聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 15 01 2019 alle 11,26

Angelus, 08 dicembre 2018

Eccomi! è affidarsi ogni giorno a Dio, come Maria

Nella solennità dell’Immacolata Concezione di Maria, Papa Francesco all’Angelus invita, ogni mattina, a dire: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Dopo la preghiera mariana, chiede di pregare per le vittime della tragedia di Corinaldo e ricorda la beatificazione dei 19 martiri d’Algeria “stimolo a costruire insieme un mondo di fraternità e solidarietà”

 


Papa Francesco-Come Maria, davanti all’angelo, “sarebbe bello dire ogni mattina ‘Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà’". Eccomi è la parola-chiave della vita, è “non vivere dipendendo dai problemi, ma fidandosi di Dio e affidandosi ogni giorno a Lui”. Così nella solennità dell’Immacolata Concezione di Maria, Papa Francesco prima della preghiera dell’Angelus, dalla finestra dello studio del palazzo apostolico che dà su piazza San Pietro, invita a non rispondere a Dio, come Adamo dopo il peccato originale: “Ho paura e mi sono nascosto”, ma come Maria senza peccato: “Ecco la serva del Signore”.Eccomi: parola-chiave della vita

Eccomi, spiega il Papa “è il contrario del mi sono nascosto. L’eccomi apre a Dio, mentre il peccato chiude, isola, fa rimanere soli con sé stessi. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio”.

“ Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa ”

Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese.

 

Ogni mattina a Dio: si compia in me la tua volontà

Perciò, prosegue Francesco, “dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate?”

Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Può tutto chi si fida di Dio in tutto

Maria, all’angelo, dice:“Avvenga per me secondo la tua parola”. Non dice, sottolinea il Pontefice: “avvenga secondo me”, ma “secondo Te”. Non pone limiti a Dio.

Non pensa: “mi dedico un po’ a Lui, mi sbrigo e poi faccio quel che voglio”. No, Maria non ama il Signore quando le va, a singhiozzo. Vive fidandosi di Dio in tutto e per tutto. Ecco il segreto della vita. Può tutto chi si fida di Dio in tutto.

Il diavolo ci tenta e insinua la sfiducia in Dio

Il Signore ricorda ancora Papa Francesco, soffre quando gli rispondiamo come Adamo: “ho paura e mi sono nascosto”. “Dio è Padre, il più tenero dei padri, e desidera la fiducia dei figli”.

Quante volte invece sospettiamo di Lui, pensiamo che possa mandarci qualche prova, privarci della libertà, abbandonarci. Ma questo è un grande inganno, è la tentazione delle origini, la tentazione del diavolo: insinuare la sfiducia in Dio.

Ma stare con Dio non risolve i magicamente  i problemi 

Oggi guardiamo alla bellezza della Madonna, prosegue il Pontefice, nata e vissuta senza peccato, che vince questa tentazione col suo eccomi, ed è sempre docile e trasparente a Dio. Ma non vuol dire che per lei la vita sia stata facile. “Stare con Dio  - ricorda il Papa - non risolve magicamente i problemi”. Infatti alla fine ‘l’angelo si allontanò da lei’, dice il Vangelo, e “lascia la Vergine sola in una situazione difficile”. Maria conosceva “in che modo particolare sarebbe diventata Madre di Dio, ma l’angelo non l’aveva spiegato agli altri”. E i problemi, sottolinea Francesco, iniziarono subito: “pensiamo alla situazione irregolare secondo la legge, al tormento di san Giuseppe, ai piani di vita saltati, a che cosa avrebbe detto la gente…” Ma Maria mette la fiducia in Dio davanti ai problemi. “È lasciata dall’angelo, ma crede che con lei, in lei, è rimasto Dio. E si fida”. È certa che col Signore tutto andrà bene.

Ecco l’atteggiamento sapiente: non vivere dipendendo dai problemi – finito uno, se ne presenterà un altro! – ma fidandosi di Dio e affidandosi ogni giorno a Lui: eccomi! è la parola, eccomi! È la preghiera. Chiediamo all’Immacolata la grazia di vivere così.

Preghiera per i ragazzi e la mamma morti a Corinaldo

Dopo la recita dell’Angelus, Papa Francesco volge il suo pensiero alle 6 vittime della tragedia di questa notte a Corinaldo, nelle Marche.

Assicuro un ricordo nella mia preghiera per i ragazzi e la mamma che sono morti questa notte in una discoteca a Corinaldo, vicino ad Ancona, come pure per i numerosi feriti. Chiedo per tutti l’intercessione della Madonna.

Applauso per i nuovi beati martiri di Algeria

Il Papa ricorda poi che oggi nel Santuario di Notre-Dame de Santa Cruz a Oran, in Algeria, vengono beatificati il vescovo Pietro Claverie e diciotto compagni religiosi e religiose, uccisi in odio alla fede. Martiri del nostro tempo, li definisce , che “sono stati fedeli annunciatori del Vangelo, umili costruttori di pace ed eroici testimoni della carità cristiana”

Un vescovo, sacerdoti, religiose, religiosi e laici. La loro coraggiosa testimonianza è fonte di speranza per la comunità cattolica algerina e seme di dialogo per l’intera società. Questa Beatificazione sia per tutti uno stimolo a costruire insieme un mondo di fraternità e di solidarietà. Facciamo un applauso ai nuovi Beati!

Azione Cattolica, risorsa per il cammino della Chiesa

Francesco sottolinea poi che oggi, “nelle parrocchie italiane si rinnova l’adesione all’Azione Cattolica, un’associazione che da 150 anni è un dono e una risorsa per il cammino della Chiesa in Italia”. E incoraggia l’Ac “a impegnarsi per la formazione di laici capaci di testimoniare il Vangelo, diventando lievito di una società più giusta e solidale”.

La fiaccola dell'Immacolata di Rocca di Papa 

Infine il Pontefice benedice di cuore “i fedeli di Rocca di Papa e la fiaccola con cui accenderanno la grande stella sulla Fortezza della loro bella cittadina, in onore di Maria Immacolata”.

Il pomeriggio a Santa Maria Maggiore e in Piazza di Spagna

E prima della benedizione Papa Francesco ricorda che nel pomeriggio si recherà “a Santa Maria Maggiore a pregare la Madonna” e dopo “in Piazza di Spagna per rinnovare il tradizionale atto di omaggio e di preghiera ai piedi del monumento all’Immacolata”. Un gesto, “che esprime la devozione filiale alla nostra Madre celeste”.