聆听教宗方济各
我们将通过这一博客,在一周之内发表教宗方济各讲话 的中文版、教宗每主日的三钟经祈祷讲话、周三例行公开接 见要理、每天清晨在圣女玛尔大之家的弥撒圣祭讲道。 教宗的讲话言简意赅、直入我们每个人的内心深处。他 的话不需要任何评论或者理论说教,只要认识了解、反思默 想足以

IN CAMMINO CON PAPA FRANCESCO
Con questo blog vorremmo mettere in circolazione, entro una settimana, anche in cinese,
le parole che Papa Francesco ci regala all’Angelus di ogni domenica, nella Udienza del Mercoledì, e nelle celebrazioni quotidiane di Santa Marta.
Papa Francesco parla in maniera chiara e diretta, parla al cuore di ognuno di noi. Le sue parole non hanno bisogno di commenti o teorie, ma di essere conosciute e meditate.
HOME - 主页     FOTO - 照片     RICERCA - 搜索     MOBILE - 移动

博客归档 - Archivio blog

Angelus
三钟经


Regina Coeli
天皇后喜乐经


Biografia
生平简历


Costituzioni Apostoliche
宗座宪章


Discorsi
讲话


Encicliche
通谕


Esortazioni Apostoliche
宗座劝谕


Interviste
采访


Lettere
书信


Lettere Apostoliche
宗座书函


Messaggi
文告


Motu Proprio
自动诏书


Omelie
弥撒讲道


Preghiere
祈祷


Santa Marta
圣女玛尔大之家


Udienze
周三公开接见


Viaggi
出访


Servizi
服务


SPECIALE TERRA SANTA
圣地专题报道


在中国的讯息
Scritto da Gigi Di Sacco
il 01 10 2018 alle 17,49

Santa Marta, 18 settembre 2018

0

Il pastore è umile, compatisce e prega se è accusato

Papa Francesco, nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta, ricorda che Gesù, icona del pastore, aveva autorità per la sua umiltà e per la compassione che esprimeva in mitezza e tenerezza. “Anche noi pastori” dobbiamo essere vicini alla gente, non ai potenti o gli ideologi “che ci avvelenano l’anima”

 


Papa Francesco-Quello che dava autorità a Gesù come pastore era la sua umiltà, la vicinanza con la gente, la compassione, che si esprimeva in mitezza e tenerezza. E quando le cose andavano male, come sul Calvario, “stava zitto e pregava”. Papa Francesco, nell’ omelia della messa del mattino a Casa Santa Marta ripropone Gesù come icona e modello di pastore, con un’ autorità che è una grazia dello Spirito Santo e gli deriva dall’esser vicino alla gente, “non ai gruppetti dei potenti, degli ideologi”. Francesco commenta il brano del Vangelo di Luca proposto dalla liturgia, quello del miracolo della resurrezione del figlio unico di madre vedova, e sottolinea che Gesù aveva autorità davanti al popolo, non per la dottrina che predicava, che era quasi la stessa degli altri, ma perché era “umile e mite di cuore”. “Lui non sgridava, Lui non diceva ‘io sono il Messia’ o ‘sono il Profeta’; non faceva suonare la tromba quando guariva qualcuno o predicava alla gente o faceva un miracolo come la moltiplicazione dei pani. No. Lui era umile. Lui faceva”. Ed era “vicino alla gente”.

Gesù è vicino alla gente, i dottori della Legge no

I dottori della Legge, invece, “insegnavano dalla cattedra e si allontanavano dalla gente”. Non erano interessati alla gente, o solo per dare comandamenti, che “moltiplicavano fino a più di 300”. Ma non erano vicini alla gente.

Nel Vangelo, quando Gesù non era con la gente, era con il Padre, a pregare. E la maggior parte del tempo nella vita di Gesù, nella vita pubblica di Gesù, Egli la passò sulla strada, con la gente. Questa vicinanza: l’umiltà di Gesù, quello che dà autorità a Gesù, lo porta la vicinanza con la gente. Lui toccava la gente, abbracciava la gente, guardava negli occhi la gente, ascoltava la gente. Vicino. E questo gli dava autorità.

Era capace di 'patire con', pensava con il cuore

San Luca, nel Vangelo, sottolinea la “grande compassione” che prese Gesù vedendo la madre vedova, sola, e il ragazzo morto. Lui aveva “questa capacità di patire con. Non era teorico”. Si può dire che “pensava con il cuore, non staccava la testa dal cuore”.

E ci sono due tratti di questa compassione che vorrei sottolineare: la mitezza e la tenerezza. Gesù dice: “Imparate da me che sono umile e mite di cuore”: mite di cuore. Quella mitezza. Lui era mite, non sgridava. Non puniva la gente. Era mite. Sempre con mitezza. Si arrabbiava Gesù? Sì! Pensiamo quando ha visto la casa di suo Padre diventata un shopping, per vendere delle cose, i cambia-monete … lì si arrabbiò, prese la frusta e cacciò via tutti. Ma perché amava il Padre, perché era umile davanti al Padre, aveva questa forza.

Una compassione fatta di tenerezza e mitezza

La tenerezza, poi. Gesù non ha detto “Non piangere, signora”, stando distante. “No. Si è avvicinato, forse le ha toccato le spalle, forse l’ha accarezzata. ‘Non piangere’. Questo è Gesù. E Gesù fa lo stesso con noi, perché è vicino, è in mezzo alla gente, è pastore”. L’altro gesto di tenerezza è prendere il ragazzo e restituirlo alla madre. Insomma “Umile e mite di cuore, vicino alla gente, con capacità di compatire, con compassione e con questi due tratti di mitezza e di tenerezza. Questo è Gesù”. E fa con tutti noi, quando si avvicina, quello che ha fatto con il ragazzo e la mamma vedova.

Gesù è l'icona del pastore dalla quale imparare

“Questa è l’icona del pastore” sottolinea il Pontefice, e da questa dobbiamo imparare noi pastori: “vicini alla gente, non ai gruppetti dei potenti, degli ideologi … Questi  ci avvelenano l’anima, non ci fanno bene!”. Il pastore, quindi, “deve avere la potenza e l’autorità che aveva Gesù, quella dell’umiltà, quella della mitezza, della vicinanza, della capacità di compassione, della tenerezza”.

Il pastore accusato soffre, offre la vita e prega

E quando poi le cose a Gesù sono andate male, si chiede il Papa, cosa ha fatto?

Quando la gente lo insultava, quel Venerdì Santo, e gridava “crucifige”, rimaneva zitto perché aveva compassione di quella gente ingannata dai potenti del denaro, del potere … Stava zitto. Pregava. Il pastore, nei momenti difficili, nei momenti in cui si scatena il diavolo, dove il pastore è accusato, ma accusato dal Grande Accusatore tramite tanta gente, tanti potenti, soffre, offre la vita e prega. E Gesù pregò. La preghiera lo portò anche alla Croce, con fortezza; e anche lì ebbe la capacità di avvicinarsi e guarire l’anima del Ladrone.

La grazia della stessa autorità per i pastori di oggi

Oggi rileggiamo il brano, è l’invito finale di Papa Francesco, di Luca, capitolo VII, per vedere “dov’è l’autorità di Gesù”. E chiediamo la grazia “che tutti noi pastori abbiamo questa autorità: un’ autorità che è una grazia dello Spirito Santo”.