altra, di sincera e coraggiosa richiesta di quello che ci serve per vivere, e vivere bene.
Pregare è consegnare noi stessi a Dio
Gesù ci dice che non occorre moltiplicare le parole quando preghiamo perché, come riporta l’evangelista Matteo: ‘il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate’. E Francesco sottolinea che: “Quando parliamo con Dio, non lo facciamo per rivelare a Lui quello che abbiamo nel cuore: Lui lo conosce molto meglio di noi stessi!” Dio è come una mamma a cui basta un’occhiata per “capire tutto dei figli”.
Il primo passo della preghiera cristiana è dunque la consegna di noi stessi a Dio, alla sua provvidenza. È come dire: “Signore, Tu sai tutto, non c’è nemmeno bisogno che ti racconti il mio dolore, ti chiedo solo che tu stia qui accanto a me: sei Tu la mia speranza”.
 
La nostra vita deve testimoniare la santità di Dio 
Quando preghiamo poi, Gesù ci raccomanda sì di chiedere, ma senza preoccuparci e senza affannarci per le cose di cui abbiamo bisogno. Una contraddizione solo apparente, dice Francesco, perché “le domande del cristiano esprimono la confidenza nel Padre”. Nella prima domanda del Padre nostro, ‘sia santificato il tuo nome’, prosegue, si sente il desiderio di Gesù che tutti riconoscano “la bellezza e la grandezza del Padre e lo amino”. “E nello stesso tempo - spiega ancora - c’è la supplica che il suo nome sia santificato in noi, nella nostra famiglia, nella nostra comunità, nel mondo intero”. È Dio infatti che ci rende santi, ma siamo anche noi che, con la nostra testimonianza, manifestiamo la santità di Dio nel mondo. E a braccio aggiunge:
Dio è santo, ma se noi, se la nostra vita non è santa, c’è una grande incoerenza! La santità di Dio deve rispecchiarsi nelle nostre azioni, nella nostra vita. “Io sono cristiano, Dio è santo, ma io faccio tante cose brutte”, no, questo non serve. Questo, anche, fa male; questo scandalizza e non aiuta.
Il male ha i giorni contati
La santità di Dio è una forza che si espande, afferma il Papa, la santità di Gesù è protesa verso gli altri e si allarga formando cerchi sempre più ampi, il male invece “ha i giorni contati” perché sconfitto da Gesù. E conclude:
Noi non vacilliamo nell’incertezza, ma abbiamo una grande certezza: Dio mi ama; Gesù ha dato la vita per me! Lo Spirito è dentro di me. È questa la grande cosa certa. E il male? Ha paura.
Non strumentalizzare il nome di Dio 
Al termine della catechesi i saluti del Papa ai fedeli nelle varie lingue: a quelli di lingua araba, provenienti dall’Egitto, dall’Iraq e dal Medio Oriente Francesco dice:
“L’invocazione del nome di Dio ha l’unico obbiettivo di santificarlo e non di strumentalizzarlo. 'Sia santificato il tuo nome' significa impegnarsi affinché la mia vita sia un inno di lode alla grandezza di Dio, sia una manifestazione concreta della mia fede in Lui. Significa impegnarsi nella via della santità affinché gli altri glorifichino il Suo Santo nome. Il Signore vi benedica e vi protegga ‎sempre dal‎ maligno‎‎‎‏!”.
Il saluto del Papa alla Delegazione della Fiaccola Benedettina
Tra i saluti in lingua italiana, infine, quello alla Delegazione della Fiaccola Benedettina presente in piazza con l’arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo. 
 
L’accensione della fiaccola ‘Pro Pace et Europa Una’ è avvenuta a Norcia, sabato 23 febbraio. Quest’anno la ‘luce di Benedetto’ illuminerà il continente dalla Polonia, da Cracovia, terra di San Giovanni Paolo II. Nel suo cammino polacco, la fiaccola raggiungerà anche il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Quindi ci sarà la cerimonia di condivisione della fiamma con quattro monasteri benedettini locali e la celebrazione eucaristica presso la Cattedrale di Cracovia. Dopo il suo ritorno in Italia, la Fiaccola sarà accolta il 10 marzo al Sacro Speco di Subiaco e il 17 a Cassino; da qui farà rientro a Norcia la sera del 20 marzo. Le celebrazioni benedettine, religiose e civili, si concluderanno in contemporanea nelle tre città il 21 marzo.