聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 07 12 2018 alle 15,39

Angelus, 02 dicembre 2018

0

Non restare bloccati nel chiuso della propria vita

Non lasciamoci opprimere da una vita egocentrica e non viviamo il Natale come una festa mondana, preoccupandoci solo di che cosa comprare. Francesco lo raccomanda all'Angelus. Poi il ricordo del Papa per la Siria, martoriata dalla guerra

 


Papa Francesco- Nell’Angelus della prima domenica di Avvento, Papa Francesco spiega come vivere questo tempo liturgico che ci prepara al Natale, e cioè all’accoglienza di Gesù, ma che risveglia in noi anche l’attesa del ritorno glorioso di Cristo e invita ciascuno di noi a prepararci all' “incontro finale con Lui con scelte coerenti e coraggiose": In queste quattro settimane siamo chiamati a uscire da un modo di vivere rassegnato e abitudinario, alimentando speranze e sogni per un futuro nuovo. Il Vangelo di questa domenica va proprio in tale direzione e ci mette in guardia dal lasciarci opprimere da uno stile di vita egocentrico e dai ritmi convulsi delle giornate.

Vigilanza e attesa di Gesù 

Gesù, nel brano odierno del Vangelo ci dice: “State attenti” e ancora “Vegliate in ogni momento pregando”.

Stare svegli e pregare: ecco come vivere questo tempo da oggi fino a Natale. Il sonno interiore nasce dal girare sempre attorno a noi stessi e dal restare bloccati nel chiuso della propria vita coi suoi problemi, le sue gioie e i suoi dolori, ma sempre girare intorno a noi stessi. E questo stanca, questo annoia, questo chiude la speranza.

Aprirsi agli altri e alla possibilità di un mondo nuovo

Vigilare, afferma il Papa, significa guardare oltre se stessi, per aprirci ai fratelli e “al desiderio di un mondo nuovo”.

È il desiderio di tanti popoli martoriati dalla fame, dall’ingiustizia e dalla guerra; è il desiderio dei poveri, dei deboli, degli abbandonati. Questo tempo è opportuno per aprire il nostro cuore, per farci domande concrete su come e per chi spendiamo la nostra vita.

Attenzione a non perdere la nostra identità cristiana

C’è poi la preghiera che è rivolgere i pensieri e il cuore a Gesù che sta per venire.

Pregare, attendere Gesù, aprirsi agli altri, essere svelti, non chiusi in noi stessi. Ma se noi pensiamo al Natale in un’area di consumismo, di vedere cosa posso comprare per fare quello e l’altro, di fare festa mondana, Gesù passerà e non lo troveremo. Noi attendiamo Gesù e lo vogliamo attendere nella preghiera, che è strettamente legata alla vigilanza.

Nella prima lettura di questa domenica il profeta Geremia invita il popolo, provato dall’esilio e che rischia di perdere la sua identità, alla speranza. E il Papa osserva che anche noi “rischiamo di mondanizzarci e di perdere la nostra identità, anzi, di ‘paganizzare’ lo stile cristiano”. Come allora il popolo d'Israele, abbiamo bisogno di credere che Dio realizzerà per noi le sue promesse.

Maria, la donna dell'attesa

Poi il riferimento di Francesco a Maria, la madre di Gesù, che ci accompagna in modo particolare in tempo di Avvento:

La Vergine Maria, che ci porta Gesù, donna dell’attesa e della preghiera, ci aiuti a rafforzare la nostra speranza nelle promesse del suo Figlio Gesù, per farci sperimentare che, attraverso il travaglio della storia, Dio resta sempre fedele e si serve anche degli errori umani per manifestare la sua misericordia.

 

La preghiera e l'accensione di un cero per la pace in Siria

Al termine della preghiera dell'Angelus, Papa Francesco ha ricordato la drammatica situazione che vive ancora, dopo otto anni, la Siria, devastata dalla guerra. Ha chiesto di pregare per quel popolo e perchè i cristiani possano rimanere in quelle terre. Aderendo all'iniziativa dell'associazione "Aiuto alla Chiesa che soffre, Francesco ha poi acceso un grosso cero, simbolo della speranza che presto in Siria possa ritornare la pace. Un gesto che, ha detto il Papa, tanti bambini oggi faranno, bambini siriani e tanti fedeli nel mondo contemporaneamente.