聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 27 11 2018 alle 15,08

Angelus, 25 November 2018

Regno di Dio dà pace, quelli fondati su armi crollano

All’Angelus Francesco ricorda che la storia insegna come i regni fondati sul potere delle armi e sulla prevaricazione siano fragili e prima o poi crollano. Il regno di Dio invece è fondato sull’amore e si radica nei cuori: solo Gesù, sottolinea, potrà dare un senso nuovo alla nostra vita, a volte messa a dura prova anche da sbagli e peccati, soltanto a condizione che non si seguano le logiche del mondo e dei suoi “re”

 


Papa Francesco- È Gesù il “re della nostra vita”, diffondiamo “il suo regno”, dando testimonianza alla verità “che è l’amore”. Così il Papa all’Angelus in una Piazza San Pietro bagnata dalla pioggia, che non ha fermato però il radunarsi di 25 mila fedeli (Ascolta il servizio con la voce del Papa).

La storia ci insegna che i regni fondati sul potere delle armi e sulla prevaricazione sono fragili e prima o poi crollano. Ma il regno di Dio è fondato sul suo amore e si radica nei cuori – il regno di Dio si radica nei cuori –, conferendo a chi lo accoglie pace, libertà e pienezza di vita. Tutti noi vogliamo pace, tutti noi vogliamo libertà e vogliamo pienezza. E come si fa? Lascia che l’amore di Dio, il regno di Dio, l’amore di Gesù si radichi nel tuo cuore e avrai pace, avrai libertà e avrai pienezza.

Il regno eterno di Cristo

Francesco riflette sull’odierna solennità di Gesù Cristo Re dell’universo, posta al termine dell’anno liturgico, che ricorda come la vita del creato proceda verso la “meta finale” che è “la manifestazione definitiva di Cristo”: la conclusione della storia sarà - spiega - “il suo regno eterno”. Il Pontefice si riallaccia al brano evangelico di Giovanni che racconta la “situazione umiliante” di Gesù dopo l’arresto nel Getsemani: condotto a forza dinanzi alle autorità di Gerusalemme, viene presentato al procuratore romano “come uno che attenta al potere politico, a diventare il re dei giudei”. A Pilato Gesù spiega come il suo regno non sia “di questo mondo”, affermando: “Tu lo dici: io sono re”.

È evidente da tutta la sua vita che Gesù non ha ambizioni politiche. Dopo la moltiplicazione dei pani, la gente, entusiasta del miracolo, avrebbe voluto proclamarlo re, per rovesciare il potere romano e ristabilire il regno d’Israele. Ma per Gesù il regno è un’altra cosa, e non si realizza certo con la rivolta, la violenza e la forza delle armi.

 

Amore e testimonianza di verità

Rispondendo ancora a Pilato, Gesù - osserva il Papa - gli fa notare come i suoi discepoli non abbiano combattuto per difenderlo.

Gesù vuole far capire che al di sopra del potere politico ce n’è un altro molto più grande, che non si consegue con mezzi umani. Lui è venuto sulla terra per esercitare questo potere, che è l’amore, rendendo testimonianza alla verità.

Regno di amore, giustizia e pace

Si tratta, spiega Francesco, della “verità divina” che è il messaggio essenziale del Vangelo, “Dio è amore” - come riporta l’evangelista Giovanni - e vuole “stabilire nel mondo il suo regno di amore, di giustizia e di pace”. Questo è, dunque, “il regno di cui Gesù è il re”, che si estende “fino alla fine dei tempi”. È proprio Gesù, dice il Papa, a chiederci oggi di “lasciare che Lui diventi il nostro re”.

Un re che con la sua parola, il suo esempio e la sua vita immolata sulla croce ci ha salvato dalla morte, indica questo re la strada all’uomo smarrito, dà luce nuova alla nostra esistenza segnata dal dubbio, dalla paura e dalle prove di ogni giorno. Ma non dobbiamo dimenticare che il regno di Gesù non è di questo mondo. Egli potrà dare un senso nuovo alla nostra vita, a volte messa a dura prova anche dai nostri sbagli e dai nostri peccati, soltanto a condizione che noi non seguiamo le logiche del mondo e dei suoi “re”.

I saluti dopo la preghiera mariana

Nei saluti finali, Francesco ricorda tra gli altri i partecipanti al Congresso sulla fertilità, promosso dall’Università Cattolica del Sacro Cuore nel 50° anniversario dell’Enciclica Humanae vitae di San Paolo VI. E, prima di accomiatarsi, definisce i presenti “coraggiosi” perché arrivati in Piazza sotto la pioggia.