聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 28 03 2019 alle 14,19

Santa Marta, 07 febbraio 2019

0

 Umiltà e mitezza per aprire il cuore degli altri

Ruota sulla conversione, sulla guarigione di cui tutti abbiamo bisogno, l’omelia del Papa stamani alla Messa a Casa Santa Marta

 


Papa Francesco- Per aprire il cuore degli altri ed invitare alla conversione servono mitezza, umiltà e povertà, seguendo i passi di Cristo, non bisogna credersi superiori o cercare qualche interesse umano. Lo sottolinea stamani Papa Francesco nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta. La sua riflessione parte dal brano del Vangelo di Marco (Mc 6,7-13) proposta dalla Liturgia di oggi: il messaggio è proprio quello della “guarigione”.

Se il cuore è chiuso, è tutta vernice di fuori

Gesù invia i suoi discepoli a guarire, come Lui stesso è venuto al mondo per guarire, “guarire la radice di peccato in noi”, “il peccato originale”. “Guarire è un po’ ricreare”, nota Papa Francesco: “Gesù ci ha ricreato dalla radice e poi ci ha fatto andare avanti con il suo insegnamento, con la sua dottrina, che è una dottrina che guarisce”, sempre. Ma il primo comando che dà è quello della conversione.

La prima guarigione è la conversione nel senso di aprire il cuore perché entri la Parola di Dio. Convertirsi è guardare da un’altra parte, convergere su un’altra parte. E questo apre il cuore, fa veder altre cose. Ma se il cuore è chiuso non può essere guarito. Se qualcuno è ammalato e per tenacia non vuole andare dal medico, non sarà guarito. E a loro dice, primo: “Convertitevi, aprite il cuore”. Anche se noi cristiani facciamo tante cose buone, ma se il cuore è chiuso è tutta vernice di fuori.

E alla prima pioggia sparirà. Pertanto il Papa esorta a farsi questa domanda: “Io sento questo invito a convertirmi, aprire il cuore per essere guarito, per trovare il Signore, per andare avanti?”.

 

Il pastore che non cerca il latte delle pecore

Per proclamare che la gente si converta, ci vuole però autorità. Per guadagnarla Gesù, nel Vangelo, dice di “non prendere per il viaggio nient'altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro”. In sostanza, la povertà: “l’apostolo, il pastore che non cerca il latte delle pecore, che non cerca la lana delle pecore”. Il Papa fa riferimento a quanto afferma Sant’Agostino che “parlando di questo dice che quello che cerca il latte, cerca i soldi e che a quello che cerca la lana, piace vestirsi con la vanità del suo mestiere. È un arrampicatore di onori”.

Cercando posti nella Chiesa non si guarisce nessuno

Il Papa invita invece a “povertà, umiltà, mitezza”. E, come esorta Gesù nel Vangelo, “se non vi ricevono andate da un’altra parte!”, facendo il gesto di scuotere i sandali ma – ribadisce il Papa – con mitezza e umiltà perché questo è l’atteggiamento dell’apostolo.  

Se un apostolo, un inviato, qualcuno di noi – ne siamo tanti di inviati qui -, va un po’ col naso in su, credendosi superiore agli altri o cercando qualche interesse umano o – non so – cercando posti nella Chiesa, non guarirà mai nessuno, non sarà riuscito ad aprire il cuore di nessuno, perché la sua parola non avrà autorità. L’autorità, il discepolo l’avrà se segue i passi di Cristo. E quali sono i passi di Cristo? La povertà. Da Dio si è fatto uomo! Si è annientato! Si è spogliato! La povertà che porta alla mitezza, all’umiltà. Il Gesù umile che va per la strada per guarire. E così un apostolo con questo atteggiamento di povertà, di umiltà, di mitezza, è capace di avere l’autorità per dire: “Convertitevi”, per aprire i cuori.

L'autorità viene dall'essere interessati alle persone

E dopo aver esortato alla conversione, gli inviati scacciavano molti demoni, con l’autorità di dire: “No, questo è un demonio! Questo è peccato. Questo è un atteggiamento impuro! Tu non puoi farlo”. Ma bisogna dirlo con “l’autorità del proprio esempio, non con l’autorità di uno che parla da su ma non è interessato alla gente”, sottolinea ancora Francesco spiegando che “quella non è autorità: è autoritarismo”. “Davanti all’umiltà, davanti al potere del nome di Cristo con il quale l’apostolo fa il suo mestiere se è umile, i demoni fuggono”, perché non sopportano che si guariscano i peccati.

Tutti possiamo guarirci fra noi, con una buona parola e la pazienza

Poi gli inviati guarivano anche il corpo, ungendo con l’olio molti infermi. “L’unzione è la carezza di Dio”, dice Papa Francesco. L’olio infatti è sempre una carezza, ammorbidisce la pelle e fa stare meglio. Gli apostoli devono quindi imparare “questa saggezza delle carezze di Dio”. “Così un cristiano guarisce, non solo un sacerdote, un vescovo”: “ognuno di noi ha – ribadisce il Papa -  il potere di guarire” il fratello o la sorella “con una buona parola, con la pazienza, con un consiglio a tempo, con uno sguardo, ma come l’olio, umilmente”.

Tutti noi abbiamo bisogno di essere guariti, tutti, perché tutti abbiamo malattie spirituali, tutti. Ma, anche, tutti noi abbiamo la possibilità di guarire gli altri, ma con questo atteggiamento. Che il Signore ci dia questa grazia di guarire come guariva Lui: con la mitezza, con l’umiltà, con la forza contro il peccato, contro il diavolo e andare avanti in questo bel "mestiere" di guarirci fra noi, perché tutti: “Io guarisco un altro e mi lascio guarire dall’altro”. Fra noi. Questa è una comunità cristiana.