聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 15 01 2019 alle 16,52

Angelus, 23 dicembre 2018

Maria, modello di fede e carità per un Natale estroverso

Papa Francesco, prima dell’Angelus, rilegge l’episodio evangelico della visita di Maria ad Elisabetta: lo Spirito Santo da’ alla Vergine il dinamismo della fede e della carità e la porta “ad accorrere al servizio dell’anziana parente”. In queste feste “al centro non ci sia il nostro ‘io’ ma il Tu di Gesù e dei fratelli” “che hanno bisogno di una mano”


Papa Francesco- Guardiamo a Maria, modello di fede e carità: la sua visita all’anziana cugina Elisabetta “ci prepara a vivere bene il Natale” un Natale “estroverso” nel quale “al centro non ci sia il nostro ‘io’, ma il Tu di Gesù e il tu dei fratelli, specialmente di quelli che hanno bisogno di una mano”. Papa Francesco,  rilegge il Vangelo della Visitazione proposto dalla liturgia di questa quarta domenica di Avvento, e spiega che lo Spirito Santo da’ alla Vergine il dinamismo della fede e della carità e la porta “ad accorrere al servizio dell’anziana parente”.L' incontro delle due madri in attesa

Il Papa descrive l’incontro tra le due madri in attesa. Elisabetta loda subito la fede di Maria: “E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto”.

È evidente il contrasto tra Maria, che ha avuto fede, e Zaccaria, il marito di Elisabetta, il quale aveva dubitato e non aveva creduto alla promessa dell’angelo e per questo rimane muto fino alla nascita di Giovanni.

L'incontro con Dio è frutto della fede 

Questo episodio, prosegue Francesco, “ci aiuta a leggere con una luce del tutto particolare il mistero dell’incontro dell’uomo con Dio”.

Un incontro che non è all’insegna di strabilianti prodigi, ma piuttosto all’insegna della fede e della carità. Maria, infatti, è beata perché ha creduto: l’incontro con Dio è frutto della fede. Zaccaria invece, che ha dubitato e non ha creduto, è rimasto sordo e muto, perché? Per crescere nella fede durante il lungo silenzio.

Senza fede manca la forza di parlare a chi soffre

Il Pontefice sottolinea che, come Zaccaria, “senza fede si resta inevitabilmente sordi alla voce consolante di Dio”, incapaci “di pronunciare parole di consolazione e di speranza per i nostri fratelli”.

E noi lo vediamo tutti i giorni: la gente che non ha fede o che ha una fede molto piccola e che non ha forza, quando deve avvicinarsi a una persona che soffre, le dice parole di circostanza, ma non riesce ad arrivare al cuore perché non ha forza. Non ha forza perché non ha fede, e se non ha fede non vengono le parole che arrivano al cuore altrui.

Una fede che si alimenta nella carità

La fede, continua Papa Francesco, “si alimenta nella carità. L’evangelista racconta che ‘Maria si alzò e andò in fretta’” in fretta ma non in ansia, chiosa il Papa, in “un gesto pieno di premura”.

Avrebbe potuto rimanere a casa per preparare la nascita di suo figlio, invece si preoccupa prima degli altri che di sé stessa, dimostrando nei fatti di essere già discepola di quel Signore che porta in grembo. L’evento della nascita di Gesù è cominciato così, con un semplice gesto di carità; del resto, la carità autentica è sempre frutto dell’amore di Dio.

Al centro non il nostro "io" ma i fratelli nel bisogno

Il Vangelo di questa domenica, conclude Francesco, “ci prepara a vivere bene il Natale, comunicandoci il dinamismo della fede e della carità”. Un dinamismo che “è opera dello Spirito Santo: lo Spirito d’Amore che fecondò il grembo verginale di Maria e che la spinse ad accorrere al servizio dell’anziana parente. Un dinamismo pieno di gioia, come si vede nell’incontro tra le due madri”, che, commenta ancora il Pontefice, “è tutto un inno di gioiosa esultanza nel Signore, che compie grandi cose con i piccoli che si fidano di Lui”.

La Vergine Maria ci ottenga la grazia di vivere un Natale estroverso, ma non disperso: estroverso, al centro non ci sia il nostro “io”, ma il Tu di Gesù e il tu dei fratelli, specialmente di quelli che hanno bisogno di una mano. Allora lasceremo spazio all’Amore che, anche oggi, vuole farsi carne e venire ad abitare in mezzo a noi.

Gesù nasce per tutti, la Chiesa è una famiglia

Il pensiero del Papa a chi fa il Natale lontano dalla famiglia

Dopo la preghiera dell’Angelus, il Papa ricorda il Natale ormai alle porte: “Il mio pensiero – scandisce - va in particolare alle famiglie, che in questi giorni si ricongiungono: chi vive lontano dai genitori parte e torna a casa; i fratelli cercano di ritrovarsi… A Natale è bello e importante stare insieme in famiglia”. Ma, sottolinea ancora Francesco, “tante persone non hanno questa possibilità”…

Oggi vorrei rivolgermi in modo particolare a tutti coloro che sono lontani dalla loro famiglia e dalla loro terra. Cari fratelli e sorelle, il nostro Padre celeste non vi dimentica e non vi abbandona. Se siete cristiani, vi auguro di trovare nella Chiesa una vera famiglia, dove sperimentare il calore dell’amore fraterno. E a tutti che sono lontani dalla loro famiglia, cristiani e non cristiani,dico: le porte della comunità cristiana sono aperte, Gesù nasce per tutti e dona a tutti l’amore di Dio.