聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 07 12 2018 alle 16,15

Santa Marta, 06 Dicembre,2018

Essere un cristiano ‘del fare’ e costruire la propria vita sulla roccia di Dio

Francesco, riferendosi al passo del Vangelo odierno di Matteo e alla prima lettura tratta dal libro del profeta Isaia, ha indicato tre coppie di parole in contrasto l’una con l’altra, che segnano la vita: “dire e fare”, “sabbia e roccia”, “alto e basso”.

 


Papa Francesco- Essere un cristiano “del fare" e costruire la propria vita sulla roccia di Dio e non sulla sabbia della mondanità. Sono i propositi che ci si deve porre durante l’Avvento. L’ha detto papa Francesco all’omelia della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dal brano del Vangelo di oggi (Mt 7,21.24-27)  e dalla prima lettura tratta dal libro del profeta Isaia (Is 26,1-6) e indicando tre coppie di parole suggerite dai testi.
Il primo gruppo, “dire e fare”, contraddistingue due cammini opposti della vita cristiana. “Il dire è un modo di credere, ma molto superficiale, a metà cammino: io dico che sono cristiano ma non faccio le cose del cristiano. E’ un po’ – per dirlo semplicemente – truccarsi da cristiano: dire soltanto è un trucco, dire senza fare. La proposta di Gesù è concretezza, sempre concreto. Quando qualcuno si avvicinava e chiedeva consiglio, sempre cose concrete. Le opere di misericordia sono concrete”.
Anche la seconda coppia di parole “sabbia e roccia” si articola tra due direttrici opposte . La sabbia “non è solida”, è “una conseguenza del dire”, un truccarsi da cristiano, una vita costruita “senza fondamenti”. La roccia, invece, è il Signore. “E’ Lui, la forza. Ma tante volte, chi confida nel Signore non appare, non ha successo, è nascosto … ma è saldo. Non ha la sua speranza nel dire, nella vanità, nell’orgoglio, negli effimeri poteri della vita … Il Signore, la roccia. La concretezza della vita cristiana ci fa andare avanti e costruire su quella roccia che è Dio, che è Gesù; sul solido della divinità. Non sulle apparenze o sulla vanità, l’orgoglio, le raccomandazioni … No. La verità”.
Il terzo binomio, alto e basso, contrappone i passi degli orgogliosi e dei vanitosi a quelli degli umili. Ricordando la prima lettura tratta dal libro del profeta Isaia, Francesco ha sottolineato che il Signore “ha abbattuto coloro che abitavano in alto, ha rovesciato la città eccelsa, l’ha rovesciata fino a terra, l’ha rasa al suolo. I piedi la calpestano: sono i piedi degli oppressi, i passi dei poveri”. “Questo passo del profeta Isaia ha l’aria del canto della Madonna, del Magnificat: il Signore alza gli umili, quelli che sono nella concretezza di ogni giorno, e abbatte i superbi, quelli che hanno costruito la loro vita sulla vanità, l’orgoglio … questi non durano”.
In questo periodo di Avvento, ha concluso il Papa, ci aiuteranno alcune cruciali domande: "Io sono cristiano del dire o del fare?". "Costruisco la mia vita sulla roccia di Dio o sulla sabbia della mondanità, della vanità?". "Sono umile, cerco di andare sempre dal basso, senza orgoglio, e così servire il Signore?".