聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 13 11 2018 alle 17,36

Santa Marta 05 novembre 2018

0

No all’egoismo dell’interesse, rivalità e vanagloria causano guerre

Il Pontefice celebra la Messa a Santa Marta e ricorda che nella vita non bisogna “essere selettivi”, seguendo semplicemente il proprio “tornaconto”, ma allargare l’orizzonte dell’esistenza alla gratuità universale

 


Papa Francesco- “La rivalità e la vanagloria” distruggono le fondamenta delle comunità, seminando divisioni e conflitti. Lo sottolinea Papa Francesco nell’omelia della Messa celebrata nella cappella della Casa Santa Marta. Partendo dal Vangelo secondo Luca (Lc 14,12-14), il Pontefice condanna “l’egoismo dell’interesse”, ribadendo che la “gratuità” predicata da Gesù “non è selettiva”. La gratuità è universale, non selettiva

 

L’insegnamento di Gesù è chiaro: “non fare le cose per interesse”, non scegliere le proprie amicizie sulla base della convenienza. Ragionare solo in base al proprio “tornaconto”, infatti, è “una forma di egoismo, di segregazione e di interesse”, mentre il “messaggio di Gesù” è esattamente il contrario: la “gratuità”, che “allarga la vita”, “allunga l’orizzonte, perché è universale”. I selettivi “sono fattori di divisione” e non favoriscono “l’unanimità” di cui parla San Paolo ai Filippesi, nella prima Lettura. “Ci sono due cose che vanno contro l’unità – insiste Papa Bergoglio – la rivalità e la vanagloria”.

E anche il chiacchiericcio nasce dalla rivalità, perché tanta gente si sente che non può crescere, ma per diventare più alto dell’altro diminuisce l’altro con il chiacchiericcio. Un modo di distruggere le persone. La rivalità. E Paolo dice: “No. Nella comunità non ci siano rivalità”. La rivalità è una lotta per schiacciare l’altro. E’ brutta, la rivalità: si può fare in modo aperto, diretto o si può fare con i guanti bianchi; ma sempre per distruggere l’altro e innalzare se stessi. E siccome io non posso essere così virtuoso, così buono, diminuisco l’altro, così io rimango sempre alto. La rivalità è una via a questo agire per interesse.

La vanagloria distrugge le comunità

Parimenti dannoso è chi si vanta di essere superiore agli altri.

Questo distrugge una comunità, distrugge una famiglia, pure … Pensate alla rivalità tra i fratelli per l’eredità del padre, per esempio: questa è cosa di tutti i giorni. Pensate alla vanagloria, a coloro che si vantano di essere migliori degli altri.

La vita cristiana nasce dalla gratuità di Gesù

Il cristiano, prosegue Papa Francesco, deve seguire l’esempio del Figlio di Dio, coltivando “la gratuità”: fare del bene senza preoccuparsi se gli altri fanno lo stesso; seminare “unanimità”, abbandonando “rivalità o vanagloria”. Costruire la pace con piccoli gesti vuol dire lastricare un cammino di concordia in tutto il mondo.

Quando noi leggiamo le notizie delle guerre, pensiamo alle notizie della fame dei bambini nello Yemen, frutto della guerra: è lontano, poveri bambini … ma perché non hanno da mangiare? Ma la stessa guerra si fa a casa nostra, nelle nostre istituzioni con questa rivalità: incomincia lì, la guerra! E la pace deve farsi lì: nella famiglia, nella parrocchia, nelle istituzioni, nel posto di lavoro, cercando sempre la unanimità e la concordia e non il proprio interesse.