聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 13 11 2018 alle 17,24

Angelus 01/11/2018

O santità o niente! Scegliamo la via delle Beatitudini

Nella festa di Tutti i Santi, Papa Francesco invita a non accontentarsi di essere cristiani "senza infamia e senza lode", e a non avere "mezze misure" come i santi che tifano per noi dal cielo. "Non si tratta di fare cose straordinarie, ma seguire ogni giorno la via" dell'umiltà, la mitezza, la misericordia, la purezza, che ci porta in cielo

 


Papa Francesco- Vogliamo davvero essere santi o “ci accontentiamo di essere cristiani senza infamia e senza lode, senza esagerare”? O santità o niente: i santi che qui sulla terra non hanno avuto mezze misure, tifano per noi, perché scegliamo la via delle Beatitudini, che ci porta in cielo, ogni giorno, senza fare cose straordinarie. Così Papa Francesco nella sua meditazione prima della recita dell’Angelus, nella festa di Tutti i Santi. 

Oggi festa di famiglia: i santi sono vicini a noi

Il suo sguardo va subito sulla prima lettura proposta dalla liturgia di oggi, dal Libro dell’Apocalisse. Che parla del cielo e di una “moltitudine immensa, incalcolabile”: i santi. Il loro canto che viene dal cielo è come il “Santo” che cantiamo nella Messa. In quel momento, allora, “siamo uniti a loro più che mai”. A tutti i santi, non solo a quelli più noti, ma anche “ai nostri familiari e conoscenti che ora fanno parte di quella moltitudine immensa”.

Oggi allora è ‘festa di famiglia’. I santi sono vicini a noi, anzi sono i nostri fratelli e sorelle più veri. Ci capiscono, ci vogliono bene, sanno qual è il nostro vero bene, ci aiutano e ci attendono. Sono felici e ci vogliono felici con loro in paradiso.

La via delle Beatitudini è via di felicità

E loro per questo ci invitano sulla via della felicità, quella indicata nel Vangelo di oggi, quello delle Beatitudini.

Il Vangelo dice beati i poveri, mentre il mondo dice beati i ricchi. Il Vangelo dice beati i miti, mentre il mondo dice beati i prepotenti. Il Vangelo dice beati i puri, mentre il mondo dice beati i furbi e i gaudenti. Questa via della beatitudine, della santità, sembra portare alla sconfitta.

E noi? Stiamo con il cielo o con la terra?

Ma, aggiunge Francesco, come ci ricorda il Libro dell’Apocalisse, hanno vinto loro, i santi, che portano “rami di palma nelle mani, i simboli della vittoria”. E non il mondo. Loro ci invitano a scegliere la loro parte, “quella di Dio che è santo”. E noi da che parte stiamo? Chiede il Papa. “Quella del cielo o quella della terra? Viviamo per il Signore o per noi stessi, per la felicità eterna o per qualche appagamento ora?”

“ Domandiamoci: vogliamo davvero la santità? O ci accontentiamo di essere cristiani senza infamia e senza lode, che credono in Dio e stimano il prossimo ma senza esagerare? ”

Il Signore, spiega il Pontefice, chiede tutto ma offre anche tutto, la vera vita, la felicità per la quale siamo stati creati”.

Insomma, o santità o niente! Ci fa bene lasciarci provocare dai santi, che qua non hanno avuto mezze misure e da là “tifano” per noi, perché scegliamo Dio, l’umiltà, la mitezza, la misericordia, la purezza, perché ci appassioniamo al cielo piuttosto che alla terra.

Siamo nati per godere la felicità di Dio

Oggi, conclude Papa Francesco, i santi ci chiedono di mettere in pratica questo bel Vangelo, e di “incamminarci sulla via delle Beatitudini”.

Non si tratta di fare cose straordinarie, ma di seguire ogni giorno questa via che ci porta in cielo, in famiglia, a casa. Oggi quindi intravediamo il nostro futuro e festeggiamo quello per cui siamo nati: siamo nati per non morire mai più, siamo nati per godere la felicità di Dio!

 

Maria accompagni i nostri cari nella famiglia celeste

A chi imbocca la via delle Beatitudini il Signore dice:  “Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli”.  Maria, Regina dei santi, è l’invocazione finale del Papa “ci aiuti a percorrere con decisione la strada della santità. Lei, che è la Porta del cielo, introduca i nostri cari defunti nella famiglia celeste”.

Corsa dei Santi, festa popolare

Dopo la preghiera mariana, recitata in una Piazza dove la pioggia concede un attimo di tregua, in una giornata davvero grigia, il Papa saluta i partecipanti alla Corsa dei Santi, promossa dalla Fondazione “Missioni Don Bosco”, ricorda, "per vivere in una dimensione di festa popolare la ricorrenza di Tutti i Santi". E agli atleti che hanno appena corso 10 o 3 chilometri nel centro di Roma sotto la pioggia dice "grazie per la vostra bella iniziativa e per la vostra presenza".

Domani al Cimitero Laurentino per commemorare i defunti

Infine Francesco ricorda che domani pomeriggio, nel giorno della commemorazione dei defunti, si recherà al Cimitero Laurentino di Roma, dove celebrerà la Messa. "Vi invito - conclude - ad accompagnarmi con la preghiera in questa giornata di suffragio per quanti ci hanno preceduto nel segno della fede e dormono il sonno della pace".