聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 12 11 2018 alle 18,55

Santa Marta 25 ottobre 2018

0

Riconoscersi peccatori è il primo passo per conoscere Gesù

Riconoscerci peccatori, concretamente, e conoscere l’amore di Cristo, per non essere “cristiani di parole”. E’ l’esortazione che Papa Francesco rivolge stamani alla Messa a Casa Santa Marta

 


Papa Francesco- Chi è Gesù Cristo per te? Stamani Papa Francesco pone questa domanda nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta. Se qualcuno ci chiede “chi è Gesù Cristo”, noi diremo quello che abbiamo imparato: è il Salvatore del mondo, il Figlio del Padre, quello che “recitiamo nel Credo”, ma un po’ più difficile – nota il Papa – è rispondere alla domanda su chi sia Gesù Cristo “per me”. E’ una domanda che “ci mette un po’ in imbarazzo” perché per rispondere, “devo arrivare al mio cuore”, cioè partire dall’esperienza. Come San Paolo partire dalla propria esperienza

San Paolo, infatti, ha proprio l’inquietudine di trasmettere che lui ha conosciuto Gesù Cristo tramite la sua esperienza, quando è caduto da cavallo, quando il Signore gli ha parlato al cuore. Non ha conosciuto Cristo “cominciando dagli studi teologici”  anche se, poi, “è andato a vedere come nella Scrittura era annunciato” Gesù.

Quello che Paolo ha sentito, vuole che noi cristiani lo sentiamo. Alla domanda che noi possiamo fare a Paolo: “Paolo, chi è Cristo per te?”, lui dirà la propria esperienza, semplice: “Mi amò e si è consegnato per me”. Ma lui è coinvolto con Cristo che ha pagato per lui. Questa esperienza, Paolo vuole che i cristiani – in questo caso i cristiani di Efeso – la abbiano, entrino in questa esperienza al punto che ognuno possa dire: “Mi amò e si consegnò per me”, ma dirlo con l’esperienza propria.

La Prima Lettura della Liturgia di oggi, infatti, è tratta dalla Lettera di Paolo agli Efesini (Ef 3,14-21), nella quale l’Apostolo dice: “radicati e fondati nella carità, siate in grado di comprendere” “quale sia l’ampiezza, la lunghezza, l’altezza e la profondità, e di conoscere l’amore di Cristo che supera ogni conoscenza, perché siate ricolmi di tutta la pienezza di Dio”.

Scelto per amore ma peccatore

E per arrivare all’esperienza che San Paolo ha avuto con Gesù, Papa Francesco sottolinea che recitare molte volte il Credo aiuta ma la strada migliore passa per il riconoscersi peccatori: è il primo passo. Quando, infatti, Paolo dice che Gesù si è consegnato per lui, vuol dire che ha pagato per lui e lo racconta nelle sue Lettere. La prima definizione che dà di se stesso è, dunque, quella di “essere un peccatore”, dicendo che ha perseguitato i cristiani, e parte proprio dall’essere “scelto per amore, ma peccatore”. “Il primo passo per la conoscenza di Cristo, per entrare in questo mistero – ribadisce il Papa - è la conoscenza del proprio peccato, dei propri peccati”.

Francesco rileva, poi che nel Sacramento della Riconciliazione “noi diciamo i nostri peccati” ma “una cosa è dire i peccati”, un’altra è riconoscersi peccatori di natura, “capace di fare qualsiasi cosa”, “riconoscersi una sporcizia”.  San Paolo, ribadisce Francesco, ha fatto questa esperienza della propria miseria, “che ha bisogno di essere redenta”, di qualcuno che “paghi il diritto a dirsi ‘figlio di Dio’”: “tutti lo siamo, ma dirlo, sentirlo, c’era bisogno del sacrificio di Cristo”. Quindi riconoscersi peccatori concretamente, vergognandosi di se stessi.

Conoscere Gesù, non cristiani di parole

C’è poi un secondo passo per conoscere Gesù: quello della contemplazione, della preghiera per chiedere di conoscerlo. “C’è una preghiera bella, di un Santo", che il Papa ricorda: "‘Signore, che Ti conosca e mi conosca’: conoscere se stessi e conoscere Gesù”. Qui si dà questo rapporto di salvezza, rileva il Papa esortando anche a “non accontentarsi con il dire tre, quattro parole giuste su Gesù” perché, invece, “conoscere Gesù è un’avventura, ma un’avventura sul serio, non un’avventura da ragazzino”, perché l’amore di Gesù è senza limiti.

Lo stesso Paolo lo dice: “Lui ha tutto il potere di fare molto più di quanto possiamo domandare o pensare. Ha la potenza di farlo. Ma dobbiamo domandarlo. “Signore, che io Ti conosca; che quando io parlerò di Te, dica non parole da pappagallo, dica parole nate nella mia esperienza. E come Paolo possa dire: «Mi amò e si è consegnato per me», e dirlo con convinzione”. Questa è la nostra forza, questa è la nostra testimonianza. Cristiani di parole, ne abbiamo tanti; anche noi, tante volte lo siamo. Questa non è la santità; santità è essere cristiani che operano nella vita quello che Gesù ha insegnato e quello che Gesù ha seminato nel cuore.

Tutti i giorni pregare di conoscere il Signore e noi stessi

In conclusione, Papa Francesco ribadisce i due passi per conoscere Gesù Cristo:

Primo passo, conoscere se stessi: peccatori; peccatori. Senza questa conoscenza e anche senza questa confessione interiore, che sono un peccatore, non possiamo andare avanti. Secondo passo, la preghiera al Signore, che con la sua potenza ci faccia conoscere questo mistero di Gesù che è il fuoco che Lui ha portato sulla Terra. Sarà una bella abitudine se tutti i giorni, in qualche momento, potessimo dire: “Signore, che Ti conosca e mi conosca”. E così andare avanti.