聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 12 11 2018 alle 18,41

Santa Marta 23 ottobre 2018

0

La speranza è concreta, è vivere per l’incontro con Gesù
Nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta, Papa Francesco riflette sulla speranza, che non è qualcosa di astratto, ma vivere aspettando l’incontro concreto con Gesù. Ed è saggio – sottolinea il Papa – saper gioire dei piccoli incontri della vita con il Signore
 


Papa Francesco- La donna incinta che aspetta gioiosa l’incontro con il figlio che sta per nascere e tutti i giorni si tocca la pancia per accarezzarlo. E’ l’immagine che Papa Francesco usa, stamani alla Messa a Casa Santa Marta, per spiegare cosa sia la speranza che, appunto, è vivere in vista dell’incontro concreto con Gesù, non è qualcosa di astratto. E la saggezza è saper gioire dei “piccoli incontri della vita con Gesù”.Cittadinanza ed eredità

Il Papa inizia la sua omelia riflettendo su due parole del messaggio liturgico di oggi: “cittadinanza” ed “eredità”. A parlare di cittadinanza è, infatti, la Prima Lettura tratta dalla Lettera di San Paolo agli Efesini (Ef 2,12-22). “E’ un regalo che Dio ci ha fatto” quello di averci reso “cittadini” e consiste nell’averci dato un’identità, “una carta d’identità”. Dio in Gesù, infatti, “ha abolito la Legge” per riconciliarci, eliminando l’inimicizia, così che possiamo “presentarci, gli uni e gli altri, al Padre in un solo Spirito”, cioè “ci ha fatto ‘uno’”, sottolinea Papa Francesco. Così “siete concittadini dei santi” in Gesù. E “la nostra identità è proprio questo essere guariti dal Signore, essere costruiti in comunità e avere lo Spirito Santo dentro”, prosegue il Papa.  

Dio, quindi, “ci fa camminare” verso l’eredità, con questa sicurezza, quella di essere “concittadini” e che “Dio è con noi”. E l’eredità – spiega Francesco – “è quello che noi cerchiamo nel nostro cammino, quello che riceveremo alla fine”. Ma bisogna cercarlo ogni giorno e quello che porta avanti nel cammino della nostra identità verso l’eredità è proprio la speranza, “la virtù forse più piccola, forse più difficile da capire”.

Se speri, mai sarai deluso

Fede, speranza e carità sono un dono. La fede è facile da comprendere come anche la carità. “Ma la speranza, cosa è?”, domanda Francesco sottolineando che, sì, è sperare il Cielo, di “incontrare i santi”, “una felicità eterna”. “Ma cosa è il Cielo, per te?”, chiede ancora il Papa:

Vivere in speranza è camminare, sì, verso un premio, verso la felicità che non abbiamo qui ma l’avremo là … è una virtù difficile da capire. E’ una virtù umile, molto umile. E’ una virtù che non delude mai: se tu speri, mai sarai deluso. Mai, mai. E’ anche una virtù concreta. “Ma come può essere concreta, se io non conosco il Cielo o quello che mi aspetta?”. La speranza, l’eredità nostra che è la speranza verso qualcosa, non c’è un’idea, non c’è essere in un posto bello … no. E’ un incontro. Gesù sempre sottolinea questa parte della speranza, questo essere in attesa, incontrare.

La donna incinta che vive per l’incontro con il figlio

Nel Vangelo odierno (Lc 12,35-38) consiste nell’incontro del padrone quando torna dalle nozze. Quindi è sempre un incontro con il Signore, qualcosa di concreto. E per farlo comprendere, Papa Francesco fa, appunto, un esempio concreto:

A me viene in mente, quando penso alla speranza, un’immagine: la donna gravida, la donna che aspetta un bambino. Va dal medico, gli fa vedere l’ecografia – “ah, sì, il bambino … va bene” … No! E’ gioiosa! E tutti i giorni si tocca la pancia per accarezzare quel bambino, è in aspettativa del bambino, vive aspettando quel figlio. Questa immagine ci può far capire che cosa sia la speranza: vivere per quell’incontro. Quella donna immagina come saranno gli occhi del figlio, come sarà il sorriso, come sarà, biondo o nero… ma immagina l’incontro con il figlio. Immagina l’incontro con il figlio.

 

Saper gioire dei piccoli incontri con Gesù

Il Papa ribadisce, quindi, che questa immagine della donna incinta può aiutare a capire cosa sia la speranza e a farsi alcune domande:

“Io spero così, concretamente, o spero un po’ diffuso, un po’ gnosticamente?”. La speranza è concreta, è di tutti i giorni perché è un incontro. E ogni volta che incontriamo Gesù nell’Eucaristia, nella preghiera, nel Vangelo, nei poveri, nella vita comunitaria, ogni volta diamo un passo in più verso questo incontro definitivo. La saggezza di saper gioire dei piccoli incontri della vita con Gesù, preparando quell’incontro definitivo.

In conclusione, Francesco sottolinea ancora che la parola “identità” è in riferimento all’averci resi una comunità e l’eredità è la forza con cui lo Spirito Santo “ci porta avanti con la speranza”, ed esorta a chiedersi come si è cristiani e se ci si aspetti in eredità un Cielo in un certo senso astratto o un incontro.